TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 28/11/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Il giorno in cui i cinesi hanno smesso di mangiare solo riso
Date of publication at Tlaxcala: 22/10/2020
Original: El día que los chinos dejaron de comer solo arroz
Translations available: English 

Il giorno in cui i cinesi hanno smesso di mangiare solo riso

Fermín Koop

Translated by  Alba Canelli

 

La Cina ha il 23% della popolazione mondiale e il 7% della terra disponibile sul pianeta per la produzione alimentare. Ecco perché esce nel mondo, per riempire il piatto di una classe media urbana in crescita. In America Latina ha trovato terreno fertile per la soia, la carne, la frutta e il pesce. E per esportare l'impatto ambientale e sociale. Questo testo fa parte di una serie di articoli finanziati da Bocado-investigaciones comestibles, una rete latinoamericana di giornalisti con una prospettiva scientifica e dei diritti umani, dedicata a temi legati all'alimentazione, ai sistemi alimentari e ai territori.

Un labirinto di contenitori accatastati e coloratissimi forma un mosaico. Non ti fanno vedere quello che portano. Sono così alti che non ci permettono di osservare il fiume. Gli equipaggi cosmopoliti parlano lingue diverse. L'odore del pesce invade tutto, anche il terminal delle navi da crociera, dove si trovano i turisti. Accesso controllato, sicurezza e occhi che sorvegliano ogni passo. Il terreno è molto grande, copre più di 100 ettari. Funziona 24 ore al giorno. Il porto di Montevideo, in Uruguay, è pieno di sorprese.

Questo paese con quattro milioni di abitanti ha un porto che potrebbe essere paragonato al Port Royal della Giamaica ai tempi dei pirati. È considerato il secondo al mondo per il trasbordo di pesce e si sospetta sia stato ottenuto illegalmente. Centinaia di barche ormeggiano qui, effettuando traversate illegali alla ricerca di calamari, squali e altre specie minacciate dalla pesca eccessiva. Sono barche cinesi.

Perché la Cina - con più di un miliardo di persone - ha un consumo di pesce pro capite doppio rispetto alla media mondiale e ha già esaurito la maggior parte delle risorse del suo territorio. Per riempire i suoi piatti si avvicina al Pacifico e all'Atlantico con centinaia di navi che sfruttano le abbondanti risorse e la mancanza di controllo nelle acque latinoamericane. Utilizzano il porto uruguaiano e altri nella regione.

Ma la pesca è solo una parte di questa storia. Con un appetito vorace, la Cina viene qui in cerca di ogni tipo di cibo per i suoi cittadini che rappresentano il 23% della popolazione mondiale. Perché non può produrre ciò di cui ha bisogno, con solo il 14% del suo territorio adatto all'agricoltura. Perché ha bisogno di nutrire la sua classe media in espansione, che sta anche cambiando la sua dieta e vuole sempre più carne.



"Dalla natura alla tavola": carne uruguaiana in Cina

Oltre a quei pescherecci, ci sono migliaia di navi cinesi che navigano legalmente nei nostri mari, cariche di soia, carne, frutta, verdura, vino e altri prodotti che viaggiano in enormi container verso l'altro capo del mondo. 

Questo è un piccolo elenco di ciò che va e viene regolarmente, perché negli ultimi due decenni la Cina è diventata il principale partner commerciale della maggior parte dei paesi della regione.

"La Cina cerca il meglio per la sua popolazione, ma qui c'è qualcuno che apre la porta", dice Ariel Slipak, economista e professore all'Università di Buenos Aires.
Il potere viene attratto dalle risorse naturali e alimentari. I nostri governi vedono in essa il finanziatore e l'investitore che ha già sostituito gli Stati Uniti e l'Europa. Questo rapporto commerciale non implica solo affari: ha anche cambiato i nostri modelli produttivi. Ci ha permesso di consolidare la visione agroalimentare ed estrattivista. Prezzi record dei prodotti alimentari, delle materie prime e una straordinaria redditività unita alla riprimarizzazione (ritorno al settore primario) dell'economia e ai conflitti ambientali e sociali, instaurando una dinamica per lo meno asimmetrica. "La Cina esternalizza i problemi ambientali e sociali. Non esportiamo solo soia e carne, ma anche acqua e risorse naturali", avverte Slipak.

Sicurezza alimentare

La Cina sa di non potersi nutrire da sola. Ci ha provato, ma ha finito per rassegnare i suoi piani alla realtà. Nel 1996 aveva l'obiettivo di produrre il 95% dei cereali e dei legumi di cui aveva bisogno, ma con l'ingresso nell'OMC nel 2001 e un rapporto commerciale più aperto ha finito per ripensare i suoi obiettivi, aprendosi al commercio alimentare internazionale. Oggi quell'obiettivo del 95% è diventato l'80%, consapevole dei suoi limiti.
"A poco a poco, la Cina ha iniziato a rifornirsi di una grande quantità di prodotti agricoli attraverso il commercio internazionale. Affrontando vari problemi di efficienza, ambiente e produttività", spiega Pablo Elverdin, coordinatore strategico del Gruppo dei Paesi produttori del Sud (GPS). 
È un paese di grandi dimensioni, ma anche di grandi problemi. Ha solo il 7% della terra coltivabile del mondo. E di questa percentuale, un terzo è contaminato dall'uso eccessivo di prodotti agrochimici. La produttività agricola è molto bassa, con una media del 60% di meccanizzazione quando l'Europa e gli Stati Uniti sono intorno al 90%. Mancano le risorse idriche per produrre cibo. L'acqua disponibile per persona al giorno è meno di 2 litri; un quarto di quella che hanno va all'agricoltura. 
 
Tra ciò che può produrre, anche la Cina ha dei problemi. Soprattutto parassiti nei suoi animali e piante. Un esempio è l'epidemia di peste suina africana, che dal 2019 li ha portati ad abbattere milioni di maiali, con immagini che hanno suscitato indignazione a livello globale. 
"La moderna produzione zootecnica su larga scala è un'attività intensiva dal punto di vista ambientale. La Cina ha un ambiente vulnerabile a causa della sua densità di popolazione, anche nelle zone rurali. Gli impianti su piccola scala non hanno strutture adeguate per proteggere gli animali dalle malattie", spiega Holly Wang, ricercatrice della Purdue University negli Stati Uniti. 
Le accuse di mancanza di sicurezza alimentare stanno colpendo il paese. Nel 2015, ad esempio, è stata sequestrata carne di manzo congelata di contrabbando illegale; valutata a quasi mezzo miliardo di dollari, una parte di essa aveva più di 40 anni. Questi scandali hanno intaccato la fiducia dei consumatori cinesi nei prodotti del loro paese, per questo preferiscono i prodotti importati.

E così la Cina è diventata dipendente dalle importazioni di cibo, che sono passate da 14 miliardi di dollari nel 2003 a 104,6 miliardi di dollari nel 2017. E' un aumento di 642 volte. È andata a cercare gli input all'esterno perché la sua produzione non è più sufficiente a sfamare una popolazione in crescita, con una classe media sempre più numerosa e urbana e nuove abitudini alimentari. 

La nuova Cina e la sua espansione

Si abbassa il consumo di cereali, cereali e legumi. Aumenta la domanda di carne, latte e altri alimenti non di base. Nel 1980, l'80% della dieta era a base di cereali, con un consumo del 10% di carne e del 10% di verdura e frutta. Oggi solo il 40% della dieta è a base di cereali, seguita da carne (30%) e frutta e verdura (30%). 

Il caso della soia è il più rilevante. Dal 2000 al 2018 le importazioni sono passate da 2,3 a 38 miliardi di dollari. La Cina è il più grande importatore di soia del mondo. Compra, principalmente, dall'America Latina. E per un motivo che sembra illogico: nutrire i propri maiali, poter mangiare carne.

La Cina è anche un attore molto forte nella catena agroalimentare della nostra regione. Le sue aziende agricole sono presenti da decenni e competono con le grandi aziende nordamericane ed europee, note come ABCD (Archer Daniels Midland, Bunge, Cargill e Louis Dreyfus Company), che vendono l'intero pacchetto per lavorare la terra, dalle sementi ai pesticidi.

Il governo dell'attuale presidente cinese Xi Xinping ha incoraggiato le aziende del suo paese, molte delle quali di proprietà statale, ad espandersi a livello globale per assicurarsi le forniture di prodotti agricoli e migliorare la loro capacità di controllare i prezzi. Un piano di investimento noto come "going out” o “going global"
 

 
Prima hanno comprato la terra, come avevano fatto in Africa. Ma qui la maggior parte degli investimenti sono falliti perché hanno violato le leggi sui titoli di proprietà terriera. "Mentre in Africa sono entrati nella terra, in America Latina hanno dispiegato la catena di produzione e commercializzazione con grandi aziende, molte delle quali di proprietà statale", dice Ignacio Bartesaghi, specialista dell'Università Cattolica dell'Uruguay. 

Il caso più rappresentativo è stato l'acquisto di Nidera, un'azienda agroalimentare transnazionale, e Noble, un produttore di soia latinoamericano, dalla COFCO, di proprietà statale cinese, rispettivamente nel 2014 e nel 2016. Noble è in Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay nei settori della soia, del caffè, della canna da zucchero, del biodiesel e del cotone. Nidera si trova in Argentina e Brasile e dispone di una grande capacità di stoccaggio e di porti propri per il trasporto di cereali e fertilizzanti.

La Cina acquista anche aziende di trasporto, logistica e marketing, il che riduce il costo del commercio. Si distinguono le attività della società statale cinese CGC con Molino Cañuelas (soia) e gli investimenti nella regione da parte di Chongqing Grain Group, Sanhe China National Heavy Machinery Corporation (infrastrutture agricole). Fanno anche grandi investimenti nelle sementi e nell'industria agrochimica, un mercato chiave perché la Cina produce il 40% del glifosato utilizzato a livello globale. La chiave di tutto ciò è stata l'acquisizione di Syngenta, una delle più grandi aziende agrochimiche del mondo, da parte della ChemChina, di proprietà statale, nel 2017.

Il marchio 

Oltre ad acquirente, la Cina è diventata anche un usuraio in America Latina. Il suo ruolo di fonte a prestiti e finanziamenti è aumentato in modo significativo, per un totale di 113 miliardi di dollari dal 2003 ad oggi. Le banche cinesi hanno finanziato, ad esempio, i treni Belgrano Cargas in Argentina, i progetti di macchine agricole in Bolivia e le idrovie in Amazzonia.
 
I loro investimenti portano in valuta estera ma aprono la porta a conflitti sociali e ambientali. Comprano il nostro cibo ma anche le nostre risorse idriche, le sostanze nutritive del suolo e le foreste autoctone. Producendo qui ciò che consuma, la Cina esporta le emissioni di gas serra. Inquina con le fabbriche qui e con il trasferimento transatlantico.

Le navi con il grano partono, i problemi rimangono. In Brasile, l'organizzazione Trase ha rivelato che le importazioni cinesi di soia brasiliana hanno causato la deforestazione di 223.000 ettari tra il 2013 e il 2017, equivalente a un'area due volte superiore a quella di New York. Centinaia di aziende partecipano alla filiera produttiva della soia brasiliana, ma solo sei concentrano il 70% del volume esportato dalla regione detta Matopiba [stati di Maranhão, Tocantins, Piauí e Bahia]: Agrex, Amaggi, LD Commodities, Multigrain, Cargill, Bunge e ADM. In altre parole, multinazionali. 
 
E per la stessa via della soia va la carne brasiliana. Perché il 44% della carne bovina che la Cina acquista proviene dal Brasile. Bistecche, tagli e milanesas che provengono principalmente da due regioni, l'Amazzonia e il Cerrado, dove l'espansione agricola implica una sempre maggiore deforestazione. Gli alberi vengono lanciati per mettere le mucche. La biodiversità si perde e le emissioni di gas serra aumentano.
 
I problemi si ripetono in altri paesi. In Argentina, le organizzazioni sociali e ambientali stanno mettendo in guardia su una proposta di accordo commerciale con la Cina che raddoppierebbe la produzione di carne suina. Il piano prevede la creazione di 25 impianti di produzione nel nord dell'Argentina per produrre 900.000 tonnellate di carne all'anno. "L'installazione di questi allevamenti di suini nelle province che hanno subito la maggior parte della deforestazione negli ultimi decenni genererà una pressione ancora maggiore sulle foreste, poiché aumenterà in modo significativo la domanda di mais e soia per nutrirli", avverte Hernán Giardini, esperto forestale e membro di Greenpeace. "Va contro le misure necessarie per affrontare la crisi sanitaria e climatica".

In agguato

L'acqua è l'altra frontiera estrattiva della Cina in America Latina. Negli ultimi decenni, l'attività di pesca cinese si è espansa a livello globale: la sua flotta di imbarcazioni d'altura è passata da 1.830 nel 2012 a quasi 3.000 oggi. 
 
In queste cosiddette "acque lontane", le navi battenti bandiera rossa cercano nei mari del mondo i calamari, che vengono poi consumati in Cina ma anche esportati negli Stati Uniti e in Europa.

"E' impossibile controllare le navi, anche attraverso i satelliti, in quanto disconnettono i loro sistemi di tracciamento. Bisogna essere sul posto e questo costa milioni ai governi", spiega Milko Schvartzman, uno specialista della conservazione dell'ambiente marino. Egli stima che nei periodi di picco della pesca ci sono più di 300 barche di questo tipo nel Pacifico meridionale, mentre nell'Atlantico meridionale ce ne sono più di 500.

Le barche cinesi sono in agguato, come in attesa di colpire. Sembrano addormentate o distratte, ma non lo sono. 

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://revistaanfibia.com/cronica/dia-los-chinos-dejaron-comer-arroz/
Publication date of original article: 19/10/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29886

 

Tags: CinaSovranità alimentareAbya YalaAmerica LatinaPesticidiMultinazionaliUsaUruguayAmbienteAcquaRisorse idriche
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.