TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/08/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Khaled Barakat: “La soluzione dei due Stati è un crimine contro il popolo palestinese”
Date of publication at Tlaxcala: 15/07/2020
Original: “The two-state solution is a crime against the Palestinian people”: Khaled Barakat
Translations available: Français  Español 

Khaled Barakat: “La soluzione dei due Stati è un crimine contro il popolo palestinese”

Samidoun صامدون

Translated by  Alba Canelli

 

Intervista a Khaled Barakat, scrittore e attivista della sinistra palestinese, sulla posta in gioco politica del periodo intorno al piano di annessione della Cisgiordania e alla mobilitazione in Palestina e altrove per affrontarla.

SamidounOggi e nei giorni precedenti, abbiamo visto decine di mobilitazioni in città e villaggi di tutto il mondo, dalla marcia di Ramallah organizzata da Samidoun Palestina a migliaia di persone nelle strade di Parigi e New York, alle piccole attività nelle città locali dove la gente si sente costretta ad uscire per resistere a quest'ultima ingiustizia. Abbiamo visto una partecipazione massiccia a Gaza, abbiamo visto carovane di auto, gente che camminava e ogni tipo di azione. Cosa pensi che significhi questo?

Khaled Barakat: I palestinesi si stanno svegliando dal grande inganno del cosiddetto "processo di pace" e degli accordi di Oslo. Si tratta infatti di un percorso di tradimento guidato da Mahmoud Abbas. I palestinesi si sono resi conto fin dagli accordi di Oslo, negli ultimi 30 anni, che non c'è speranza che questo percorso permetta loro di far valere i propri diritti. Una nuova generazione di palestinesi è nata dopo la firma degli accordi di Oslo e l'istituzione dell'Autorità palestinese, sia all'interno che all'esterno della Palestina.
Oggi quella generazione sta alzando la voce. Ha il compito storico di assumere il ruolo che le spetta di guidare il movimento di liberazione palestinese, con la forza e la mobilitazione, offrendo una visione alternativa. Tutte queste mobilitazioni non si limitano a dire che sono contro la colonizzazione e l'annessione della Valle del Giordano o il furto di terre palestinesi in Cisgiordania.
La principale forza politica che spinge questa resistenza è la convinzione del popolo palestinese che l'intero progetto di Israele e la sua esistenza siano il problema. Le nostre azioni per andare avanti devono basarsi su questo: affrontare l'intero sistema e lavorare per il suo completo smantellamento, per la liberazione totale della terra e del popolo palestinese.

Quali sono, secondo lei, i prossimi passi del movimento?

Il nostro popolo non ha altra alternativa che essere unito. Questa unità deve essere sulla strada della liberazione e del ritorno. La vera divisione non è tra Hamas e Fatah, ma tra la via del governo "autonomo", che serve solo all'1% dei capitalisti palestinesi - e la via delle masse palestinesi, delle classi popolari, che vogliono la liberazione della Palestina.
L'OLP è stata confiscata alle classi popolari dall'1% dei capitalisti palestinesi e dai suoi strumenti, e deve essere liberata e restituita al popolo. Essa è con il governo autonomo o con la liberazione della Palestina, sostenendo l'1% dei collaboratori o il 99% del nostro popolo impegnato in una resistenza globale.
Oggi il nostro popolo si rende conto che nessuno può ingannarlo con la cosiddetta "soluzione dei due Stati". Infatti, adottare e promuovere la soluzione dei due Stati è un crimine contro il popolo palestinese.
 
In questo momento, questo movimento non è importante solo per affrontare l'annessione per difendere la terra palestinese, anche se è cruciale. È anche un movimento per difendere i lavoratori e i contadini della Valle del Giordano. Quando si parla di determinazione, si parla di pescatori, lavoratori e agricoltori. Sono loro che portano la nostra causa sulle loro spalle. Ogni volta che un pescatore palestinese va nel mare di Gaza per sfamare la sua famiglia, è un fedayeen - un combattente per la libertà. A volte non tornano. Israele può ucciderli, arrestarli o distruggere le loro barche. Quando oggi i contadini palestinesi a Gaza andranno a piantare la loro terra, potrebbero trovarsi di fronte a bombardamenti con carri armati israeliani e armi fabbricate dagli Stati Uniti. Sostenere il popolo palestinese significa sostenere le classi lavoratrici. Significa anche, naturalmente, lottare per il rilascio di tutti i prigionieri palestinesi.
 
Ogni giorno, coloro che combattono con tutti i mezzi - organizzando le loro comunità, organizzando i loro campus e costruendo la resistenza - sono il bersaglio di rapimenti, torture, interrogatori e incarcerazioni israeliane. Il movimento dei prigionieri palestinesi rappresenta i leader della nostra lotta. I rifugiati palestinesi nei campi in Libano, Giordania e Siria e ovunque in esilio e nella diaspora affrontano varie circostanze di assedio e repressione, al centro delle quali c'è la negazione del loro diritto al ritorno. Sono le masse palestinesi, il popolo palestinese, per e con cui questo movimento globale sta lottando.

Ora tutti dicono di essere contro l'annessione, anche le forze di destra palestinesi responsabili della firma degli accordi di Oslo. Qual è la sua visione della scena politica attuale per i palestinesi, e come può il movimento di liberazione palestinese resistere davvero a presentare un percorso di lotta popolare?

Il nostro compito oggi è quello di formare un fronte nazionale unificato basato sui diritti fondamentali del popolo palestinese, definiti dal nostro stesso popolo. Questi diritti sono sistematicamente negati e violati dagli Stati Uniti e da Israele. La priorità del popolo palestinese oggi è quella di proteggere la propria terra, proteggere i propri diritti e costruire la propria forza in modo globale. Allo stesso tempo, la costruzione di un fronte unito non deve trattenerci o diventare una condizione che ci impedisce di far avanzare il movimento. La resistenza deve diventare sempre più forte.
 
 
 
I movimenti popolari devono diventare sempre più forti, compresi i movimenti dei lavoratori, delle donne e degli studenti. Movimenti come Tal'at rappresentano le aspirazioni del popolo palestinese. Movimenti come le coalizioni e i comitati di Al-Awda difendono il diritto al ritorno dei rifugiati palestinesi nel mondo. Organizzazioni e reti come Samidoun mobilitano le persone in tutto il mondo per difendere i diritti dei palestinesi, dei prigionieri palestinesi e la liberazione della Palestina. I giovani palestinesi stanno prendendo l'iniziativa. Organizzazioni come Within Our Lifetime - United for Palestine, l'Hirak Shebabi (la mobilitazione dei giovani palestinesi) a Berlino, l'organizzazione femminile palestinese Al-Karama in Spagna, l'Hirak Haifa nella Palestina occupata del '48, il movimento studentesco e giovanile e molti altri, mostrano una via da seguire. Sono queste forze che hanno guidato le mobilitazioni oggi, non solo fuori dalla Palestina, ma anche all'interno della Palestina, con la resistenza palestinese a Gaza. Queste sono le forze che non dipendono dai finanziamenti dell'Unione Europea per le ONG. Pertanto, essi osano confrontarsi con l'Autorità palestinese, Israele e gli Stati Uniti, e adottare una visione rivoluzionaria della liberazione palestinese che si concentra sulle lotte delle classi lavoratrici, sulle lotte delle donne, sulla liberazione nazionale e sociale.

Su questo tema dell'unità, c'è stata molta pubblicità nei media palestinesi su questa conferenza stampa congiunta di Jibril Rajoub di Fatah e Saleh al-Arouri di Hamas. Pensa che questa sia una vera opportunità per l'unità palestinese nella lotta, o è qualcos'altro?

Non è possibile unire due strade opposte - quella di un programma di resistenza, e quella di un programma di concessioni, trattative e devastazione di Oslo - sotto la copertura della "riconciliazione nazionale", anche nel bel mezzo del progetto di annessione. La promozione di tali incontri e conferenze come speranza di unità per i palestinesi non fa che promuovere l'illusione, soprattutto quando non ci sono più segni significativi che l'Autorità palestinese abbia in qualche modo deviato dal suo percorso di fallimento capitolare contro gli Stati Uniti e Israele, sopprimendo la resistenza palestinese attraverso il coordinamento della sicurezza. E' anche un tentativo di ripulire l'immagine di Jibril Rajoub, precedentemente a capo del servizio di sicurezza preventiva dell'Autorità Palestinese in Cisgiordania. In tale veste, ha svolto ogni tipo di repressione, sorveglianza e detenzione di combattenti e organizzazioni della resistenza. 
Non possiamo cancellare questa storia e presentarla con la semplice apparenza di una conferenza stampa congiunta online. Una tale esposizione mediatica cerca anche di limitare i termini dell'unità palestinese a quelli dell'Autorità palestinese: la "soluzione dei due Stati". Il popolo palestinese ha fiducia solo nell'unità della resistenza in lotta. Tutto il resto deve essere accolto con un alto livello di scetticismo. L'unità nazionale deve essere basata sui principi del popolo palestinese e su un programma di lotta che tagli tutti i legami con il devastante percorso e programma di Oslo. Non deve essere usata per lucidare l'apparenza della stessa Autorità "autonoma" in Cisgiordania che continua, in pratica, il coordinamento della sicurezza con Israele e la repressione politica della resistenza palestinese.

Molte persone in tutto il mondo si mobilitano per la Palestina organizzando campagne di boicottaggio, disinvestimenti e sanzioni, per il boicottaggio di Israele e delle società complici che traggono profitto dall'oppressione del popolo palestinese. Molte di queste stesse forze sono responsabili di crimini contro comunità oppresse in tutto il mondo, prigioni private e società di sicurezza e alleanze ufficiali che prendono di mira anche le comunità nere negli Stati Uniti e le popolazioni indigene in Canada. Come vede i compiti del movimento di boicottaggio oggi?

La tattica del boicottaggio ha una lunga storia nel movimento palestinese. Abbiamo boicottato i prodotti britannici negli anni '30. Una delle prime organizzazioni palestinesi e arabe che si mobilitarono nel 1951 dopo la Nakba fu l'Assemblea per il rifiuto della riconciliazione con Israele. Questa organizzazione è stata fondata da George Habash [il leader della sinistra palestinese che in seguito ha co-fondato e guidato il Movimento nazionalista arabo e poi il Fronte popolare per la liberazione della Palestina]. Naturalmente, abbiamo anche le ricche lezioni del boicottaggio palestinese della prima Intifada. Il boicottaggio è uno strumento permanente della resistenza palestinese, dentro e fuori la Palestina. 
 
La campagna BDS e le iniziative di boicottaggio sono una parte importante del movimento di solidarietà palestinese. Quando guardiamo al BDS, lo vediamo dal punto di vista della liberazione nazionale. È un importante strumento internazionalista che può mobilitare la partecipazione diretta alla lotta per sostenere il popolo palestinese. La campagna BDS comprende molte organizzazioni internazionali e iniziative che hanno risposto a un appello palestinese al mondo. È una parte importante del movimento di solidarietà palestinese. È uno strumento e una tattica essenziale. Allo stesso tempo, non è un'alternativa al movimento di liberazione palestinese. Né si può dire che le questioni politiche fondamentali possano essere rimandate al futuro. In realtà, come ho già detto, la soluzione dei due Stati è un crimine contro il popolo palestinese. È tempo di essere chiari sulla natura del progetto sionista e sulla necessità di una liberazione totale, compreso il diritto inalienabile del popolo palestinese a resistere all'occupazione.

Come pensa che la rabbia e l'impegno che si riflettono in questa Giornata della rabbia possano continuare ad essere costruttivi, per andare avanti e a combattere?

Il movimento di liberazione nazionale palestinese è un movimento anti-imperialista nella sua natura. La lotta palestinese fa parte della lotta globale, che si confronta con l'imperialismo statunitense, il sistema capitalista. Il sistema che saccheggia le risorse dei popoli del mondo, il sistema che ha reso schiavi, sfruttato e continua a opprimere brutalmente le comunità e i popoli neri, il sistema che ha rubato la terra e commette genocidi contro i popoli indigeni. Il sistema che pompa le risorse dei popoli del mondo, che distrugge vite e nazioni per profitto. La Palestina fa parte del campo della rivoluzione mondiale. Non cambierà mai la sua posizione di movimento antimperialista e antirazzista.
 

Quando costruiamo il nostro movimento, costruiamo questo movimento. Quando questo movimento mondiale è vittorioso in qualsiasi parte del mondo, lo sentiamo subito in Palestina. Quando questo movimento subisce battute d'arresto o attacchi in qualsiasi parte del mondo, da un colpo di stato in Bolivia alla guerra economica degli Stati Uniti contro Cuba, Zimbabwe, Venezuela o Iran, anche noi lo sentiamo immediatamente. Siamo anche parte di una lotta araba progressista e rivoluzionaria. I palestinesi oggi hanno il compito di ricostruire la visione rivoluzionaria araba e di liberazione nazionale. Dobbiamo essere all'altezza di questo compito insieme al popolo arabo e ai popoli della regione - e ai popoli del mondo - per stare come palestinesi in prima linea, di fronte al sionismo, all'imperialismo e ai regimi reazionari arabi che lavorano con loro. 

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://samidoun.net/2020/07/barakat-the-two-state-solution-is-a-crime-against-the-palestinian-people/
Publication date of original article: 10/07/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29316

 

Tags: Khaled BarakatPalestina/IsraeleUSASionismoColonialismoBDSDirittiSovranitàOLP
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.