TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 13/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / L'Iran, Israele e il destino
Date of publication at Tlaxcala: 09/10/2019
Original: Iran, Israel and Destiny
Translations available: Français  Deutsch 

L'Iran, Israele e il destino

Gilad Atzmon جيلاد أتزمون گيلاد آتزمون

Translated by  Alba Canelli

 

Sebbene il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu stia lottando per formare un nuovo governo e stia cercando valorosamente di evitare la prigione, è riuscito a trovare il tempo per impegnarsi a spendere molti più shekel. Alla fine, Netanyahu si è reso conto che Israele è in ritardo rispetto all'Iran nella corsa agli armamenti. Ieri Netanyahu ha annunciato che Israele deve aumentare le sue spese per la difesa di "diversi miliardi immediatamente e poi diversi miliardi ogni anno" per contrastare la minaccia dell'Iran che "si è intensificata nelle ultime settimane".

Israele ha seriamente mal gestito il suo conflitto con l'Iran. Per più di un decennio, Israele ha continuato a minacciare e intimidire l'Iran. La risposta dell'Iran è stata efficace: lentamente ma senza dubbio, l'Iran ha circondato lo stato ebraico. Israele non ha un confine comune con l'Iran, ma l'Iran è presente su così tanti confini israeliani. Le sue forze delle guardia repubblicana sono in Siria. Hezbollah e il Jihad islamico a Gaza e in Cisgiordania sono filo-iraniani. Un conflitto con l'Iran potrebbe avere conseguenze fatali per Israele. Esperti militari israeliani prevedono che un tale conflitto sottoporrebbe le città di Israele agli attacchi di migliaia di missili ben mirati e causerebbe devastazioni totali. Il recente attacco alle installazioni petrolifere saudite ha raggiunto una precisione sorprendente inferiore a un metro, nonostante sia stato lanciato a 650 km di distanza e ha inviato un chiaro messaggio a Israele. L'Iran può attaccare qualsiasi bersaglio in Israele dall'ovest dell'Iraq in modo accurato e senza essere rilevato. Ha dimostrato che la tecnologia iraniana è decenni avanti rispetto a qualsiasi cosa offerta da Israele, dagli USA o dall'Occidente.
 
Ora sembra del tutto irrealistico aspettarsi che gli USA agiscano militarmente contro l'Iran per conto di Israele. Le azioni sempre imprevedibili di Trump hanno convinto l'establishment della difesa israeliana che il paese è stato lasciato solo di fronte alla minaccia iraniana. L'amministrazione usamericana è disposta ad agire contro l'Iran solo con sanzioni e gli israeliani comprendono che le sanzioni possono facilmente avere un effetto boomerang. Promuovono l'indipendenza tecnologica e strategica. Sono state le sanzioni a rendere l'Iran una superpotenza tecnologica, spingendolo a sviluppare la propria industria militare e le proprie tattiche.
 
Allo stato attuale delle cose, Israele ha utilizzato i miliardi di dollari che ha preso ai contribuenti usamericani per costruire un sistema di difesa antimissile obsoleto che nella migliore delle ipotesi potrebbe essere efficace contro i missili V2 tedeschi del 1940. Ancora una volta, Israele si è preparato per la guerra sbagliata. Israele non è affatto preparato alle devastazioni che ha inflitto a se stesso. Una mente razionale si aspetterebbe che Israele ripensasse le sue tattiche e cercasse la pace con i suoi vicini e con l'Iran. Ma, a quanto pare, Netanyahu intende seguire lo stesso percorso bellicoso che ha reso la storia ebraica un tragico continuum.

Se il sionismo era una promessa di introdurre un nuovo paradigma e di emancipare gli ebrei dal loro destino, lo Stato ebraico è lì per garantire che il destino ebraico rimanga uguale a se stesso. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://gilad.online/writings/2019/10/8/iran-israel-and-destiny
Publication date of original article: 08/10/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=27173

 

Tags: IsraeleIranSionismoDonald TrumpArmiNetanyahuSiriaHezbollaCisgiordaniaGaza
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.