TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 22/04/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Israele vota per l’apartheid
Date of publication at Tlaxcala: 12/04/2019
Original: Israel is voting Apartheid
Translations available: Français  Español 

Israele vota per l’apartheid

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Daniela Trollio

 

Nelle elezioni di martedì ci sarà un risultato sicuro: circa 100 membri della prossima Knesset (il parlamento israeliano, n.d.t.) saranno sostenitori dell’apartheid. Questo non ha precedenti in alcuna democrazia. Cento su 120 legislatori, un assoluto di maggioranze assolute, che appoggiano il mantenimento della situazione attuale, che è l’apartheid.

 
 
Con una tale maggioranza, sarà possibile nella prossima Knesset dichiarare ufficialmente Israele come Stato di apartheid. Con un tale appoggio all’apartheid e considerando la durata dell’occupazione, nessuna propaganda potrà rifiutare la semplice verità: quasi tutti gli israeliani vogliono che l’apartheid continui. L’apogeo della sfrontatezza lo chiamano democrazia, nonostante che più di quattro milioni di persone che vivono vicino a loro e sotto il loro controllo non abbiano diritto a votare nelle elezioni.
 
Naturalmente nessuno sta parlando di questo, ma in nessun altro regime del mondo c’è una comunità che vive a fianco di un’altra dove i residenti di una, abitanti di un insediamento in Cisgiordania, abbiano diritto a votare mentre i residenti dell’altra, un villaggio palestinese, non ce l’hanno. Questo è l’apartheid in tutto il suo splendore, la cui esistenza quasi tutti i cittadini ebrei del paese vogliono che continui.
 
Un centinaio di membri della Knesset saranno eletti a partire da liste che si chiamano di destra, di sinistra o di centro, ma quello che hanno in comune supera qualsiasi differenza: nessuno ha intenzione di mettere fine all’occupazione. L’ala destra lo dice con orgoglio, mentre il centro-sinistra ricorre a illusioni inutili per nascondere l’immagine, enumerando le proposte per una “conferenza regionale” o una “separazione sicura”. La differenza tra i due gruppi è insignificante. All’unisono la destra e la sinistra stanno cantando “dite sì all’apartheid”.
 
Risultato: questa elezione non è molto importante, è ben lontana dall’essere cruciale. Così diamoci un taglio all’isteria e al patetismo sul risultato. Non siamo in vista né di una guerra civile né di una crepa. La gente è più unita che mai, votando per l’apartheid. Qualsiasi siano i risultati di martedì, il paese dell’occupante continuerà ad essere il paese dell’occupante. Niente lo definisce meglio di tutti gli altri temi marginali, compresa la campagna del partito Zehut per legalizzare la marihuana.
Così non c’è ragione per trattenere il fiato sui risultati di martedì. Le elezioni sono perse da prima. Per gli ebrei del paese sarà la conferma - a livello di democrazia, di Stato di diritto – alla corruzione in cui vivono ma non farà nulla per cambiare l’essenza basica di Israele quale paese colonialista.
 
L’estrema destra vuole l’annessione della Cisgiordania, un passo che renderebbe permanente davanti alla legge una situazione che, per molti anni, è stata permanente nella pratica. Questo passo presenterebbe un vantaggio tentatore. Finalmente cadrebbe la maschera di democrazia di Israele e finalmente questo potrebbe generare opposizione sia nel paese che all’estero.
 
Ma nessuna persona di coscienza può votare per la destra fascista, che ha in sé persone che invocano l’espulsione dei palestinesi o la costruzione di un terzo Tempio sul Monte del Tempio, la distruzione delle moschee che vi sono o quelli che sognano persino lo sterminio. Il presunto più moderato partito del Likud del primo ministro Benjamin Netanyahu desidera solo mantenere la situazione attuale, cioè l’apartheid non dichiarato.
 
Il centro-sinistra cerca di farsi coinvolgere nell’inganno, senza una parola sulla fine dell’occupazione del Kahol Lavan (la coalizione bianco-azzurra guidata dall’ex capo della Forza di Difesa di Israele Benny Gantz, n.d.t.) né del laburismo, e nemmeno di togliere il blocco alla Striscia di Gaza. Il partito di Benny Gantz ha piani ambiziosi per una conferenze regionale, per fare storia e “approfondire il processo di separazione dei palestinesi compreso mantenere senza concessioni … la libertà d’azione dell’esercito israeliano dappertutto”.
 
E’ passato molto tempo da cui un documento di questo tipo, che ‘ripulisce’ l’occupazione, è stato scritto in tutta la sua disgrazia. E il partito Laburista non resta indietro. Il passo più ardito che sta proponendo è un referendum sui campi di rifugiati attorno a Gerusalemme nel quale, naturalmente, voterebbero solo gli israeliani.
 
E a questo si aggiungono le logore dichiarazioni sui blocchi di insediamenti, Gerusalemme, la Valle del Giordano e la fine della costruzione di insediamenti fuori dai blocchi, il che significa che la costruzione di insediamenti continuerà a tutta forza. “Strade verso la separazione” le chiama questo partito, il fondatore dell’impresa degli insediamenti. Strade verso l’inganno.
 
Pace? Ritirata? Smantellare gli insediamenti? Non fate ridere i sionisti.

Non resta molto altro, due liste e mezza, marginali: Meretz y Hadash-Ta'al, che appoggiano la soluzione dei due Stati – il vacillante treno che ha già lasciato la stazione – e la Lista Araba Unita Balad, che è la più vicina alla soluzione di uno Stato, l’unica soluzione rimasta. 

Votate apartheid. 





Courtesy of Cip Tagarelli
Source: https://bit.ly/2WTpQb0
Publication date of original article: 07/04/2019
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=25791

 

Tags: ApartheidPalestina/IsraeleLikudBenjamin Netanyau
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.