TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 26/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Stefania Maurizi sul caso Assange: “Questo è un incredibile fallimento del giornalismo”
Date of publication at Tlaxcala: 18/10/2020
Original: Stefania Maurizi on the Julian Assange case: “This is an unbelievable failure of journalism”
Translations available: Français 

Stefania Maurizi sul caso Assange: “Questo è un incredibile fallimento del giornalismo”

Nadja Vancauwenberghe
John Brown


Translated by  Alba Canelli

 

La giornalista italiana Stefania Maurizi ha lavorato per alcune delle maggiori testate italiane, tra cui Repubblica, l'Espresso e ora Il Fatto Quotidiano. Nel 2009 ha iniziato a lavorare con Julian Assange e WikiLeaks su file segreti riguardanti la guerra in Afghanistan, i cavi della diplomazia statunitense e i detenuti di Guantanamo. Ha anche indagato su file top secret trapelati dal segnalatore Edward Snowden, rivelando, tra l'altro, gravi casi di inquinamento ambientale in Italia e di sfruttamento di lavoratori pakistani in una fabbrica gestita da un'azienda italiana.

Maurizi è stata testimone alle udienze per l'estradizione di Assange il mese scorso. Mentre un giudice londinese sta valutando se estradare il fondatore di WikiLeaks negli Stati Uniti, le abbiamo parlato della sua esperienza di farsi dei nemici potenti, di quelle che lei descrive come campagne diffamatorie contro WikiLeaks e coloro che lavorano con loro - e del perché Assange non avrebbe mai dovuto lasciare Berlino.

Come ha iniziato a lavorare per WikiLeaks?

Nel 2008 ho lavorato per un'importante testata giornalistica italiana, L'Espresso. Avevo già lavorato come giornalista investigativa e quando ho guardato le pubblicazioni di WikiLeaks come il documento sulle procedure operative standard di Guantanamo, sono rimasta molto colpita. Il documento era stato richiesto dall'Unione americana per le libertà civili (ACLU, N.d.T.) e il Pentagono ne aveva rifiutato l'accesso. WikiLeaks è stata in grado di ottenere il documento, non solo quello, ma ha anche informato il Pentagono che non lo avrebbe rimosso dal suo sito web. Questo è stato molto importante per me, perché mi ha fatto capire il coraggio delle persone che stanno dietro a WikiLeaks. Era il periodo in cui il New York Times pubblicava menzogne sulla guerra in Iraq. Il Washington Post ha pubblicato la storia dei siti clandestini della CIA, ma non ha pubblicato i nomi dei paesi dell'Europa dell'Est dove si trovavano questi siti, perché l'amministrazione Bush aveva chiesto che non fossero pubblicati, e la CIA ha continuato a torturare le persone che si trovavano su questi siti clandestini.
 
Quando ho capito che c'era un'organizzazione mediatica che non era pronta ad obbedire al Pentagono, ho capito che dovevo stabilire un contatto perché mi piaceva il loro lavoro e il loro coraggio. È quello che ho fatto, e nel 2009 mi hanno chiamato nel cuore della notte e mi hanno detto: "Hai un'ora di tempo. Vai sul tuo computer e scarica il documento o lo cancelliamo". Mi hanno chiesto di aiutarli a controllare se il documento era autentico. Mi hanno detto che se lo fosse stato, avrei potuto indagare e lavorare con WikiLeaks. Sono andata al mio computer e ho visto che il documento riguardava la crisi della spazzatura a Napoli, ho controllato che fosse autentico e certamente di pubblico interesse a causa del presunto coinvolgimento dei servizi segreti italiani. Era la prima volta che lavoravo in collaborazione con WikiLeaks e lo faccio da allora.

Qual'era il processo di verifica quando si lavorava con i documenti di WikiLeaks?

Prima di tutto, bisogna capire che è una menzogna assoluta che WikiLeaks si accontenti semplicemente di lanciare documenti su Internet. Ho lavorato su tutti i loro documenti, ad eccezione dei pochi documenti che hanno pubblicato senza alcun media partner. Nella maggior parte dei casi, WikiLeaks effettua il proprio processo di verifica e i media partner fanno il loro in parallelo. Condividiamo le nostre opinioni e le nostre preoccupazioni sull'autenticità di un documento, e non ci siamo mai sbagliati. Lavorando per un media partner, la maggior parte delle volte si ricevono qualcosa come 100.000 documenti e forse cinque milioni di e-mail. Voi cercate in queste banche dati piccoli pezzi di informazione e fate la vostra verifica utilizzando le tecniche giornalistiche tradizionali. Ad esempio, quando abbiamo ricevuto e-mail su Stratfor, abbiamo controllato se tutti i dipendenti di Stratfor erano corretti e se i fatti descritti nelle e-mail erano veri. Se ti sbagli e la tua reputazione è compromessa, è molto difficile riaverla indietro. La reputazione è la tua merce di scambio come giornalista.

La maggior parte delle volte, l'azienda da cui provengono i documenti non vuole collaborare. Nel caso delle fughe di cavi diplomatici americani, non è stato difficile perché avevamo un team con colleghi americani che sapevano come vengono scritti e redatti i cavi. Questo lavoro è possibile solo perché lavoriamo insieme. Per i file di Guantanamo abbiamo lavorato con il Washington Post, Le Monde e un esperto di Guantanamo, Andy Worthington.
 
Penso che WikiLeaks sia stata efficace nel mettere insieme il giusto team di persone per controllare i documenti. La verifica è il problema più grave, perché si può immaginare quanto sia facile distruggere la reputazione di un'organizzazione inviando documenti falsi.

Una delle principali accuse contro WikiLeaks è che la maggior parte dei documenti rilasciati conteneva informazioni riservate che vengono tenute segrete per un motivo. Ritiene che tutte le informazioni riservate possano essere condivise con il pubblico senza discriminazioni?

Vedete, come giornalisti, riceviamo costantemente materiale riservato. Senza l'uso di informazioni riservate, non c'è giornalismo. Naturalmente, siamo persone razionali e ci preoccupiamo delle conseguenze di ciò che pubblichiamo. Allo stesso tempo, bisogna rendersi conto che non tutti i segreti sono uguali. Ad esempio, se si dispone delle misure di sicurezza di una centrale nucleare, c'è un motivo per mantenere segreta questa informazione, ovvero che potrebbe essere usata dai terroristi. In altri casi, si hanno informazioni classificate come segrete semplicemente perché sono imbarazzanti, perché qualcuno sta cercando di coprire crimini di guerra, torture o crimini contro l'umanità - e noi abbiamo il diritto assoluto di rivelare questi segreti.

Secondo lei, qual è stata la fuga di notizie più significativa da WikiLeaks?

Il caso di Abu Omar. L'Italia è l'unico paese al mondo che è riuscito a condannare gli agenti della CIA coinvolti nel rapimento del chierico di Milano. È stato catturato in pieno giorno nel centro di Milano. I nostri procuratori sono stati così bravi da riuscire a identificare 26 cittadini americani, la maggior parte dei quali agenti della CIA. Hanno indagato e li hanno condannati tutti. Gli Stati Uniti hanno fatto pressione sui politici italiani e hanno detto: "Non c'è niente di più pericoloso per le nostre relazioni bilaterali".
 
Per questo motivo, sei ministri della giustizia hanno rifiutato il mandato di arresto per gli agenti della CIA. Due presidenti italiani, tra cui il nostro attuale presidente Mattarella, hanno concesso due amnistie presidenziali a tre agenti della Cia e al capo della sicurezza della base statunitense di Aviano. È lì che Abu Omar è stato preso subito dopo il suo rapimento. Queste persone godevano dell'impunità e non hanno mai trascorso un solo giorno in prigione. Nel 2016 la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato l'Italia per aver concesso l'impunità. Ma tutto questo è stato fatto nella sfera pubblica, grazie ai cavi. Sono stata in grado di fornire la prova della pressione esercitata dai diplomatici statunitensi sui politici italiani. Senza i cavi, non avremmo mai avuto alcuna prova di quello che stava succedendo. Non c'è altro modo per accedere a queste informazioni e sarebbe stato impossibile per i procuratori ottenere prove.

Quindi lei dice che è nell'interesse pubblico perché gli italiani hanno bisogno di essere informati sulla corruzione politica del loro governo.

Sì, ma questo va oltre la corruzione: è illegale concedere l'impunità alle persone coinvolte in rapimenti. Non c'è altro modo per ottenere prove di queste cose estremamente gravi. Abbiamo bisogno di informatori, ma abbiamo anche bisogno di organizzazioni come WikiLeaks per pubblicare informazioni. Avrete anche il miglior informatore, i documenti segreti più esplosivi, ma se non avete il coraggio di renderli pubblici, non valgono nulla. La gente dice: "Beh, noi amiamo Chelsea Manning, ha avuto il coraggio, ma WikiLeaks era solo un ricevitore passivo". Questo è completamente falso. Se sei mai stata una giornalista, sai cosa significa pubblicare qualcosa che qualcuno di molto potente vuole impedire. Sapete cosa significa temere per la propria vita e per la propria libertà. Bisogna avere giornalisti e redattori estremamente coraggiosi che vi diranno: "Io pubblicherò qualunque cosa". È questo che mi ha colpito fin dall'inizio. Sono giornalista da 19 anni e non ho mai sentito nessuno dire "no" al Pentagono.

Cosa ne pensa di segnalatori come Snowden che, invece di utilizzare una piattaforma come WikiLeaks, hanno scelto di fidarsi di due giornalisti famosi e della stampa tradizionale?

Naturalmente, sta a chi fa la spia decidere cosa gli conviene di più. Posso dirvi che se un informatore si avvicina a WikiLeaks, i suoi documenti saranno certamente pubblicati. Se scegliete un solo giornalista, dovete conoscerlo bene, fidarvi davvero di lui e sapere se si assumerà il rischio di pubblicare informazioni pericolose. Nel caso di WikiLeaks, mantengono sempre le loro promesse, pubblicano sempre. Hanno una lunga storia di pubblicazioni.
Hanno una lunga esperienza nella pubblicazione di documenti a rischio. Negli ultimi 14 anni, qualunque cosa sia successa, hanno avuto il coraggio di affrontarne le gravi conseguenze. Julian Assange non conosce la libertà da quando ha pubblicato i documenti segreti americani.
 
Non sto dicendo che Assange e WikiLeaks siano perfetti. A volte hanno commesso degli errori, ma a volte si commettono errori quando ci si trova in un territorio inesplorato. È sempre una sfida, soprattutto quando si vuole pubblicare documenti originali, un database di un milione di documenti senza rivelare informazioni personali. Naturalmente, se non pubblicate questi documenti, non commettete un errore. Dieci anni dopo, abbiamo ancora accesso ai cavi e sono ancora rilevanti. Ogni giorno vado alla banca dati via cavo di WikiLeaks. Cerco un politico, un diplomatico o una ONG in particolare e vedo se ci sono informazioni su di loro. Non è necessario chiamare Assange per richiedere l'accesso al database, basta andare sul sito web e fare una ricerca.

Come spiega che i media mainstream non supportano maggiormente WikiLeaks?

Dal 2010 c'è una guerra di propaganda contro WikiLeaks. Naturalmente, dopo di ciò, non c'è più simpatia e sostegno. Il governo degli Stati Uniti ha iniziato questa guerra fin dall'inizio. Dal momento in cui il Pentagono ha detto "potrebbero avere le mani sporche di sangue", tutti i media hanno riportato la stessa cosa. Questa propaganda ha contribuito a influenzare l'opinione pubblica. E' la stessa cosa con la Russia - portatemi la prova che WikiLeaks era in combutta con il Cremlino. Non ci è mai stata mostrata una prova. Ho visto con i miei occhi come funziona questa propaganda. Quando ho lavorato alle email di Podesta [ex capo dello staff della Casa Bianca e presidente della campagna presidenziale statunitense di Hillary Clinton del 2016, il cui conto gmail è stato violato da sconosciuti all'epoca e successivamente pubblicato da Wikileaks], ero l'unico media partner, perché nessuno voleva toccare le email a causa della campagna mediatica che diceva che provenivano da spie russe. Ha funzionato.

Ma è impossibile che i giornalisti siano così vulnerabili alla propaganda menzognera. Questo è l'opposto di quello che ci si aspetta da un giornalista professionista.

Quando sai che non un solo giornalista ha cercato di ottenere i documenti del caso di Julian Assange e WikiLeaks, questo la dice lunga sul livello del giornalismo. Hanno riferito sul caso senza mai chiedere informazioni o documenti concreti. Hanno riferito tutto quello che i procuratori e gli avvocati hanno detto loro. Ho cercato di accedere a quei documenti. Dopo cinque anni, era così difficile capire il caso, soprattutto le accuse svedesi di stupro, perché i reportages erano così negativi.
 
Mi sono detta che non potevo affrontare un tale caos, così ho iniziato a presentare la mia richiesta di libertà d'informazione in Svezia, Regno Unito, Stati Uniti e Australia. Questo caso va avanti da dieci anni e ho passato gli ultimi cinque anni a cercare di ottenere i documenti utilizzando la legge USA sulla libertà d'informazione (Freedom of Information Act - FOIA) e a perorare la mia FOIA in quattro giurisdizioni: io e i miei avvocati stiamo ancora lottando per ottenere i documenti, il che dimostra l'insopportabile segretezza che circonda questo caso. Ho sette avvocati, quattro giurisdizioni. Ve lo dico per farvi capire quanto sia superficiale il reportage, anche se centinaia di giornalisti ne hanno parlato. Questo è un incredibile fallimento del giornalismo.

Cosa dice alle persone che normalmente appoggerebbero la denuncia e WikiLeaks, ma che non sostengono Assange a causa del caso svedese, cioè delle accuse di stupro a suo carico?

Il caso svedese è uno degli elementi importanti che sono serviti a distruggere la reputazione di Julian Assange. Ogni volta che si ha un'accusa di violenza sessuale o di pedofilia, le persone sono immediatamente solidali con le presunte vittime. Non credo che il caso svedese fosse una cospirazione, non credo nelle cospirazioni. Quello che voglio dire è che questo caso era pieno di misteri, per esempio, perché questo caso è andato avanti così a lungo senza che sia stato accusato o perché il caso è stato abbandonato una volta per tutte.
Un pubblico ministero italiano di alto profilo mi ha chiesto perché il caso si è protratto dal 2010 senza alcun progresso. Ho spiegato che la mancanza di progressi era dovuta al fatto che i procuratori svedesi non volevano recarsi a Londra per interrogare Julian Assange e decidere se accusarlo o rinunciare una volta per tutte al caso. 
 
Quando ho avuto accesso ai documenti ai sensi della legge sulla libertà d'informazione, ho scoperto che erano state le autorità britanniche a dire ai procuratori svedesi di non andare a Londra per interrogarlo. Avevano anche detto loro che il caso non era stato trattato come una semplice richiesta di estradizione, e avevano anche scoraggiato i procuratori svedesi dal rinunciare alla causa nel 2013, quando avevano considerato di farlo.

Perché le autorità britanniche dovrebbero essere coinvolte in un caso di presunto stupro svedese?

Questa è esattamente la domanda che ho cominciato a pormi. Che tipo di interesse personale avrebbero le autorità britanniche in questo caso? Ho chiesto altri documenti e mi è stato detto che erano stati distrutti, il che è molto sospetto, perché quando hanno distrutto i documenti, il caso era ancora in corso e molto controverso.
Cinque anni dopo, sto ancora cercando di ottenere una risposta sul perché di tutto questo. Questo è stato fatto dal CPS (Crown Prosecution Service), la stessa agenzia responsabile dell'estradizione di Assange negli Stati Uniti. Questo mi rende molto sospettosa. Questo caso svedese ha avuto un impatto enorme sulla reputazione di Assange, facendolo sembrare uno stupratore sfuggito alla giustizia. L'indagine è ora chiusa e non può essere riaperta a causa della prescrizione.

Cosa ne pensa del modo in cui il Regno Unito ha reagito a questa vicenda?

È importante sapere che Londra e il Regno Unito hanno un rapporto speciale con gli Stati Uniti, non solo storicamente, ma anche in una forte partnership per la condivisione dell'intelligence. Il Regno Unito può anche essere più serio degli Stati Uniti in termini di intelligence. Non è un caso che abbiano prodotto la saga di James Bond che idealizza gli agenti segreti: hanno una vera cultura e amore per l'intelligence, la segretezza, i servizi segreti. Julian Assange non sarebbe mai dovuto andare nel Regno Unito. Il 27 settembre 2010 è volato a Berlino per incontrare me e altri giornalisti. Dopo questo incontro, ha deciso di volare a Londra per lavorare sui registri di guerra in Iraq e sui cavi della diplomazia americana. Sono propensa a credere che non avrebbe mai vissuto una situazione così devastante in termini di legge, detenzione, arresto e ora la detenzione di Belmarsh e il rischio di estradizione negli Stati Uniti, se non avesse lasciato Berlino per volare a Londra.

Ritiene che i giudici britannici siano complici dei servizi segreti o che condividano l'agenda politica degli Stati Uniti?

Quello che sto dicendo è che il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria ha confermato che il Regno Unito e la Svezia lo hanno arbitrariamente detenuto dal 2010. Questa non è la mia opinione; questo è ciò che ha stabilito il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria. E le autorità britanniche non hanno fatto assolutamente nulla. Né i media, né i procuratori, né la magistratura hanno fatto nulla al riguardo. Quando il relatore speciale dell'ONU sulla tortura, Nils Melzer, ha scritto loro apertamente per dire loro che Assange era stato sottoposto a tortura psicologica e che stavano abusando dei suoi diritti, anche in questo caso, non è stato fatto nulla.
So che hanno una reputazione di correttezza e giustizia, ma in fin dei conti, se si guarda bene a questo caso, la loro reputazione ne risente molto perché si comportano come un paese fuorilegge. A loro non interessano la decisione del gruppo di lavoro dell'ONU o i rapporti di Nils Melzer. Tengono un editore in un carcere di massima sicurezza come qualsiasi altro criminale. Gli hanno negato anche solo un'ora all'aria aperta quando era nell'ambasciata, una punizione inflitta solo ai peggiori criminali. Se si guarda a questo caso, alla retorica sulle istituzioni britanniche che rispettano i diritti umani e la libertà di stampa, si ottiene un quadro diverso.

Lei è stata testimone materiale nel processo a Julian Assange il mese scorso. Cosa pensa del procedimento durante queste quattro settimane di ottobre e cosa pensa che succederà ora?

Credo che l'aspetto più cruciale delle udienze sia il fatto che le autorità statunitensi abbiano distorto i fatti: l'accusa persiste nel sostenere che le autorità statunitensi non stanno perseguendo il giornalismo di Julian Assange, ma piuttosto una pubblicazione strettamente limitata di materiale non censurato che, secondo loro, mette in pericolo le fonti e gli informatori statunitensi. Prima di tutto, questo non è vero: qualsiasi giornalista degno di questo nome può verificare l'atto d'accusa che lo sostituisce e rendersi conto che le autorità statunitensi lo stanno perseguendo per attività puramente giornalistiche, come la ricezione e l'ottenimento di documenti classificati come cavi, file di Guantanamo e le regole di ingaggio in Iraq.
Stanno anche cercando di imprigionarlo a vita per la divulgazione non autorizzata di questi documenti classificati. Si tratta di attività puramente giornalistiche: se Julian Assange finisce in prigione per questo, ogni giornalista sarà in pericolo. Sarà la fine del giornalismo che denuncia crimini di guerra, torture e gravi violazioni dei diritti umani. In secondo luogo, le autorità statunitensi continuano ad accusare Assange di aver messo in pericolo delle vite.
 
Fin dall'inizio, il Pentagono ha cercato di sostenere che WikiLeaks potrebbe avere le mani sporche di sangue e, dal 2010, ha lavorato molto duramente per valutare l'impatto potenzialmente dannoso di queste pubblicazioni. Dieci anni dopo, non sono ancora in grado di fornire alcuna prova che qualcuno sia stato ucciso o ferito o messo in prigione a seguito delle rivelazioni di WikiLeaks. Anche durante il processo a Chelsea Manning, il capo del gruppo di lavoro istituito dalle autorità statunitensi per analizzare le pubblicazioni non ha trovato una sola "vittima".
Nel frattempo, abbiamo molte prove di crimini di guerra attraverso le pubblicazioni di WikiLeaks. Il fatto che i criminali di guerra non siano mai stati accusati e non abbiano mai trascorso un solo giorno in prigione, mentre Julian Assange non ha mai riconquistato la libertà e ora rischia di passare la vita in prigione, dà una misura di come la democrazia americana abbia perso la sua strada. Il caso Assange è un campanello d'allarme: la democrazia americana sta diventando così distopica che i criminali di guerra godono dell'impunità, mentre un giornalista che espone i crimini di guerra viene condannato all'ergastolo. Si tratta di un caso senza precedenti.

Ma sarebbe comunque un argomento ragionevole per dire che Assange avrebbe potuto mettere in pericolo la vita delle persone non essendo abbastanza attento e pubblicando cavi non censurati.

Il motivo per cui sono stati pubblicati i documenti dei cavi non redatti è che due giornalisti del Guardian hanno pubblicato la password in un libro, rendendo le informazioni accessibili a tutti, e qualcun altro ha pubblicato l'archivio completo. WikiLeaks non ha mai pensato di pubblicare cavi non censurati. Al contrario, per quasi un anno è stata messa in atto un'attenta procedura di censura dei cavi. Se il piano fosse stato quello di pubblicare i documenti non rielaborati, perché l'avremmo fatto? Questa è una campagna in corso per ritrarre WikiLeaks come criminali irresponsabili e pericolosi per la vita. Questo fa parte della guerra di propaganda contro WikiLeaks.

Crede ancora che il Regno Unito cederà agli Stati Uniti ed estraderà Julian Assange? È illegale estradare qualcuno per motivi politici, non è vero?

È assolutamente illegale estradare qualcuno per motivi politici. Ma a loro non importa. Abbiamo visto come hanno gestito questo caso. Se le persone si rifugiano in un'ambasciata, di solito si offre loro un passaggio sicuro. Non l'hanno mai offerto. Le autorità britanniche erano pronte a prendere d'assalto l'ambasciata, eppure l'hanno lasciato lì per sette anni senza cure mediche né accesso al mondo esterno. Alla fine l'hanno arrestato e portato in un carcere di massima sicurezza e non gli è permesso di uscire, anche se potrebbe essere infettato da Covid-19. Per questi motivi, non posso credere che giocheranno secondo le regole.

Cosa pensa che possano fare in questa fase le persone che hanno a cuore la libertà di stampa?

Voglio che la gente conosca i fatti di questo caso, a causa di questa guerra di propaganda. È questo che mi motiva. Non ricevo soldi, mi batto per trovare soldi per la mia causa per la libertà d'informazione, e posso dirvi che questo tipo di lavoro non vi permette di farvi degli amici potenti. È proprio il contrario: hai dei nemici potenti. Nessuno vuole mettersi nei guai con gli Stati Uniti. Sono troppo potenti, la loro influenza si sente in tutto il mondo. Combatto perché voglio vivere in una società in cui si possano denunciare i crimini di guerra senza finire in prigione, come ha fatto Chelsea Manning.

Voglio vivere in un mondo dove si ha la possibilità di rivelare i crimini di guerra senza rischiare di perdere la libertà come ha fatto Julian Assange. Se non costruiamo queste società, nessun altro lo farà per noi, dobbiamo lottare per far sì che ciò avvenga. Posso combattere nell'unico modo che conosco, con il giornalismo. Voglio usare il mio giornalismo per ottenere i fatti esatti su questo caso e per far capire alla gente quanto sia delirante perdere la propria libertà denunciando crimini di guerra. 

 

 

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.exberliner.com/features/julian-assange-trial-2020/stefania-maurizi-assange-interview/
Publication date of original article: 15/10/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29870

 

Tags: #FreeJulianAssangeWikileaksProcesso di estradizione RU-USAGiustiziaRegno UnitoMediamenzognePropagandaLibertà
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.