TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/02/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Il popolo palestinese si trova a un crocevia, il più pericoloso della sua storia
Date of publication at Tlaxcala: 03/02/2020
Original: الشّعب الفِلسطيني بات أمام مُفترق طُرق هو الأخطر في تاريخه
Translations available: English  Français 

Il popolo palestinese si trova a un crocevia, il più pericoloso della sua storia

Abdelbari Atwan عبد الباري عطوان

Translated by  Alba Canelli

 

Il piano di Trump lascia ai palestinesi una scelta cruciale: arrendersi o resistere.

 

 
"L'Affare del secolo" è stato presentato dal suo padrino Donald Trump e dal suo aiutante Benjamin Netanyahu. È uno strumento di resa per il popolo palestinese e per i suoi leader. Chiede loro di ammettere la sconfitta e di sottomettersi alle condizioni del vincitore israeliano, senza farne parola con nessuno. La mancata firma di questo strumento porterà ad un'ulteriore repressione e ad un assedio, ed eventualmente alla deportazione in Giordania come "patria alternativa".

 

Si tratta di una nuova versione del sistema dell'apartheid in Sudafrica, a cui tutto il mondo si è opposto e che alla fine è riuscito a rovesciare. I palestinesi di tre aree densamente popolate - nelle aree "A" e "B" della Cisgiordania e della Striscia di Gaza - saranno ghettizzati in "bantustans". La loro sicurezza, i confini, l'economia, l'acqua, le risorse e lo spazio aereo saranno tutti sotto il controllo del governo israeliano, e i palestinesi non avranno altra scelta che servire l'occupazione israeliana e semplicemente sopravvivere.
 
Non c'è da stupirsi che Netanyahu gongoli mentre la Moschea di Al-Aqsa diventerà il Monte del Tempio e Gerusalemme nella sua interezza la capitale dello Stato ebraico - la cui natura esclusivamente ebraica deve essere riconosciuta da tutti i palestinesi - il diritto al ritorno viene annullato, gli insediamenti e la Valle del Giordano annessi e la Striscia di Gaza disarmata. Aveva buoni motivi per dichiarare che il giorno dell'annuncio dell'Affare del secolo è il più grande momento della sua vita, anche più grande della proclamazione dello Stato di Israele nel 1948. Perché il suo grande amico Trump gli ha dato più di quanto potesse sognare.
 
Prima di accusare i regimi arabi di tradirci, noi palestinesi dobbiamo ammettere che è la nostra stessa sottomissione, e l'imperdonabile trasformazione di 40.000 di noi in spie e guardiani dei coloni, che ci ha portato qui. Mi riferisco, ovviamente, alle forze di sicurezza dell'Autorità palestinese (AP), che pretende di rappresentarci e che ha ceduto l'80% del territorio palestinese per poter avere posti di lavoro, pass VIP e auto e ville di lusso.
 
L'AP e tutti gli altri gruppi palestinesi rifiutano chiaramente questo accordo, ma questo rifiuto rimane una posa quando non si traduce in misure pratiche per resistere all'occupazione in ogni modo possibile. Non significa andare alla Lega Araba o chiedere la simpatia delle capitali europee e delle organizzazioni internazionali, come facciamo da due decenni e mezzo. Ventisei anni di negoziati, di incoraggiamento alla normalizzazione degli Stati arabi, di lunghi discorsi di supplica all'Assemblea generale delle Nazioni Unite e di tentativi di adesione a organizzazioni internazionali sono ciò che ci ha portato alla situazione miserabile e umiliante in cui ci troviamo oggi. Eppure la nostra Autorità e i nostri leader continuano a seguire la stessa strada e godono ancora del sostegno e della fiducia di alcuni.
 
Il nuovo approccio promesso dal presidente Mahmoud Abbas non deve consistere nel fare altri appelli, nel chiedere più negoziati e nell'esigere il rispetto delle risoluzioni delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.  Si tratta di accendere la miccia della resistenza e di riportare le cose al punto di partenza: un popolo che resiste all'occupazione. Ciò deve comportare lo scioglimento dell'AP, la fine della cooperazione con Israele in materia di sicurezza e la rinuncia a tutte le conseguenze degli accordi di Oslo. Deve anche significare ammettere il fallimento, ritirarsi dal potere e permettere al popolo palestinese di tracciare il suo futuro e produrre nuovi leader capaci di guidarlo veramente in questa nuova fase.
 
Il regime della supremazia bianca, che Trump vuole riprodurre in Palestina per volere di Israele, è stato sconfitto dalla resistenza, e questa nuova variante israeliana non può che essere sconfitta allo stesso modo. La prima e la seconda intifada hanno costretto Israele a riconoscere l'esistenza di un popolo palestinese e a chiedere l'intercessione delle grandi potenze per pacificarlo. L'Affare del secolo sarà finalmente respinto, così come l'occupazione israeliana della Striscia di Gaza e, prima ancora, del Libano meridionale. Ma questo potrà mai essere fatto solo attraverso la resistenza in tutte le sue forme, non attraverso l'approccio sottomesso dell'Autorità Palestinese e certamente non proteggendo la sicurezza della potenza occupante - una vergogna senza precedenti per un movimento di liberazione nazionale.
 
Il popolo palestinese si trova davvero a un crocevia storico. O abbandona la sua terra e la sua dignità e accetta la tangente di 50 miliardi di dollari che Trump intende estorcere alle mucche da latte petro-monarchiche come prezzo per la Palestina, oppure rimane fermo e combatte e resiste a questa cospirazione, come tutti gli altri popoli colonizzati hanno fatto e hanno pieno diritto di fare, secondo le leggi internazionali riconosciute da 170 Stati membri delle Nazioni Unite.
 
Dov'è l'Impero britannico su cui il sole non tramontava mai, dov'è l'Impero francese che ha occupato gran parte dell'Africa, come si è concluso l'intervento usamericano in Vietnam e quello sovietico in Afghanistan? Vi prego di non parlarci dell'equilibrio di potere e del suo squilibrio, che sarebbe nell'interesse dei nemici, perché questo è il pretesto degli sconfitti.
 
Attualmente stiamo vivendo la seconda fase della costruzione del Grande Israele, perché tutta la Palestina è già sotto lo stivale sionista, e questa seconda fase comprende la Giordania, poi l'Iraq, l'Egitto e l'Arabia Saudita, che dovrebbero unire tutti gli arabi e i musulmani di fronte a questo pericolo, affinché il popolo palestinese non sia il toro bianco [lo zimbello].
 
Oggi chiedono più di 250 miliardi di dollari di risarcimento per i beni perduti degli ebrei nei paesi arabi, e domani chiederanno miliardi di dollari per gli ebrei di Khaibar e retroattivamente per più di 2000 anni. Lo diciamo ai liquidatori che hanno sostenuto l'Affare al festival con le ragazze pon pon della Conferenza del Bahrein e si sono impegnati a finanziarlo.

Sì, l'Affare del Secolo non passerà finché ci sarà un asse di resistenza, e il popolo palestinese è pronto a dare sempre di più per la rivoluzione che ha dato vita a migliaia di combattenti della resistenza all'occupazione dopo la sconfitta del 1967, quando è esploso in risposta agli accordi di Oslo. Si rialzerà e creerà alternative che sventoleranno la bandiera della resistenza. Dove cresce il pericolo, cresce anche ciò che salva. 

Pete Kreiner

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_21704.jpg





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://bit.ly/2tnpm3I
Publication date of original article: 30/01/2020
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27998

 

Tags: Palestina/IsraeleSionismoColonialismoOccupazione sionistaGaza
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.