TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 14/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 Stephen Corry 
Author /   Stephen Corry
Stephen Corry
Biographies available: Italiano  English  Español  Français 

 


Stephen Corry

 

Stephen Corry è direttore dei progetti del movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni Survival International dal 1972, nel 1984 né è divenuto il Direttore generale. Presidente della Free Tibet Campaign dal 1993 al 2009, fa parte del suo Consiglio.

Nel corso della sua vita, in qualità di attivista e Direttore generale di Survival International, Corry ha lavorato con i popoli indigeni di India, Africa e Sud America, in particolare in Amazzonia. Negli anni settanta si fece promotore del concetto di autodeterminazione dei popoli indigeni, arricchendo un dibattito che fino ad allora era rimasto polarizzato sui concetti di "assimilazione" e "conservazione". Dagli anni ottanta lavorò per far conoscere la causa dei popoli indigeni anche al vasto pubblico. Negli anni novanta si schierò contro idee quali il "rainforest harvest", che minacciavano di confondere problemi economici e diritti umani.

Prese parte alla campagna per la difesa dei diritti dei Boscimani del Botswana, ritenuti ingiustamente perseguitati dal governo del paese; per questo è stato (erroneamente) dichiarato dal Botswana "nemico pubblico numero uno".
 
Gli sforzi di Corry si concentrano soprattutto attorno all'obiettivo di alimentare un movimento mondiale a sostegno dei diritti dei popoli indigeni sufficientemente forte da sradicare l'idea che si tratti di società arretrate, primitive e destinate inevitabilmente a scomparire. Il suo libro "Tribal peoples for tomorrow's word" tratta queste tematiche.
 
Tra il 2012 e 2014, Stephen Corry ha scritto una serie di articoli per denunciare il ritorno dello stereotipo colonialista del "cattivo selvaggio", diffuso da celebri scrittori di opere di divulgazione scientifica come Jared Diamond, Steven Pinker e Napoleon Chagnon. Secondo Corry, queste idee "non sono soltanto sbagliate, ma anche estremamente pericolose per i popoli indigeni e i loro diritti". I suoi articoli sono stati pubblicati da diverse testate internazionali; in Italia, tra gli altri, dal Corriere della Sera e dalla rivista accademica dell'Associazione Nazionale Universitaria degli Antropologi Culturali, ANUAC[7].
 
Nel 2014 ha partecipato alla Public Interest Environmental Law Conference PIELC, organizzata dalla University of Oregon School of Law.




URL: https://www.survivalinternational.org/

URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/biographie.asp?ref_aut=6850&lg_pp=it


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.