TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 13/07/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Morire di fame: la tirannia del coronavirus
Date of publication at Tlaxcala: 27/05/2020
Original: Corona Tyranny – and Death by Famine
Translations available: Español  Français 

Morire di fame: la tirannia del coronavirus

Peter Koenig

Translated by  Alba Canelli

 

Entro la fine del 2020 ci saranno più persone che moriranno di fame, disperazione e suicidio che per il nuovo coronavirus COVID-19. Noi, il mondo, ci troviamo di fronte a una pandemia della fame di grandi proporzioni, che supererà di gran lunga la "pandemia COVID-19". La pandemia della fame mi ricorda il film "The Hunger Games", dove alcune persone decidono cosa mangiare, chi può mangiare e chi morirà secondo le proprie capacità...

I media riferiranno poco, se non nulla, di questa pandemia. Questa pandemia della fame ha già cominciato a diffondersi.
 
In Occidente, l'attenzione si concentra sul caos creato dalla privatizzazione e dalla gestione a scopo di lucro dei sistemi sanitari. Gradualmente, viene alla luce l'enorme manipolazione del numero di persone infette e il tasso di mortalità del COVID-19 negli Stati Uniti. Per ogni paziente con COVID-19, l'ospedale riceve un "sussidio" di 13.000 dollari (sotto Medicare), e se al paziente viene messo un respiratore (tasso di mortalità medio tra il 40 e il 60%), il "bonus" ammonta a 39.000 dollari.

Così il Dr. Scott Jensen, senatore del Minnesota, ha detto in un'intervista a Laura Ingraham trasmessa da Fox News.

"In questo momento, Medicare sta determinando che se si va in ospedale per COVID-19, si ottengono 13.000 dollari. Se il paziente con COVID-19 usa un ventilatore, riceverà 39.000 dollari, tre volte di più. Nessuno può dirmi, dopo 35 anni nel mondo della medicina, che a volte questo tipo di cose hanno un impatto su ciò che facciamo".
Nella vita reale, la gente povera non può vivere in isolamento, sotto chiave. Non solo molti o la maggior parte di loro hanno già perso la casa perché non possono pagare l'affitto, ma hanno bisogno di guadagnare quanto più possibile all'esterno per sfamare le loro famiglie e se stessi. Devono uscire a lavorare per guadagnarsi il pane, e se non c'è lavoro, se non c'è reddito, allora saccheggiano i supermercati in città o le fattorie in campagna. Il cibo è fondamentale per la loro vita. Togliere alla gente la possibilità di comprare il cibo è un omicidio.

"Ogni bambino che muore di fame nel mondo è un omicidio" - Jean Ziegler, ex relatore ONU per il cibo in Africa.
 
I responsabili di questa pandemia di COVID-19 - che hanno il mandato universale di incaricare i governi nazionali di seguire alla lettera il confinamento - sono responsabili di "crimini contro l'umanità".
 
Questo è un accordo a livello mondiale. Non ha precedenti nella storia dell'umanità. Solo pochi paesi si sono rifiutati di seguire, o hanno seguito solo in parte, la tirannia del confinamento totale e hanno quindi protetto una parte importante del loro benessere sociale ed economico. L'obiettivo di dominare il pianeta sotto un Nuovo Ordine Mondiale, controllando e riducendo la popolazione mondiale su larga scala?

Chi vivrà e chi morirà? L'obiettivo del programma di sterminio è quello di ridurre la povertà nel mondo: come? Attraverso vaccini tossici e contaminati, che fanno perdere la fertilità alle donne africane (la Gates Foundation con il sostegno dell'OMS e dell'UNICEF lo ha fatto in Kenya e altrove, vedi qui come un massiccio programma di vaccinazione contro il tetano sponsorizzato dall'OMS e dall'UNICEF è stato realizzato in Kenya); oppure lasciando che i "sottosviluppati", i senzatetto, muoiano di fame, negando loro l'accesso a cibo sufficiente e acqua pulita. Privatizzare l'acqua, privatizzare l'approvvigionamento alimentare d'emergenza, un crimine che porta proprio a questo: la mancanza di approvvigionamento a causa dei prezzi inaccessibili.

Se questo non bastasse, la "fase di confinamento" ha altre soluzioni per provocare la carenza di cibo. HAARP può aiutare. HAARP (HAARP = High Frequency Active Aurora Research Program) è stato perfezionato e armato. Secondo il rapporto finale dell'US Air Force AF 2025, i cambiamenti climatici possono essere usati sia in modo difensivo che offensivo, cioè per produrre siccità o inondazioni, che hanno il potenziale di distruggere i raccolti - distruggendo i mezzi di sussistenza dei poveri.

E se questo non bastasse, il Rapporto Rockefeller 2010 prevede anche il razionamento del cibo, su base selettiva, ovviamente, visto che si tratta di eugenetica. Non dimentichiamo le famigerate parole di Henry Kissinger nel 1970: "Chi controlla l'approvvigionamento alimentare controlla la gente: la citazione continua:
"Chi controlla l'energia può controllare interi continenti;
chi controlla il denaro può controllare il mondo".

Un recente post su Facebook (nome e località non rivelati per protezione personale) nota quanto segue:
"...Nel paese più povero, dove vivo, tutta la gente è confinata dal 16 marzo. La gente non ha niente da mangiare... La moglie del mio principale lavoratore è stata violentata e picchiata a morte. Era di origine cinese. Anche se non avevano il permesso di andarsene, la gente moriva di fame e camminava di fattoria in fattoria distruggendo tutto. Ho perso tutto il mio bestiame, frutta e verdura. Hanno bruciato le case e rubato le auto, gli attrezzi, ecc. Sono in bancarotta, con nessuno intorno a me che possa darmi soldi per ricostruire. Non posso pagare i miei lavoratori. Le loro famiglie stanno morendo di fame. Ci sarà malnutrizione, che porterà ad una maggiore fame o morte per altre malattie. Quanti si suicideranno quando si troveranno per strada completamente impoveriti? -come molti sono morti in India cercando di camminare letteralmente per migliaia di chilometri per tornare a casa nella speranza di trovare un riparo, dopo che tutti i mezzi pubblici erano chiusi e tutti dovevano essere confinati. Sono sicuro che questi numeri saranno molto più alti dei decessi per il virus, ma ci sarà anche un aumento delle persone che moriranno per l'influenza il prossimo anno a causa di un sistema immunitario indebolito.
A titolo di riflessione tardiva... "Forse le élite stanno progettando di sterminare la popolazione. Sembra che sia così".

Questo è successo da qualche parte nel Sud del mondo. Ma l'esempio rappresenta gran parte del sud globale e dei "paesi in via di sviluppo" in generale. E la situazione è probabilmente molto peggiore, dato che finora è solo la punta dell'iceberg.

L'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) riferisce che la disoccupazione globale sta raggiungendo proporzioni senza precedenti, che quasi la metà della forza lavoro mondiale, 1,6 miliardi di persone, potrebbe perdere il lavoro. Questo significa niente reddito per pagare l'affitto, il cibo e le medicine, significa fame e morte. Per milioni di persone. Soprattutto nel Sud del mondo, che non dispone di reti di sicurezza sociale. Le persone sono lasciate sole.
 
Il New York Times riporta (1 maggio 2020) che milioni di disoccupati negli Stati Uniti non vengono conteggiati, in quanto il sistema di registrazione non ha la capacità di gestire tutte le domande. Aggiungendo questi milioni agli oltre 27 milioni di disoccupati già contati, la nuova cifra sarebbe astronomica. Lo stesso New York Times conclude che i milioni di persone che sono uscite dalla povertà dall'inizio del secolo rischiano di ricadere nella povertà insieme ad altri milioni. Le ultime previsioni del Federal Reserve System prevedono che la disoccupazione potrebbe raggiungere il 50% entro la fine del 2020.

La fame, soprattutto nel Sud del mondo, ma non solo, è una morte spaventosa per milioni, forse centinaia di milioni. Morire nelle fogne delle megalopoli, dimenticati dalla società, dalle autorità, troppo fragili per almeno mendicare, infestati da parassiti per mancanza di igiene, marcire nella vita. Questo sta accadendo in molte aree metropolitane, anche senza il disastro causato dal nuovo coronavirus. Queste persone non sono contabilizzate dalle statistiche. Non sono considerate persone. Punto.
 
Immaginate queste situazioni nelle grandi città, così come nelle zone rurali, sotto la "fase di blocco" dei Rockefeller, il numero di morti potrebbe essere ancora più alto.
 
L'attuale reclusione sta frenando tutto. Praticamente ovunque nel mondo. Più a lungo dura, più devastante è l'impatto sociale ed economico. E sarà irreparabile.
 
Non solo viene interrotta la produzione di beni, servizi e alimenti, ma le catene di fornitura vengono interrotte per portare prodotti vitali da A a B. I lavoratori non possono lavorare. Sicurezza. Per la vostra sicurezza. Il virus, il nemico invisibile potrebbe attaccarti. Potrebbe uccidere te e anche i tuoi cari. Paura, paura, paura - questo è lo slogan che funziona meglio - funziona così bene che la gente comincia a gridare: Datemi, datemi, datemi, datemi, datemi, datemi, datemi, un vaccino! - che produce un sorriso da orecchio a orecchio sul volto di Bill Gates. Mentre guarda miliardi (di dollari) scorrere e il suo potere aumentare.
 
Bill Gates e l'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che ha "comprato" diventeranno famosi. Salveranno il mondo da nuove pandemie - indipendentemente dagli effetti collaterali - 7 miliardi di persone vaccinate (il sogno di Bill Gates) e nessuno ha il tempo di preoccuparsi o di segnalare gli effetti collaterali (dei vaccini), per quanto mortali possano essere. La Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF) potrebbe essere nominata per un premio Nobel per la pace e, chissà, Bill Gates potrebbe persino diventare uno dei prossimi presidenti dell'impero morente. Non sarebbe una ricompensa adeguata per il mondo?

Nel frattempo, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) a sangue freddo mantiene la sua previsione irrealistica di una leggera "contrazione economica" dell'economia mondiale di appena il 3% nel 2020 e di una leggera crescita nella seconda metà del 2021. L'attenzione del FMI per l'economia mondiale e lo sviluppo umano - sulla crisi sociale la sua prospettiva è completamente subordinata al denaro e manca di qualsiasi compassione - e quindi diventa completamente irrilevante nell'era del coronavirus. Istituzioni come il FMI e la Banca Mondiale, semplici appendici del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, stanno affrontando un crollo economico di cui sono in gran parte responsabili.

"Giubileo del debito"

Quello che sia il FMI che la Banca Mondiale dovrebbero forse fare è chiedere un aumento fino a 4.000 miliardi di dollari di diritti speciali di prelievo (come proposto da alcuni membri del consiglio di amministrazione del FMI) e utilizzare queste risorse per un fondo speciale di riduzione del debito, un "Giubileo del debito del Fondo" per i paesi del Sud del mondo. Dare una concessione. Questo permetterebbe a questi paesi di rimettersi in piedi, di tornare a politiche monetarie ed economiche sovrane, di recuperare la loro economia interna, con una moneta nazionale, di creare una banca pubblica e una banca centrale di proprietà del governo, generando posti di lavoro e autonomia in materia di alimentazione, sanità e istruzione.
 
Perché questo non sta accadendo? Perché richiederebbe una modifica della sua costituzione, così come una ridistribuzione dei diritti di voto secondo la nuova correlazione delle forze dell'economia mondiale. La Cina sarebbe molto più importante, con una maggiore partecipazione al processo decisionale. Naturalmente gli Stati Uniti non vogliono che questo accada. Ma la mancanza di volontà di adattarsi alla nuova realtà ha reso queste istituzioni irrilevanti a tal punto che non solo dovrebbero, ma potrebbero correre il rischio di scomparire.
 
È interessante notare, tuttavia, che due delle tre proiezioni del FMI prevedono un'altra pandemia, o una nuova ondata della pandemia, entro il 2021. Cosa sa il FMI che noi non sappiamo?
 
In contrapposizione all'approccio insensibile delle istituzioni finanziarie internazionali e del sistema bancario privato globalizzato, il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite avverte (il 25 aprile 2020) che la pandemia COVID19 causerà "carestie di proporzioni bibliche"; e che, senza azioni e finanziamenti urgenti, centinaia di milioni di persone affronteranno la fame e milioni potrebbero morire a causa della pandemia.
 
Oggi, allo stato attuale, circa 9 milioni di persone nel mondo muoiono di fame ogni anno.
 
Il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale David Beasley ha detto al Consiglio di sicurezza dell'ONU che, oltre alla minaccia per la salute rappresentata dal virus, il mondo dovrà affrontare "diverse carestie in pochi mesi", che potrebbero causare fino a 300.000 morti al giorno - una "pandemia della fame".
 
Beasley ha aggiunto che prima dello scoppio, quest'anno il mondo stava "affrontando la peggiore crisi umanitaria dalla seconda guerra mondiale" a causa di molteplici fattori. Ha citato le guerre in Siria e nello Yemen, la crisi nel Sudan meridionale e gli sciami di locuste in Africa orientale. Ha detto che, insieme allo scoppio del coronavirus, la carestia ha minacciato circa 36 paesi.
 
Secondo il "Global Report on Food Crises 2020" del Programma alimentare mondiale, pubblicato lunedì 20 aprile, 135 milioni di persone nel mondo sono state minacciate dalla carestia. Beasley ha detto che, man mano che il virus si diffonde, "130 milioni di persone in più potrebbero essere spinte sull'orlo della fame entro la fine del 2020". Si tratta di un totale di 265 milioni di persone.
 
La pandemia di carestia è aggravata dall'attuale crisi dei rifugiati, che è anche una catastrofe di miseria: fame, malattie, mancanza di riparo, mancanza totale di igiene nella maggior parte dei campi profughi.
 
Il professor Jean Ziegler, sociologo (Università di Ginevra e Sorbona, Parigi), vicepresidente del Comitato per i diritti umani dell'ONU, ha recentemente visitato il campo profughi di Moria sull'isola greca di Lesbo. Ha descritto una situazione in cui 24.000 profughi sono ammassati in caserme militari costruite per 2.800 soldati, che vivono in circostanze estreme: mancanza di acqua pulita, cibo insufficiente e a volte viziato, pochi bagni e puzzolenti... malattie ovunque. In questo ambiente, il  COVID19 sarebbe piuttosto secondario.
 
Queste persone, che fuggono dalle guerre causate dall'Europa e dall'Occidente, hanno visto i loro mezzi di sussistenza distrutti e sono state respinte dalla stessa Unione Europea, poiché la maggior parte dei paesi non vuole accoglierle e dare loro la possibilità di iniziare una nuova vita. Questo comportamento atroce e xenofobo da parte dell'Europa è contro i diritti umani a cui hanno aderito tutti i paesi dell'Unione europea ed è contrario alle regole del blocco. È un triste ricordo di ciò che l'Europa è veramente: un conglomerato di Paesi con una storia di centinaia di anni di colonizzazione, di sfruttamento spietato, di saccheggio e di violazione delle nazioni del Sud globale.
 
Questa caratteristica abominevolmente atroce, che continua ancora oggi in modo sfacciato, sembra essere diventata parte integrante del DNA europeo. Queste guerre e questi conflitti sono condotti volontariamente dalla NATO, dal potere e dall'avidità - per mantenere vivo e redditizio il complesso militare industriale statunitense - sono una catapulta verso la totale egemonia mondiale.
 
Ai rifugiati che fuggono da queste zone di conflitto, al loro destino e alla carestia si aggiungeranno quelli che muoiono di fame a causa della crisi del nuovo coronavirus, anch'esso imposto dall'uomo. Il numero di morti per fame e le relative cause potrebbe essere astronomico entro la fine del 2020, superando di gran lunga le cifre manipolate per i decessi della COVID-19.
 
C'è speranza? Sì, c'è speranza finché viviamo.
 
Il mondo deve svegliarsi.
 
Sette miliardi di persone in prigione! Rendiamoci conto di ciò che sta accadendo, il tutto con l'intenzione di controllare l'Umanità, digitalizzare e robotizzare le nostre vite.
 
Quale modo migliore di farlo se non con il pretesto di rinchiuderci "per la nostra sicurezza"? Sfidiamo queste regole, affrontiamo questi governanti invisibili che si credono onnipotenti, che hanno potere solo nella misura in cui noi, il popolo, glielo diamo o glielo portiamo via. Perché tutto quello che hanno sono soldi e media corrotti che diffondono paura e ancora paura per tenerci rinchiusi.
 
Le mie ultime parole sono: seguiamo il nostro cuore. Apriamo i nostri cuori all'amore e guardiamo oltre i cinque sensi che vengono manipolati dai media, entriamo in uno stato di coscienza superiore.
 
Abbandoniamo la paura, usciamo dalla prigionia, difendiamo i nostri diritti, la nostra libertà. Perché la libertà non può essere comprata con i soldi, né può essere calpestata dai media. Fa parte di tutti noi. Se molti di noi aprono il proprio cuore all'AMORE, a un amore onnicomprensivo, saremo in grado di sconfiggere questa élite psicopatica. 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.globalresearch.ca/corona-tyranny-death-famine/5711942
Publication date of original article: 08/05/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=29015

 

Tags: Covid19FMIPrivatizzazionePropagandaMediapandemiaPovertà
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.