TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 13/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UMMA 
UMMA / Erdogan vuole la Bomba
Date of publication at Tlaxcala: 23/10/2019
Translations available: English  Français  Português/Galego  Türkçe  Deutsch 

L'Arte della Guerra
Erdogan vuole la Bomba

Manlio Dinucci Μάνλιο Ντινούτσι مانلیو دینوچی مانليو دينوتشي

 

Progetto non facile, ma non irrealizzabile. La Turchia dispone di avanzate tecnologie militari, fornite in particolare da aziende italiane, soprattutto la Leonardo. Possiede depositi di uranio. Ha esperienza nel campo dei reattori di ricerca, forniti in particolare dagli Usa

«Alcuni paesi hanno missili nucleari, ma l’Occidente insiste che noi non possiamo averli. Ciò è inaccettabile»: questa dichiarazione del presidente Erdogan rivela che la crisi va al di là di quella apertasi con l’offensiva turca in Siria. In Turchia, durante la guerra fredda, gli Stati uniti schierarono armi nucleari contro l’Unione Sovietica. Nel 1962, negli accordi con l’Urss per la soluzione della crisi dei missili a Cuba, il presidente Kennedy promise di rimuovere tali armi dalla Turchia, ma ciò non fu fatto.

Finita la guerra fredda, sono rimaste in Turchia, nella base aerea di Incirlik, circa 50 bombe nucleari Usa B61 (le stesse schierate in Italia ad Aviano e Ghedi), dirette principalmente contro la Russia. In tal modo sia gli Usa che la Turchia violano il Trattato di non-proliferazione. Piloti turchi, nel quadro della Nato, sono addestrati (come i piloti italiani della base di Ghedi) all’attacco con bombe nucleari B61 sotto comando Usa. Tra non molto, le B61 dovrebbero essere sostituite dagli Usa anche in Turchia (come sarà fatto in Italia e altri paesi europei) con le nuove bombe nucleari B61-12, anch’esse dirette principalmente contro la Russia.

Nel frattempo però, dopo l’acquisto turco di missili antiaerei russi S-400, gli Stati uniti hanno rimosso la Turchia dal programma dell’F-35, principale vettore delle B61-12: il caccia di cui la Turchia avrebbe dovuto acquistare 100 esemplari e di cui era co-produttrice. «L’F-35 – ha dichiarato un portavoce della Casa bianca – non può coesistere col sistema antiaereo S-400, che può essere utilizzato per conoscere le capacità del caccia», ossia può essere usato dalla Russia per rafforzare le difese contro l’F-35. Fornendo ad Ankara i missili antiaerei S-400, Mosca è riuscita a impedire (almeno per ora) che sul territorio turco siano schierati 100 F-35 pronti all’attacco con le nuove bombe nucleari statunitensi B61-12.

Appare a questo punto probabile che, tra le opzioni considerate a Washington, vi sia quella del trasferimento delle armi nucleari Usa dalla Turchia in un altro paese più affidabile. Secondo l’autorevole Bollettino degli Scienziati Atomici (Usa), «la base aerea di Aviano può essere la migliore opzione europea dal punto di vista politico, ma probabilmente non ha abbastanza spazio per ricevere tutte le armi nucleari di Incirlik». Lo spazio si potrebbe però ricavare, dato che ad Aviano sono già iniziati lavori di ristrutturazione per accogliere le bombe nucleari B51-12.

Su questo sfondo si colloca la dichiarazione di Erdogan che, facendo leva anche sulla presenza minacciosa dell’arsenale nucleare israeliano, annuncia l’intenzione turca di avere proprie armi nucleari.

Progetto non facile, ma non irrealizzabile. La Turchia dispone di avanzate tecnologie militari, fornite in particolare da aziende italiane, soprattutto la Leonardo. Possiede depositi di uranio. Ha esperienza nel campo dei reattori di ricerca, forniti in particolare dagli Usa.

Ha avviato la realizzazione di una propria industria elettronucleare, acquistando alcuni reattori da Russia, Giappone, Francia e Cina. Secondo alcune fonti, la Turchia potrebbe essersi già procurata, sul «mercato nero nucleare», centrifughe per l’arricchimento dell’uranio. L’annuncio di Erdogan che la Turchia vuole divenire una potenza nucleare, interpretato da alcuni come un semplice gioco al rialzo per avere maggiore peso nella Nato, non è quindi da sottovalutare.

Esso scopre ciò che in genere viene nascosto nel dibattito mediatico: il fatto che, nella turbolenta situazione provocata dalle politiche di guerra, svolge un ruolo sempre più importante il possesso di armi nucleari, spingendo chi non le possiede a procurarsele.





Courtesy of il manifesto
Source: https://ilmanifesto.it/erdogan-vuole-la-bomba/
Publication date of original article: 22/10/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27278

 

Tags: ErdoganBomba atomicaTurchiaNATOImperialismo USAGuerra di Siria
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.