TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 23/04/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / “La prossima missione del capitalismo è sbarazzarsi di metà della popolazione mondiale”: Ailton Krenak sulla necropolitica
Date of publication at Tlaxcala: 27/01/2021
Original: “Próxima missão do capitalismo é se livrar de metade da população do planeta”: Ailton Krenak sobre necropolítica
Translations available: Français  Español 

“La prossima missione del capitalismo è sbarazzarsi di metà della popolazione mondiale”: Ailton Krenak sulla necropolitica

Thaís Reis Oliveira

Translated by  Alba Canelli

 

"La disuguaglianza priva il 70% delle persone della protezione sociale. E in futuro, non saranno nemmeno necessari come forza lavoro", dice Ailton Krenak.

Foto Neto Gonçalves

Prima della pandemia, Ailton Krenak aveva un'agenda molto fitta. Finalista al Premio Jabuti per il suo libro Ideias para Adiar o Fim do Mundo (Idee per ritardare la fine del mondo), aveva anche pubblicato A Vida Não É Útil (La vita non è utile) e O Amanhã Não Está à Venda (Il domani non è in vendita), tutti pubblicati da Companhia das Letras. Ha viaggiato spesso in tutto il Brasile per la produzione. Tuttavia, dall'arrivo del virus, Krenak è stato confinato nelle terre indigene della sua etnia, a 200 chilometri da Belo Horizonte. "Viviamo circondati dalle nostre famiglie vicine. Tutti possono incontrarsi in giardino, mangiare insieme, senza bisogno di indossare una maschera. Seguiamo un protocollo comunitario", dice. In questa oasi sulla riva sinistra del Rio Doce, circondato dal caos sanitario, segue da vicino le tragedie del mondo, come mostra questa intervista.

CartaCapital: Sei in quarantena con il popolo Krenak. Come va?

Ailton Krenak: La pandemia non è un evento locale. Anche se non c'è contagio nel mio villaggio, ci sono diversi casi nei dintorni. Le grandi città sono abbastanza ben controllate. Ma ai confini  del Brasile, in periferia, lungo i fiumi, nel porto di Manaus o di Belém, nessuno controlla niente. Qui, nella riserva, siamo perplessi. Non ha senso proteggersi se fuori è un casino. La rinascita del Covid-19 è un serio pericolo per le nostre vite. Noi ne siamo consapevoli, ma temiamo che i nostri vicini non lo siano. Siamo una società di contagio. Non importa quanto siamo attenti, non possiamo fare nulla da soli. Viviamo circondati dalle nostre famiglie vicine, le nostre sorelle, i nostri suoceri, tutti possono incontrarsi in giardino, mangiare insieme, senza bisogno di indossare una maschera. Obbediamo a un protocollo comunitario, prendiamo le nostre decisioni collettivamente. Qui non ci sono decisioni individuali. Se qualcuno mette in pericolo il collettivo, può essere sanzionato e persino escluso.

Quali sono le conseguenze e le lezioni di questa pandemia?

La morte lascia un trauma così mal risolto che nessuno ne esce indenne. C'è una perdita di identità, di memoria e di ospitalità per il sopravvissuto. Questo non è un bene per una comunità che ha bisogno di gestire le sue necessità materiali. Tornare al lavoro, gestire di nuovo la routine domestica. Molti non ce la faranno. E questo è molto brutto. Viviamo in un'epoca in cui essere ottimisti dimostra una cattiva educazione, è essere indifferenti alla sofferenza degli altri.

Tu sei stato il protagonista di una delle scene più memorabili dell'Assemblea Costituente. 33 anni dopo, è doloroso vedere così tanti attacchi contro la Costituzione

Il trattamento della Costituzione da parte dei poteri è solo peggiorato. Ma non è un fenomeno recente. Da anni ci sono progetti di revisione costituzionale per modificare il capitolo sui diritti degli indigeni, per eliminare i diritti delle comunità quilombola e per ridurre le politiche pubbliche. Questa furia distruttiva contro la Costituzione si è aggravata negli ultimi due anni. E questi non sono più tentativi, ma fatti compiuti. Si tratta della distruzione dello Stato brasiliano dall'interno, delle condizioni necessarie per controllare e proteggere i territori indigeni. È un crescente incitamento a usare la violenza contro di noi, banalizzando l'idea che proteggere l'ambiente sia qualcosa di stupido. Si sa, dove passa il trattore, passa il bestiame. Questo ministro dell'ambiente è un playboy che prende le sue fantasie tecnologiche per la gestione. Quello che questo individuo sta facendo è un insulto a tutta la storia dell'attivismo ambientale in Brasile.

È ancora possibile concludere accordi in Brasile? 

Stiamo vivendo una situazione scandalosa in Brasile, che mescola pandemia e miseria politica. Fuori dal Brasile, almeno, si spera di avviare altri dibattiti sulle disuguaglianze che la pandemia ha aggravato, sul cambiamento climatico, sui rifugiati... Questa è una questione molto importante, se non altro per capire la pandemia. Questo flusso di persone attraverso le frontiere del mondo può essere un vettore di nuove pandemie che possono distruggerci.

Il mondo è diventato più tribale?

Il mondo non è una persona. Il mondo, idealmente, sarebbe l'umanità, composta da persone uguali. Poiché non siamo in alcun modo uguali... Nel libro Ideias para Adiar o Fim do Mundo, mi interrogo sull'umanità. Può essere un obiettivo, un'intenzione, ma non esiste. Prima c'era una divisione in classi. Ricchi e poveri, bianchi e neri, rurali e urbani. Erano divisioni molto primarie. Ora abbiamo dei collettivi, nella stessa città, che combattono tra loro. L'intolleranza religiosa... C'è una guerra tra questi mondi che ruota intorno ai punti di attrito tra i diversi settori di questa cosa che siamo tutti, ma che non costituisce una comunità. Siamo un insieme di popoli senza alcuna affinità. Se non vogliamo che questo finisca in una guerra civile, dobbiamo trovare un consenso, ma i politici sono tutti persi, navigano tutti a vista. Nessuno sa cosa sta facendo, né nel governo né fuori.

Molti accademici vedono questa crisi come un segno della caduta del capitalismo. Sei d'accordo?

Viviamo in una fase grottesca del capitalismo, ma non credo che la crisi in cui ci troviamo diminuisca il suo potere. Il capitalismo ha prodotto un cambiamento in se stesso perché non siamo stati capaci di cambiarlo dall'esterno. Distruggerà il mondo del lavoro come lo conosciamo, e svenderà l'idea stessa di popolazione. Per me, questa è la prossima missione del capitalismo: sbarazzarsi di almeno la metà della popolazione mondiale. Quello che la pandemia ha fatto è un esperimento di morte. Fa parte dell'agenda del necro-capitalismo. La disuguaglianza lascia il 70% della popolazione mondiale senza protezione sociale. E in futuro, non avranno nemmeno bisogno di loro come forza lavoro. Coloro che promettono un mondo di piena occupazione sono o cinici o pazzi. Non c'è alcuna possibilità materiale di ritornarci.

Ma non c'è niente di positivo in questo? Per esempio, l'arrivo al potere di gruppi emarginati. Il fatto che ci siano più persone che vogliono ripensare il loro rapporto con il consumo...

Il fatto che ci siano parlamentari aborigeni, LGBT, ecc. mostra un indurimento di questo processo di transizione. Non cambia nulla, sarà solo parte del processo di destrutturazione programmata in cui siamo tutti impegnati. Per quanto riguarda la rinuncia al consumismo di coloro che, come i criceti, si preoccupano solo di mangiare e consumare, senza sapere da dove viene ciò che consumano, solo una frazione di loro si è accorta del danno. Questo non influisce sul sistema globale, sul riscaldamento globale, sull'erosione della biodiversità. I più illustri scienziati degli anni '80 nel campo del cambiamento climatico, quando hanno visto quanto tempo ci restava, sono andati nelle loro fattorie in Texas o nel Maine. Oggi, alcune persone credono che sia possibile mitigare alcuni dei danni, ma è difficile trovare qualcuno che sostenga che sia possibile evitare il degrado globale.

Il discorso di Ailton Krenak all'Assemblea Costituente nel settembre 1987 a favore dell'inclusione, per la prima volta nella storia del Brasile, di un capitolo che stabilisce i diritti dei popoli indigeni.






Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.cartacapital.com.br/sociedade/ailton-krenak-proxima-missao-do-capitalismo-e-se-livrar-de-metade-da-populacao-do-planeta/
Publication date of original article: 30/12/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=30641

 

Tags: Capitalismo del disastroBrasileDiritti popoli indigeniAmbientebiodiversitàriscaldamento globaleCrisi del coronavirusAbya Yala
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.