TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 28/11/2020 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Julian Assange: Quello che sappiamo
Date of publication at Tlaxcala: 22/12/2019
Original: Julian Assange : ce que nous savons
Translations available: English  Español  Português/Galego 

Julian Assange: Quello che sappiamo

Viktor Dedaj

Translated by  Alba Canelli

 

Sappiamo che: Julian Assange è un cittadino australiano. La casa editrice da lui co-fondata (Sunshine Press) ha sede in Islanda e il loro sito di Wikileaks è ospitato... eh... da qualche parte.

Sappiamo che Assange non ha violato alcuna legge in nessuna giurisdizione in cui si trovava. Neanche una. Non l'ha mai fatto. Sappiamo che non è mai stato accusato di stupro in Svezia (se pensate che sia stato accusato di stupro in Svezia, consultate la vostra fonte d'informazione preferita). Quindi sappiamo che la lunga "indagine preliminare" di unA procuratrice svedese non è mai stata altro che un'operazione per far cadere la preda Assange nella trappola degli USA.
 
Sappiamo anche che Julian Assange non è mai stato sotto la giurisdizione degli USA. E quindi che una "estradizione" di Julian Assange verso gli USA non sarà una decisione giudiziaria in applicazione di non so quale legge, ma piuttosto il risultato di un'operazione di rapimento da parte degli USA di un giornalista straniero, un rapimento deciso e preparato da tempo e sotto la copertura di un "diritto" che in questo caso è stato violato dall'inizio alla fine. Sappiamo quindi che ciò che si sta preparando contro di lui non è una "estradizione" ma un rapimento, un sequestro, una "consegna straordinaria" (Extraordinary rendition).
 
Sappiamo che gli USA pretendono comunque di imporgli 175 anni di carcere in nome di una legge (Espionage Act del 1917) e nell'ambito di un gran giurì che vieta all'imputato di invocare le sue motivazioni e che riduce a zero i diritti della difesa.
 
Ora sappiamo che ogni suo spostamento e quelli dei suoi visitatori all'ambasciata sono stati spiati e che i suoi privilegi di cliente/avvocato e paziente/medico sono stati violati e che tutti questi dati - così come tutti i suoi effetti personali - sono stati comunicati agli USA.
 
Sappiamo che Assange non sta attualmente scontando alcuna pena (sì, avete letto bene*) ma è in "detenzione preventiva", che è detenuto in isolamento in un carcere di massima sicurezza. Sappiamo anche che è gravemente malato e che non viene curato. Sappiamo quindi che Assange viene deliberatamente maltrattato dalle autorità britanniche, un trattamento che il relatore speciale dell'ONU - dopo un esame medico del prigioniero da parte di specialisti del settore - equivale alla tortura. Sappiamo che la sua vita è letteralmente in pericolo.
 
Sappiamo che l'amministrazione penitenziaria gli dà pochissimi contatti con i suoi avvocati, pochissime visite, nessun contatto con gli altri detenuti, e che non ha accesso alle "prove" presentate contro di lui e nessun mezzo materiale per preparare una parvenza di difesa.
 
Abbiamo visto in udienze surreali che è talmente malato che riesce a malapena a pronunciare il suo nome e la sua data di nascita, e dove il giudice Vanessa Baraitser mostra apertamente il suo disprezzo per lui e per i suoi avvocati e prende - in piena vista di tutti - le sue istruzioni dai rappresentanti usamericani presenti in sala. Abbiamo anche visto un impiegato chiedere al detenuto di confermare la sua nazionalità... svedese (per darvi un'idea della serietà con cui si sta conducendo questo caso).
 
Sappiamo che Assange è uno dei giornalisti più premiati del XXI secolo. Sappiamo che ha ricevuto altri 3 premi giornalistici mentre era in prigione. Sappiamo che è stato nominato sette volte per il premio Nobel per la pace. Sappiamo che il capo della Federazione Internazionale dei Giornalisti (che dichiara di rappresentare 600.000 professionisti) ha preso posizione a favore di Assange. Sappiamo che i tre principali sindacati dei giornalisti francesi hanno scritto una lettera aperta a Macron su Assange. Sappiamo che diverse centinaia di giornalisti in tutto il mondo hanno firmato una recente petizione per il suo rilascio, ecc.
 
Sappiamo anche che Amnesty International deve avere il prosciutto sugli occhi per non aver riconosciuto un prigioniero politico torturato nel cuore di Londra. Sappiamo da tempo che Reporter Senza Frontiere si copre gli occhi, le orecchie e la bocca ogni volta che gli USA sono coinvolti.
 
Abbiamo capito che i social network (Facebook e Twitter) esercitano una discreta censura su qualsiasi comunicazione relativa ad Assange e/o Wikileaks, limitandone drasticamente la circolazione.
 
E sappiamo che di tutto questo non ne saprete nulla.
 
Perché sappiamo che i "grandi" media hanno deciso di limitare il più possibile la loro copertura dell'"Affare Assange" e di lasciar passare l'informazione col contagocce..
 
Sappiamo, per esempio, che un grande quotidiano britannico ("progressista") come The Guardian può pubblicare un articolo contro Assange, che è fabbricato da zero. Abbiamo notato che gli altri "grandi" media non ce l'hanno con i loro colleghi (beh, finalmente la solidarietà all'interno della professione esiste!)
 
Sappiamo che una giornalista di Le Monde è capace di guardarti dritto negli occhi e dire senza scrupoli qualcosa come "Assange ha avuto quello che si meritava perché ha fatto perdere Hillary Clinton". Questa è l'argomentazione più stupida che sia mai stata fatta, da un giornalista. Orrore garantito. Capelli rizzati garantiti.
 
In breve, ora sappiamo che i "grandi" media sono gestiti in modo preponderante da quelli che devono essere chiamati bastardi.
 
Sappiamo che i cosiddetti media alternativi - incredibile ma vero - che si mobilitano per Assange (e WikiLeaks) sono ancora troppo rari. Gli altri probabilmente pensano di poter ignorare o di non essere preoccupati dalla vicenda - o sono ancora (ironicamente) sotto l'influenza della propaganda mainstream.

Ma sappiamo anche che gli anni di calunnie e menzogne riversate su di lui e sulla sua organizzazione cominciano a svanire e che l'ascesa della solidarietà con Julian Assange è cresciuta rapidamente negli ultimi mesi. Solo ieri gli appelli e gli interventi a suo favore - giornalisti, medici, personalità, politici, ONU - erano decine, e oggi sono centinaia, migliaia. Il silenzio dei media non è stato ancora rotto, ma sta cominciando a rompersi. Questa lotta è partita da troppo lontano per non darci un motivo di speranza, quindi non arrendiamoci. Con questa lotta, e il resto, il 2020 potrebbe essere un buon anno per la giustizia. 

NdA
* Dopo il suo rapimento dall'ambasciata ecuadoriana l'11 aprile 2019, J. Assange è stato immediatamente condannato per "aver violato le condizioni del suo rilascio agli arresti domiciliari" (un braccialetto alla caviglia e la denuncia quotidiana a una stazione di polizia) - una violazione commessa quando ha chiesto asilo politico in Ecuador nel giugno 2012 (una decisione contestata dagli avvocati in quanto la richiesta di asilo è un diritto fondamentale - e non è come se non si sapesse dove si trova). È stato condannato alla pena massima per un reato di questo tipo (che in realtà non era un reato) che di solito si traduce in una multa nel Regno Unito. JA è stato rilasciato a metà della sentenza, ma il giudice ha rifiutato il suo rilascio e ha deciso di tenerlo in custodia cautelare fino al processo di "estradizione". Tutto questo in un carcere di massima sicurezza, senza contatti o cure.

Jorge Alaminos, Tlaxcala





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.legrandsoir.info/julian-assange-ce-que-nous-savons.html
Publication date of original article: 20/12/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27685

 

Tags: Julian AssangeWikiLeaksUSAMediamenzogneTorturaConsegne straordinarie
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.