TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 18/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Il James Bond sionista? Come un agente del Mossad ha aiutato a consolidare il brutale regime di Noriega a Panama
Date of publication at Tlaxcala: 06/04/2021
Original: The Zionist James Bond? How a Mossad agent helped entrench Noriega's brutal regime in Panama
Translations available: Français  Español 

Il James Bond sionista? Come un agente del Mossad ha aiutato a consolidare il brutale regime di Noriega a Panama

Eitay Mack איתי מאק إيتاي ماك

Translated by  Beniamino Rocchetto

 

Documenti declassificati del Ministero degli Esteri fanno luce sui legami segreti intessuti da un uomo d’affari israeliano e agente del Mossad con la dittatura militare che  governò Panama per 20 anni.

Mike Harari, al centro, dietro Noriega, in Israele 

L'italo-panamense Hugo Spadafora fu rapito in pieno giorno nel settembre 1985. Medico locale in una piccola città nella parte orientale di Panama, il Dottor Spadafora era da tempo nel mirino del regime militare per le feroci critiche che osava rivolgergli. Lo spietato capo del regime, il Generale Manuel Noriega,  ordinò che Spadafora fosse rapito e torturato a morte; parti del suo corpo senza testa  furono trovate a marcire in un sacco dell’ufficio postale. I segni delle torture che aveva subito erano chiaramente evidenti. La sua testa non è mai stata trovata.

Tuttavia, alcuni direbbero che la famiglia Spadafora è stata fortunata. A differenza della lunga lista di oppositori della giunta militare a Panama che erano “scomparsi”, almeno avevano un corpo da seppellire. La tortura, i rapimenti, gli omicidi e le sparizioni erano parte integrante della realtà quotidiana a Panama sin dal colpo di stato militare dell’ottobre 1968. Il dittatoriale regime mantenne il potere fino a quando non fu abbandonato dal suo protettore americano. Quando Noriega si rifiutò di cedere il potere, gli Stati Uniti invasero Panama e lo destituirono con la forza. Era la fine del 1989.

La dittatura a Panama in effetti è durata per 22 anni grazie al sostegno americano, ma gli Stati Uniti non sono stati l’unico paese che ha sostenuto il brutale governo militare panamense. Anche Israele aveva interessi strategici nel paese centroamericano e mantenne stretti legami con il governo, ignorando sistematicamente le sue violazioni dei diritti umani e la sua radicata corruzione.

Ancora oggi, la maggior parte dei fatti sui rapporti americani e israeliani con la giunta panamense rimangono sconosciuti. L’esercito degli Stati Uniti è in possesso di un archivio di migliaia di fascicoli di documenti classificati relativi al Generale Noriega. Da parte israeliana, anche i relativi documenti del Mossad riguardanti quel periodo rimangono inaccessibili al pubblico. Quello che è chiaro è che all’epoca sia Israele che gli Stati Uniti avevano interessi politici e strategici legati non solo a Panama e al suo famoso canale, ma a tutto il Centro e Sud America. Un esempio di ciò è l’affare Iran-Contra della metà degli anni ’80, durante il quale Noriega aiutò gli Stati Uniti e Israele ad armare le forze ribelli che cercavano di rovesciare il governo socialista in Nicaragua.

Documenti del Ministero degli Esteri recentemente declassificati dagli Archivi di Stato israeliani fanno luce sui legami che Israele ha mantenuto con i dispotici governanti di Panama. I numerosi fascicoli includono rapporti dell’ambasciata israeliana a Panama City, che aggiornano il Ministero a Gerusalemme sugli sviluppi locali. Quali erano esattamente gli interessi di Israele a Panama? I documenti non lo dicono. Ciò che mettono in chiaro in modo inequivocabile è che i legami militari e politici di Israele con Panama sono stati condotti durante i decenni in questione dal Mossad, con la totale estraneità del ministero degli Esteri.

Pertanto, molti dei fascicoli presentano una figura centrale: Michael “Mike” Harari, l’agente speciale del Mossad che  istituì l’unità di assassinio dell’agenzia di spionaggio e venne soprannominato il “James Bond Sionista” dai giornalisti israeliani. Harari mantenne stretti rapporti con i capi della giunta militare a Panama mentre era al potere. Poco prima della sua morte nel 2014, Harari  dichiarò in un’intervista al giornalista Ronen Bergman che Noriega era stato per molto tempo un collaboratore al servizio dell’apparato della difesa israeliana.

Harari si congedò ufficialmente dal Mossad nel 1980, ma continuò a operare a Panama anche molto tempo dopo: in apparenza, era un uomo d’affari con stretti legami con il regime che servì come eminenza grigia per l’uomo forte Noriega, ma parallelamente continuò ad agire a Panama per conto del Mossad. I documenti rivelano che l’ambasciata a Panama City era furiosa per il doppio ruolo che ha svolto. A volte semplicemente non sapevano cosa lo guidasse: agiva per conto dello Stato di Israele o promuoveva i propri interessi commerciali?

Il materiale autorizzato per la pubblicazione negli ultimi mesi descrive i mezzi che Harari  usava per aiutare Noriega a mantenere il potere. Emerge che l’agente nato a Tel Aviv era un protagonista di spicco in un piano politico volto a ribaltare un’elezione a favore del suo cliente panamense. Come parte di questo complotto, Harari distribuì un libro inventato che accusava il rivale di Noriega, il dottor Arnulfo Arias, di aver perpetrato un massacro della comunità ebraica del paese. Harari era percepito come una figura così importante a Panama che durante gli ultimi anni del regime militare, Washington chiese che Israele lo allontanasse dal paese. Gli americani erano convinti che solo liberando il paese da Harari, sarebbe stato possibile porre fine al governo di Noriega, e apparentemente non esitaronoa minacciare Israele per raggiungere tale obiettivo.

Continua a leggere





Courtesy of Invicta Palestina
Source: https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.HIGHLIGHT.MAGAZINE-the-zionist-james-bond-how-a-mossad-agent-helped-a-brutal-dictator-retain-power-1.9655321
Publication date of original article: 25/03/2021
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=31252

 

Tags: Mike HarariManuel NoriegaMossadPanamaHugo SpadaforaArnulfo AriasIsraele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.