TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 18/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / La crescente richiesta di boicottaggio dei Mondiali del Qatar
Date of publication at Tlaxcala: 21/03/2021
Original: The growing calls for a boycott of the Qatar World Cup
Translations available: Español  Français 

La crescente richiesta di boicottaggio dei Mondiali del Qatar

David Harding

Translated by  Grazia Parolari

 

Nelle ultime settimane si sono intensificate  le reazioni negative contro il torneo che si terrà nello Stato del Golfo 

Sébastien Marchal

A dicembre, il danese Casper Fischer ha fatto qualcosa che non aveva mai fatto prima.

Il 32enne ha deciso di presentare una petizione al parlamento danese – il Folketing – per convincere la nazionale di calcio del paese a boicottare le finali della Coppa del Mondo che si terranno in Qatar il prossimo anno.

Insieme a cinque co-sponsor, il signor Fischer, che vive vicino a Copenaghen, ha chiesto  che la Danimarca rinunci a partecipare al torneo per protestare contro le pessime condizioni dei diritti umani nella nazione ospitante del Golfo, nonché per la corruzione della Fifa.

“Non credo che noi, come nazione democratica che si sforza di essere all’altezza dei diritti umani globali, possiamo trarre vantaggio dalla partecipazione di alcuni dei giocatori sportivi più importanti del paese alle finali, avvallando una dittatura come quella del Qatar”, afferma la petizione .

Secondo la legge danese, se il signor Fischer riuscirà a ottenere 50.000 firme entro l’8 giugno, la partecipazione del paese ai Mondiali del Qatar 2022 dovrà essere discussa nel parlamento nazionale.

Ma anche se fallirà, la petizione sembra aver galvanizzato il dibattito sulla partecipazione nel 2022, in Danimarca, ma anche altrove. Ad oggi, quasi 7.000 persone hanno firmato.

“Sarei più sorpreso se raggiungessimo i 50.000, più che se non ce la facessimo”, ha detto Fischer a The Independent. “Le 50.000 firme non sono l’obiettivo in sé. L’obiettivo era quello di far luce su quanto sia problematico che il secondo più grande evento sportivo al mondo si svolga in Qatar “.

È chiaro che non è solo  Fischer a pensarla così.

Un deputato del Partito socialista popolare, Karsten Hønge , ha sostenuto la necessità di un dibattito parlamentare indipendentemente dalla petizione, sostenendo che consentirebbe di “vedere e ascoltare” il punto di vista della Danimarca sul Qatar.

Anche se non ci fosse il boicottaggio, un dibattito parlamentare “eserciterebbe la massima pressione sul Qatar per migliorare i diritti umani e i diritti dei lavoratori”, dice Hønge a The Independent.

E la banca che sponsorizza l’attrezzatura da allenamento della squadra danese, Arbejdernes Landsbank [Banca nazionale dei lavoratori, di origine sindacale], afferma di non voler essere associata al torneo.

“La Coppa del Mondo in Qatar è un problema”, afferma Peter Froulund, responsabile del marchio e della comunicazione della banca. “Dobbiamo decidere qual è il modo migliore per affrontare questo problema.”

La decisione finale sulla sponsorizzazione verrà presa in estate, ha detto Froulund, ma è “probabile” che la banca ritiri il suo marchio se la Danimarca –  in testa nel proprio gruppo di qualificazione e sorteggiata contro paesi come Scozia e Israele, oltre a raggiungere gli ultimi 16 nella Coppa del Mondo 2018 – si recherà in Qatar nel novembre 2022. La Federcalcio danese ha affermato di  appoggiare “un dialogo” con il Qatar, piuttosto che un boicottaggio, a meno che tale boicottaggio non si estenda ad “affari e diplomazia”, ​​afferma il Jakob Hoyer della DFU.

Nei giorni scorsi  l’opzione del boicottaggio si è esteso a diversi club di serie A in Norvegia, tra cui il Tromso, che ha apertamente chiesto alla nazionale di non prendere parte al torneo.

Da quando al Qatar è stato sorprendentemente assegnato il diritto di ospitare la Coppa del Mondo nel 2010, il Paese è stato sottoposto a un intenso controllo, in particolare sui diritti umani, e molte sono state  le richieste per togliergli il torneo.

Ma gli ultimi mesi hanno visto crescere le richieste di boicottaggio, questo da quando un rapporto su The Guardian ha denunciato che 6.500 lavoratori asiatici sono morti in Qatar dal 2010.

La monarchia del Golfo ha intrapreso un programma di edificazione senza precedenti per essere pronto nel 2022.

Otto stadi in costruzione o rinnovati, dozzine di strade, un nuovo sistema di metropolitana, un aeroporto, hotel e persino una città nuova di zecca saranno costruiti in tempo per la Coppa del Mondo. Nel 2017, il Qatar  dichiarò che avrebbe speso 500 milioni di dollari a settimana per la Coppa del mondo, una cifra esorbitante anche per un paese trasformato in uno dei più ricchi al mondo dagli ingenti proventi del gas.

La trasformazione del paese è unica tra le nazioni che si preparano per un torneo sportivo. Quando l’ex presidente della Fifa Sepp Blatter annunciò che il Qatar sarebbe stato il paese l’ospitante del 2022, solo 1,8 milioni di persone vivevano e lavoravano in Qatar. Oggi la popolazione è di circa 2,8 milioni, ingrossata importando centinaia e migliaia di operai edili da Bangladesh, Nepal, India e Pakistan.

È il trattamento di questi lavoratori che ha causato enorme preoccupazione in tutto il mondo, con accuse – dimostrate – che  molti vivono in alloggi inadeguati, non vengono pagati regolarmente e sono trattati in modo spaventoso dai padroni in un sistema che è una schiavitù moderna.

Il Qatar ha indicato le riforme del lavoro già portate a termine – inclusa la fine del sistema di sfruttamento della “kafala”, in cui i lavoratori non potevano cambiare lavoro senza il consenso dei datori di lavoro – e la promessa di ulteriori cambiamenti in cantiere.

Ma non è stato sufficiente per mettere a tacere i critici e nei due giorni successivi alla pubblicazione dell’articolo del  Guardian, Fischer afferma che la petizione ha ottenuto altre 700 firme.

La Fifa ha dichiarato a The Independent: “Non pensiamo che un boicottaggio della Coppa del Mondo sarebbe l’approccio giusto o servirebbe a qualsiasi scopo utile per affrontare eventuali questioni relative ai diritti umani in Qatar”, ha detto un portavoce.

“Ad essere sinceri, in realtà pensiamo che l’impegno e il dialogo siano il modo migliore per promuovere la comprensione dei valori dei diritti umani universali”.

I boicottaggi delle Coppe del Mondo possono essere più comuni di quanto non si pensi, con probabilmente il più significativo accaduto nel 1966, quando tutte le nazioni africane si rifiutarono di giocare al torneo tenutosi in Inghilterra per il numero di spazi assegnati alle squadre del continente.

“La mia testa mi dice che un boicottaggio del Qatar 2022 è improbabile”, dice Simon Chadwick, professore di Eurasian Sport, Emlyon Business School in Francia. “Una tale mossa sarebbe senza precedenti, creerebbe ogni sorta di problemi per le persone coinvolte e sarebbe una risposta eccessivamente semplicistica a una questione complessa.

“Tuttavia, nel mio cuore, sembra che tutto  possa essere possibile.”

Qualsiasi boicottaggio – se dovesse accadere – sarebbe quasi certamente limitato a pochi paesi occidentali. Il sostegno per lo svolgimento della Coppa del mondo in un paese arabo e musulmano, il primo in Medio Oriente ad ospitarlo,  è moto ampio altrove.

Alcuni hanno messo in dubbio le motivazioni di coloro che in Occidente vogliono il boicottaggio e perché il Qatar venga preso di mira.

“La realtà è che alcune persone hanno deciso 10 anni fa che non avrebbero mai sostenuto una Coppa del Mondo in Qatar”, ha detto un tifoso del Qatar a The Independent. “I Mondiali di Brasile, Russia e Sud Africa hanno avuto problemi legati alla povertà, all’ambiente e ai diritti umani, ma non ricordo alcun movimento per boicottare quei tornei”.

I Mondiali “faranno tante cose buone per il mio Paese”, ha aggiunto il qatariota.

Se nessun boicottaggio verrà applicato, una forma di protesta che potrebbe essere vista nel 2022 è ” mettersi in ginocchio”. In un’epoca di proteste in campo, non è impossibile che alcuni giocatori dimostrino solidarietà alla causa dei lavoratori che hanno sacrificato tutto per il più grande torneo di calcio.

Online, alcuni hanno chiesto una mossa del genere e Karsten Hønge afferma che una tale mossa potrebbe “essere un modo” per protestare.

È certamente qualcosa per cui gli organizzatori della Coppa del Mondo dovrebbero essere preparati, afferma il professor Chadwick.

“Non è inconcepibile che i giocatori si inginocchino per protestare, forse sui diritti dei lavoratori”, dice. “Tuttavia, alcuni potrebbero sentirsi in dovere di protestare  per diritti LGBT o per i precedenti ambientali del Qatar. La domanda quindi diventa: come si prepareranno il Qatar e la FIFA a tali proteste e quali azioni intraprenderanno?

“Con l’avvicinarsi del Qatar 2022, l’organo di governo del calcio mondiale dovrà chiarire qual è la sua posizione.





Courtesy of Invicta Palestina
Source: https://www.independent.co.uk/news/world/middle-east/qatar-2022-world-cup-fifa-b1811992.html
Publication date of original article: 04/03/2021
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=31110

 

Tags: Mondiali sanguinosi di calcio Qatar 2022Boicottaggio Mondiali Qatar 2022
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.