TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 30/10/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ASIA & OCEANIA 
ASIA & OCEANIA / Mumbai, India: Priyanka Mogre, rider di Zomato, è in prigione da un anno per “violenze verbali” contro un poliziotto
Date of publication at Tlaxcala: 06/10/2020
Original: Mumbai: A year later, Zomato delivery woman held for verbal abuse still in jail
Translations available: Français 

Mumbai, India: Priyanka Mogre, rider di Zomato, è in prigione da un anno per “violenze verbali” contro un poliziotto

Nitin Brahme नितीन ब्रह्मे

Translated by  Silvana Fioresi
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

Più di un anno dopo la sua disputa con un vigile stradale, Priyanka Mogre si trova ancora nella prigione di Byculla perché non ha potuto pagare la cauzione.

L'anno scorso una rider di 27 anni di Zomato è stata arrestata per aver litigato con un vigile stradale e aver utilizzato un linguaggio abusivo. Dopo più di un anno Priyanka Mogre, di Sanpada, Navi Mumbai, è ancora dietro le sbarre per questo delitto minore perché non ha potuto ottenere la liberazione su cauzione.

L'8 agosto 2019 dei vigili stradali di Vashi, come anche degli addetti al rimorchio, ritiravano dei veicoli stazionati in zone vietate nel settore 17. I vigili facevano anche delle foto delle macchine per gli e-challans (multe elettroniche). Quando un agente ha fatto una foto del motorino della Mogre, la rider ha cominciato a litigare con lui.

Immediatamente dopo la disputa, è stata arrestata al successivo semaforo rosso da quattro poliziotti, che le hanno ordinato di presentarsi alla stazione di polizia. Dopo che l'agente Mohan Sargar l'ebbe denunciata alla polizia di Vashi, è stata incolpata in base agli articoli 353 (aggressione o ricorso alla forza per dissuadere un funzionario a svolgere le sue funzioni), 393 (tentativo di furto), 294 (atti o parole oscene in luogo pubblico), 506 (intimidazione criminale) e 504 (insulto intenzionale con intento di provocare una violazione alla pace) del codice penale indiano. Mogre è stata arrestata il 20 agosto 2019.

Due video dell'incidente sono divenuti virali sui social. Nel primo, si vede la Mogre utilizzare parolacce nella sua disputa con la polizia. Si sente però anche il poliziotto utilizzare un linguaggio abusivo. La Mogre ha affermato di non aver parcheggiato il veicolo come pretendeva il poliziotto ma che si trovava semplicemente di fianco al suo motorino quando il poliziotto le ha fatto la foto.

Il secondo video mostrava come gli agenti l'avessero circondata al semaforo seguente, e la seconda disputa che ne è seguita. Durante tutto questo tempo la polizia la filmava. La Mogre è stata innanzitutto messa in fermo poliziesco, trasformato poi in custodia cautelare. La polizia ha affermato che era stata in passato arrestata per guida in stato di ebbrezza e per guida senza casco.

Conseguenze del carattere virale dei due video con le sue risposte infiammate: nessun membro della sua famiglia o amico si è presentato per pagare la sua cauzione o per aiutarla in un modo o in un altro. La sua prima richiesta di messa in libertà su cauzione è stata rifiutata. In settembre 2019, una liberazione su cauzione le è stata accordata, ma lei non ha potuto presentare due garanti. Quindi oggi si trova ancora nella prigione di Byculla.

In febbraio 2020, Prayaas (Sforzo), un progetto di azione sul campo dell'Istituto Tata di Scienze sociali, che aiuta i detenuti in custodia cautelar, si è rivolto al tribunale in suo nome e ha proposto una garanzia personale. Però anche questa richiesta è stata rifiutata. Anche Ramaa Kale, di Prayaas, ha fatto appello ai parenti della Mogre per sostenerla, uno sforzo interrotto dall'inizio della pandemia del coronavirus.

Secondo Kale, la polizia, durante tutto questo tempo, non aveva neanche presentato il caso della Mogre in tribunale. Ora che Kale ha ripreso la lotta, lei ha dovuto fare diversi viaggi tra il tribunale di Vashi, a sud di Mumbai, e il tribunale distrettuale di Thane, nel nord della metropoli [75 km di distanza, NdT]. Dopo la richiesta dell'avvocato Bhujagnrao More al tribunale del distretto di Thane di convertire la cauzione in un importo in contanti, il 21 settembre, il tribunale ha accettato l'appello a condizione di versare 25 000 rupie [= 300€, che corrisponde a un mese e mezzo di reddito di un rider, NdT] in contanti, e di presentare due garanti entro 30 giorni. More ha confermato che il denaro sarebbe stato deposto a breve in tribunale affinché la Mogre fosse liberata su cauzione.

A oggi sono state fatte diverse azioni per raccogliere i fondi necessari al deposito in contanti. Per questo Raj Asrondkar, membro fondatore del movimento sociale «Kayadyane Waga » [Agire secondo la legge], si è manifestato e tenta di raccoglierlo grazie all'aiuto di alcuni suoi amici.

“La nostra costituzione offre l'opportunità di perdonare, anche a un noto criminale. Ma qui, la legge è stata usata per dare una lezione a Priyanka. Avrebbe dovuto beneficiare di un aiuto psicologico. Infatti, il governo dovrebbe aprire un'inchiesta per sapere perché è detenuta in prigione da un anno. La punizione cha ha subito è stata troppo severa”.

Ha anche esortato il governo a chiudere questo caso.

NdE

Infine Priyanka è stata rilasciata dal carcere il 7 ottobre, essendo stata pagata la cauzione. Ora deve ricostruire la sua vita. In bocca al lupo!

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://thewire.in/rights/mumbai-zomato-delivery-woman-arrest-verbal-abuse-jail
Publication date of original article: 04/10/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29771

 

Tags: Priyanka MogreRider di ZomatoMumbaiArbitrario poliziescoDiritti umaniIndia
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.