TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/08/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Palestinesi stanno costruendo un villaggio sulla loro terra. I coloni armati di un avamposto illegale li stanno sabotando
Date of publication at Tlaxcala: 18/07/2020
Original: Palestinians are building a village on their land. Armed settlers from an illegal outpost are sabotaging them
Translations available: Français 

Palestinesi stanno costruendo un villaggio sulla loro terra. I coloni armati di un avamposto illegale li stanno sabotando

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

Un'organizzazione di agricoltori della zona di Gerico sta costruendo un villaggio nell'area controllata dai palestinesi: la zona  A. I coloni locali attaccano i lavoratori  quasi ogni giorno, ma l'imprenditore crede che il suo gruppo trionferà

La vista dalla collina è spettacolare. Una valle in fiore, boschetti e campi verdeggianti con alcuni edifici sparsi qua e là, un pollaio e un porcile. Il  tutto racchiuso in quella che altrimenti sarebbe terra arida e imbiancata. Ecco come appare la fioritura del deserto. Ecco come appare l'apartheid israeliano.

Gli spruzzatori sono in funzione  nel caldo mezzogiorno; non ci sono problemi di acqua in questi campi. Tutto intorno, tuttavia, è solo sabbia. Lungo  le pendici della collina, come capre aggrappate alle rocce,  ci sono le comunità di pastori beduini della Valle del Giordano, dei Jahalin e di altre tribù. Nelle tende e nelle baracche   migliaia di persone vivono senza acqua corrente o senza un  collegamento con la rete elettrica nel caldo torrido.

Le campanelle  delle pecore risuonano: i pastori pascolano il loro bestiame qui dietro le colline perché sono terrorizzati dai coloni, che li inseguono quasi dappertutto. Occasionalmente  l'Amministrazione Civile del governo militare emette ordini di demolizione e le baracche beduine vengono schiacciate dai bulldozer israeliani, responsabili dell'applicazione della legge.



Muwafek Hashem, l'anima del progetto di nuovo villaggio

Le comunità di Al-Kaabneh, Rashidiya, Al-Maajath e Ras al-Auja stanno combattendo per la loro sopravvivenza qui. Nulla di male  succederà  all'enorme ranch nel cuore della valle fiorita con le sue case, i suoi campi, i suoi boschi e i suoi animali. È palesemente illegale, ma a chi importa?

Questa è Havat Omer (la Fattoria di Omer), alias Einot Kedem. Fu fondata qui nel 2004 da Omer Atidiah, un colono diventato religioso del Moshav Ein Yahav  e dalla   sua partner, Naama, sulle rovine di una base militare abbandonata. Si è allargata selvaggiamente a un ritmo incredibile. Ai gruppi di visitatori viene ora offerta una strana varietà di programmi e attività. C'è "Desert Lite" ("Per ascoltare la nostra storia + tè e munchies + tour a piedi della fattoria"); “Tranquility in the Desert” (“La nostra storia + un pasto nel deserto di fronte al paesaggio agricolo”); “Naama's Garden (“ Sito di seminari e ospitalità per coppie ”); e persino "The Red Tent" ("Sito femminile sotto la luna"). Basta scegliere.

Uno dei compound dei coloni  di Havat Omer

 Ma la vera meraviglia, di proporzioni quasi miracolose, sta accadendo sulle colline a est della fattoria, a nord di Gerico. Un sogno sta assumendo forma materiale qui: i palestinesi stanno costruendo un nuovo villaggio per se stessi, per i loro agricoltori e per i pastori beduini della zona, sulle colline che dominano Einot Kedem da est.
 
Nel frattempo, Omer Atidiah, con i coloni di Mevo'ot Yericho e di  altre comunità vicine, stanno facendo tutto il possibile per fermare e sabotare i lavori di costruzione al fine di impedire ai palestinesi di costruire un villaggio - Dio ci aiuti! - sulla propria terra, in un territorio presumibilmente sotto il loro controllo. Eppure, meraviglia delle meraviglie, sembra che questa volta la mano violenta dei coloni non vincerà  e il villaggio nascerà davvero.
 
Alcune settimane fa, l'organizzazione Regavim, il cui obiettivo è "proteggere le terre nazionali di Israele", ha pubblicato una brusca reazione sulla sua pagina Facebook ebraica.  Afferma  che i movimenti di terra si sono estesi oltre l'Area A (che per gli Accordi di Oslo II è sotto il pieno controllo  palestinese).

Questo  accade grazie allo stato di Israele che chiude un occhio e alla sua grave mancanza di determinazione. Quindi oggi abbiamo bloccato i lavori. Continueremo a rimanere sul campo per impedirne la ripresa ”

Sarebbe difficile pensare a un'esibizione più impudente di ipocrisia e mancanza di consapevolezza di sé quando si tratta di "chiudere un occhio" su un trattore palestinese, mentre   Einot Kedem, si estende su almeno 2.400 dunam ( 240 ettari) - 4.000 dunam, secondo i calcoli dei palestinesi .  e  non è mai stata intrapresa alcuna azione legale contro i coloni.
 
Per quanto riguarda la legalità dei lavori  un portavoce dell'unità del Coordinatore delle attività governative nei Territori ha detto a Haaretz : "Per quanto riguarda Havat Omer, la costruzione è stata effettuata senza i permessi e senza le autorizzazioni necessarie". 
 
Quindi, quando la forza della legge verrà messa in pratica? "L'applicazione della  legge  verrà effettuata in conformità con i poteri e con le procedure adeguate e soggette  all'ordine delle priorità e delle  considerazioni operative."

Quando abbiamo visitato questa settimana il futuro villaggio , enormi bulldozer sollevavano nuvole di polvere a est di Einot Kedem, livellando l'area e preparandola per la creazione del nuovo villaggio, ancora senza nome. I primi 200 dunam saranno divisi e  destinati  ad ospitare centinaia di famiglie. Queste famiglie sono membri dell'Associazione di Gerico per gli aiuti all'agricoltura, una sorta di gruppo di investimenti immobiliari di fellahin palestinesi e pastori beduini che stanno costruendo la nuova comunità con i propri soldi e senza aiuti esterni.
 



Daini sul sito del villaggio in costruzione, nella Valle del Giordano.

 

Nel  cuore profondo di questo luogo remoto e desolato un sentimento di selvaggio West è rimasto sospeso in aria, sullo sfondo degli attacchi dei coloni. È diventato ancora più intenso quando un furgone con targa  israeliana  è apparso all'improvviso nell'area dove sono parcheggiati i pesanti sollevatori di terra, nascosti dietro le colline in questo luogo di fine mondo. Dal veicolo è uscito un giovane grassoccio e sorridente con  un cappello a tesa larga, che si è presentato come "Sufian Sawaad di Dimona".

Ora la fantasia è completa: un arabo israeliano, di ritorno da 13 anni in esilio nella Carolina del Nord, che gestisce i massicci trattori a cingoli D10 di proprietà di suo padre. Che cosa ha fatto all'estero? “Quello che  fanno tutti gli israeliani nella Carolina del Nord. Ho lavorato nei chioschi del centro commerciale e con i cellulari ”, risponde ridendo al vento del deserto.

Sawaad, che è cresciuto a Dimona, ora vive a Shfaram, una città per lo più musulmana nel nord di Israele. Insieme all'ingegnere Tahar Hanani, di Nablus, sta ora costruendo un villaggio palestinese nella Valle del Giordano occupata e quasi annessa. Anche lui ha sentito l'ira dei coloni.

Armati di pistole e fucili  spesso bloccano il suo passaggio lungo il sentiero sterrato che conduce al cantiere, costringendolo a tornare indietro. "Non abbiamo alcun problema con te, abbiamo un problema con gli altri", gli dicono magnanimamente.

La scena si ripete costantemente. I coloni affermano che i movimenti di terra sono illegali, convocano l'esercito e l'amministrazione civile, l'ingegnere e l'imprenditore mostrano loro sulle mappe che si trovano nell'area A e i coloni se ne vanno. Sawaad dice che cerca di evitare scontri con loro, ma è spaventato da loro.

Muwafek Hashem è l'anima di questa impresa audace e ambiziosa. Cinquantenne, membro di una delle comunità beduine nella zona di Gerico, dirige l'associazione agricola che sta costruendo il villaggio sulle terre waqf (beni religiosi). I rilievi sono iniziati nel 2017 e il lavoro in loco è stato avviato l'11 settembre 2019. Il vento sparpaglia le mappe e le fotografie aeree che ha portato per mostrarcele. Corre per recuperare i documenti volati via  e riesce finalmente a raccoglierli tutti.

Bulldozer al lavoro sul cantiere

I coloni hanno convocato l'esercito il primo giorno di lavoro, ma dopo che Hashem ha mostrato loro che il progetto era limitato all'Area A, gli è stato permesso di continuare.

L'unità del coordinatore delle attività governative nei Territori ha dichiarato a Haaretz questa settimana: "I lavori di costruzione menzionati nella vostra interrogazione vengono eseguiti nell'area A. Com'è noto, l'amministrazione civile è responsabile solo dell' area C, secondo gli accordi di Oslo. La costruzione palestinese  non è , quindi, sotto la responsabilità dell'amministrazione civile. "

In almeno tre occasioni, dice Hashem, i coloni hanno puntato i fucili addosso. Una dozzina di volte hanno strappato i pali di acciaio installati dai periti e gli operai hanno dovuto ricominciare tutto da capo. Sono stati vandalizzati due contenitori di gasolio e quattro contenitori di acqua sono stati rubati, ma  lo spirito di Hashem è rimasto imperterrito. Due guardie beduine sono sul posto ventiquattro ore su ventiquattro per sorvegliare l'attrezzatura., ma  quando i coloni piombano con i loro minacciosi veicoli fuoristrada, le guardie (che sono ovviamente disarmate) scappano per  salvare le loro vite sulle colline.

Le abitazioni non saranno fatte di pietra,n on ci sono soldi per quello - ma saranno capanne e case mobili. Una grande sfida sarà quella di collegare il nuovo villaggio alla rete idrica e alla rete elettrica. Non ci sono finanziamenti esterni per il progetto, sottolinea Hashem, né dall'AP né dall'Unione europea. Il finanziamento proviene interamente dalle 600 famiglie dell'associazione. Il budget per i lavori  è di circa 2 milioni di shekel (circa 510.000 €) e la posa della linea di galleggiamento costerà un altro mezzo milione di shekel.

Il piano per la prossima tappa del sogno prevede la bonifica di 3.800 dunam di terre waqf nell'area C (pieno controllo israeliano), che ovviamente a Hashem non sarà mai permesso di fare. Nel frattempo, sogna le colture che cresceranno nel nuovo villaggio: papaia, arance, pomeli,  limoni e, naturalmente, datteri.

Questa settimana tre enormi D10 stanno lavorando a pieno ritmo. L'ultima sezione di 10 dunam è programmata per la fine dei lavori. È la sezione più vicina alla fattoria di Omer e hanno paura.

Foto di Alex Levac





Courtesy of Frammenti vocali/Tlaxcala
Source: https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.MAGAZINE-settlers-are-violently-sabotaging-the-dream-of-a-new-palestinian-village-1.8999723
Publication date of original article: 17/07/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29344

 

Tags: Coloni sionistiContadini palestinesiPastori beduiniValle del GiordanoOccupazione sionistaEinet Kedom/Havat OmerPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.