TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 14/11/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Le "nuove vie della seta" cinesi rischiano di porre fine alle speranze climatiche
Date of publication at Tlaxcala: 06/09/2019
Original: Les « nouvelles routes de la soie » chinoises risquent d'achever les espoirs climatiques
Translations available: English 

Le "nuove vie della seta" cinesi rischiano di porre fine alle speranze climatiche

Vincent Lucchese

Translated by  Alba Canelli

 

Il gigantesco progetto di sviluppo infrastrutturale guidato dalla sola Cina rischia di rendere obsoleto ogni sforzo per mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C, avverte un think tank cinese.

Esse rappresentano fino a mille miliardi di dollari di investimenti per costruire una lunga rotta commerciale dalla Cina all'Europa. Il progetto faraonico della "nuova rotta della seta", lanciato da Pechino nel 2013, prevede la costruzione di porti, strade, ferrovie, dighe ed oleodotti in decine di paesi partner in tutta l'Eurasia. Il rischio è soprattutto, che generi emissioni di anidride carbonica altrettanto eccessive. 
 

Questo è l'allarme lanciato il 2 settembre da un think tank cinese,  il centro Tsinghua per la finanza e lo sviluppo, trasmesso in un dispaccio da AFP. Modellando lo sviluppo generato dall'iniziativa cinese Belt and Road Initiative (BRI) in 17 paesi, tra i 126 paesi che hanno firmato accordi di cooperazione con la Cina, il Centro Tsinghua avverte che questi progetti "aumenteranno il bilancio del carbonio". Queste nuove vie della seta da sole rischierebbero quindi di distogliere pericolosamente l'obiettivo dell'accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2°C rispetto all'era preindustriale.

Geopolitica contro il clima

Anche se gli altri paesi, tra cui Cina, India, Europa o USA, seguissero una traiettoria che consentisse loro di mantenere il tasso di riscaldamento di 2°C, questo obiettivo sarebbe insostenibile se i paesi modellati dal think tank mantenessero la dinamica delle emissioni causata da queste nuove vie della seta. Alcuni paesi, tra cui Iran, Russia, Arabia Saudita e Indonesia, dovrebbero ridurre le loro emissioni del 68% entro il 2050 rispetto alla loro attuale traiettoria, perché possiamo sperare di rimanere sotto i 2°C, dice il Centro Tsinghua.
 
"La dinamica di crescita della BRI è così forte che se la sua traiettoria di carbonio è scarsa, ciò che fanno gli altri non avrà più importanza", avverte Simon Zadek del centro Tsinghua. Tuttavia, il think tank ritiene che una politica proattiva e lo sviluppo di tecnologie verdi ridurrebbe queste emissioni del 39% in tutti i paesi interessati dallo sviluppo delle infrastrutture legate alle vie della seta cinesi.

In ogni caso, è improbabile che il messaggio rallenti le ambizioni di Pechino. Nuove vie della seta, Belt and Road Initiative o Yidai Yilu (Una cintura, una strada), i diversi nomi di questo progetto coprono una strategia cinese unica e molto ambiziosa. Al di là dei benefici economici, Pechino intende utilizzare queste infrastrutture per rafforzare la sua influenza geopolitica in tutta la regione e sviluppare istituzioni internazionali che competono con quelle attualmente dominate dagli USA, come la Banca Asiatica per gli Investimenti per le Infrastrutture, che fornisce finanziamenti consistenti per queste nuove vie della seta e si posiziona come alternativa alla Banca Mondiale. Di passaggio, le nuove vie della Cina scavalcano scrupolosamente l'India, l'altro gigante asiatico di cui vorrebbe limitare l'influenza e lo sviluppo.

Tutti cattivi allievi

Non è certo quindi, che le emissioni di CO2 siano suscettibili di cambiare questo obiettivo, che dovrebbe contribuire a porre la Cina "in prima linea nel mondo in termini di potere globale e influenza internazionale" entro il 2050, come dichiarato dal Presidente della Repubblica Popolare nel 2017. L'invito a moderare le emissioni di carbonio provenienti da queste nuove vie della seta nei paesi prevalentemente asiatici sarà probabilmente impercettibile, poiché le grandi potenze e gli storici emettitori di CO2 non rispettano i propri impegni. Né gli USA né i principali paesi europei sono all'interno delle linee guida e solo 16 dei 197 paesi firmatari dell'Accordo di Parigi hanno intrapreso azioni per raggiungere i loro obiettivi, secondo un rapporto pubblicato nell'ottobre 2018 dal World Resources Institute, dal Graham Research Institute e dal Centre for Climate Change Economics and Policy. Tuttavia, anche se tutti gli impegni internazionali fossero rispettati, questi ci porterebbero comunque a un riscaldamento globale catastrofico di 3°C.
 
Il prossimo rapporto speciale dell'IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) sui legami tra il cambiamento climatico, l'oceano e la criosfera, la cui pubblicazione è prevista per il 25 settembre, potrebbe fornire ulteriori motivazioni internazionali. In una versione che si è procurata l'AFP, essa prevede che il solo innalzamento del livello dell'acqua potrebbe causare 280 milioni di rifugiati se la temperatura aumenta di 2°C. In un'ipotesi molto ottimistica dunque. Con l'attuale tasso di emissioni, il livello degli oceani potrebbe aumentare di oltre un metro entro il 2100, esponendo New York a inondazioni di più di due metri ogni cinque anni e Shanghai a inondazioni che minacciano un valore di 1.700 miliardi di dollari di proprietà entro il 2070. Nove delle venti città più a rischio di innalzamento del livello del mare sono anche in Cina, osserva Futura Sciences, rispetto ai guadagni che Pechino spera di ottenere dalle sue nuove vie della seta. 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://usbeketrica.com/article/les-nouvelles-routes-de-la-soie-chinoises-risquent-de-saper-les-efforts-climatiques
Publication date of original article: 02/09/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=26935

 

Tags: Belt and Road Initiative (BRI)CinaEmissioni CO2Cambiamento climaticoAccordi di ParigiNuove vie della seta
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.