TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 CULTURE & COMMUNICATION 
CULTURE & COMMUNICATION / Noam Chomsky compie 90 anni: come un anarchico usamericano è più che sopravvissuto
Date of publication at Tlaxcala: 03/12/2018
Original: Noam Chomsky turns 90: How a U.S. anarchist has more than survived
Translations available: Español 

Noam Chomsky compie 90 anni: come un anarchico usamericano è più che sopravvissuto

Bruce E. Levine

Translated by  Amago

 

"Chi sostiene la legittimità dell’autorità si assume l’onere di giustificarla. E se non la può giustificare, è illegittima e dovrebbe essere destituita. A dire la verità, per me l’anarchia non è altro che questo".
Noam Chomsky

Il 7 Dicembre 2018 Noam Chomsky compie  90 anni. In un sondaggio del Reader’s Digest del 2013 sulle “100 persone più affidabili in America” (con ai primi posti celebrità di Hollywood), Noam Chomsky, che si autodefinisce anarchico, si classificò al ventesimo posto (dietro a Michelle Obama al diciannovesimo, ma prima di Jimmy Carter al ventiquattresimo). Dato che gli antiautoritari nel corso di tutta la storia degli Stati Uniti sono stati sistematicamente evitati, puniti economicamente, psicopatologizzati, criminalizzati e assassinati, il fatto che Chomsky sopravviva e prosperi è davvero notevole.
 
 
All’inizio degli anni sessanta, quando gli americani criticavano la guerra in Vietnam, Chomsky fu tra i primi a sfidare il governo degli Stati Uniti e a resistere. Rischiò il carcere e la perdita della carriera accademica in linguistica in cui era divenuto molto stimato grazie al suo contributo innovativo. Per più di mezzo secolo, Chomsky ha usato la sua posizione per sfidare tutte le autorità illegittime, incluso il governo degli Stati Uniti e regimi oppressivi in tutto il mondo. Ha espresso un coerente disprezzo per il dominio dell’élite – sia per le sue atrocità che per il sovvertimento dell’autonomia delle classi lavoratrici.
 
Pur detestando qualsiasi culto dell’eroe – specialmente di se stesso – Chomsky valorizza ciò che si può imparare dagli esperimenti di vita degli uomini. In questo spirito, esaminare la vita di Chomsky può servire agli antiautoritari che cercano di capire come sopravvivere.
Chomsky sa benissimo che la fortuna è stata un fattore importante nel capovolgere le sue sorti, ma per un anarchico americano nemmeno una grande fortuna è sufficiente per sopravvivere ed avere un’influenza profonda. Chomsky possiede anche un’intelligenza straordinaria, una razionalità degna di Spinoza, e una grande saggezza riguardo alla sopravvivenza.
 
Esaminando le vite tragiche o vittoriose di antiautoritari americani in Resisting Illegittimate Authority, ho scoperto che quegli antiautoritari che hanno prosperato, oltre ad avere fortuna, si sono presi cura di se stessi con saggezza, senza trascurare relazioni e denaro. Antiautoritari con vite più tragiche hanno spesso aggravato gli assalti dell’autorità con la loro propria autodistruttività.
 
Chomsky descrive i suoi genitori come “normali democratici roosveltiani”, ma alcuni altri membri della famiglia erano radicali di sinistra. Durante l’infanzia, Noam, per sua fortuna, cominciò la sua educazione a Oak Lane, una scuola sperimentale deweytiana dove i bambini erano incoraggiati al pensiero autonomo e la creatività era più importante dei voti. Chomsky è convinto che tutte le scuole potrebbero essere come Oak Lane, ma non lo sono perché nessuna società “basata su istituzioni gerarchiche autoritarie tollererebbe a lungo un tale sistema scolastico.”
 
A Oak Lane, a dieci anni, Noam pubblicò un articolo sul giornale della scuola sulla caduta di Barcellona alle forze fasciste durante la Guerra Civile Spagnola – un evento che restò importante per Chomsky per tutta la vita. Più tardi lesse Omaggio alla Catalogna, il resoconto di George Orwell sulla Guerra Civile e il breve successo di una società anarchica in Spagna. La precoce consapevolezza di Chomsky che il popolo può sollevarsi contro sistemi oppressivi e creare organizzazioni basate sulla cooperazione divenne parte delle fondamenta della sua convinzione che l’anarchia sia una possibilità concreta.
 
All’età di dodici anni, Noam entrò nella Central High School di Philadelphia, un istituto molto stimato, ma che lui odiava: “era il posto più ottuso e ridicolo in cui mi sono mai trovato, fu come cadere in un buco nero o qualcosa del genere. Innanzitutto, era estremamente competitivo – perché quello è uno dei modi migliori per controllare le persone”. Rimase in quella scuola, ma perse qualsiasi interesse.
 
Come molti altri giovani intelligenti antiautoritari, il giovane Noam detestava l’educazione scolastica ordinaria. Tuttavia, ebbe la saggezza di non equiparare scolarizzazione con istruzione, e durante l’adolescenza studiò per conto proprio. All’età di 13 anni, Noam andò da solo in treno a New York in visita a parenti. Passò molte ore con uno zio che aveva un’edicola sulla 72esima strada a Manhattan, un vivace “salotto politico letterario” dove un Chomsky adolescente fu esposto a idee radicali e alla cultura della classe operaia ebrea.
 
A sedici anni, Chomsky cominciò studi universitari all’Università della Pennsylvania ma presto, come molti studenti antiautoritari, si scoraggiò. Chomsky ricorda: “Quando lessi il catalogo del college era veramente eccitante – un sacco di corsi, grandi cose. Ma scoprii che il college era una scuola superiore ipertrofica. Dopo circa un anno stavo per abbandonare e fu solo un caso che invece ci rimasi.”Fortuna volle che si trovasse in sintonia con Zellig Harris, un professore carismatico di linguistica, che fece restare Noam nell’accademia e alla fine gli permise di diventare un linguista rinomato.

I primi interessi di Chomsky in realtà erano politici, non linguistici. Una volta ricordò: “Sin da bambino, sono stato profondamente coinvolto in politica radicale e dissidente, ma dal punto di vista intellettuale.” Alla fine il coinvolgimento intellettuale non era abbastanza. Chomsky ci dice: “In realtà sono un eremita per natura, e preferirei di gran lunga stare da solo a lavorare, che apparire in pubblico.”
 
Ciò che è psicologicamente ammirevole nel temperamento introverso di Chomsky è che si è attivamente impegnato nel mondo. Ho scoperto che il fattore chiave per quei rari antiautoritari che trionfano è la loro volontà di trascendere la loro zona di comfort psicologico.
 
A trent’anni, Chomsky era diventato un linguista molto stimato, e all’inizio degli anni 60 divenne uno dei primi intellettuali a condannare pubblicamente la guerra in Vietnam. Dopo che il dissenso contro la guerra si diffuse negli Stati Uniti, Chomsky con modestia racconta: “Sapevo di essere intollerabilmente troppo indulgente con me stesso per avere un ruolo meramente passivo nelle lotte che all’epoca stavano accadendo. E sapevo che firmare petizioni, mandare denaro, e partecipare di tanto intanto alle riunioni non era abbastanza. Pensavo che fosse essenziale prendere una parte più attiva, ed ero ben consapevole di ciò che questo avrebbe comportato”. Per dieci anni Chomsky si rifiutò di pagare una parte delle sue tasse, supportò i renitenti alla leva, fu arrestato diverse volte e fu uno dei nemici sulla lista ufficiale di Richard Nixon.
 
Date le potenziali conseguenze della sua posizione politica, Noam e sua moglie Carol (sposata a Noam dal 1949 fino alla sua morte nel 2008) saggiamente si accordarono che sarebbe stato opportuno che Carol tornasse a studiare e ottenesse un PhD, così da poter mantenere la famiglia nel caso lui fosse incarcerato. In seguito raccontò: “Effettivamente, ciò sarebbe accaduto se non fosse stato per due fatti inaspettati: (1) la completa (e piuttosto tipica) incompetenza dei servizi segreti… [e] (2) l’Offensiva del Têt, che convinse il mondo degli affari americano che il gioco non valeva la candela e portò alla caduta delle accuse”. Carol Chomsky alla fine ottenne un posto alla Harvard’s School of Education, ed anche lei ebbe una carriera accademica di successo. E così, grazie alla fortuna e a scelte sagge, la famiglia Chomsky ottenne due stipendi eccellenti e quindi sicurezza economica.
 
Chomsky ebbe anche la saggezza di non cadere preda di quella propensione all’autodistruzione di alcuni attivisti antiautoritari che negano la loro piena umanità. La saggezza di Chomsky qui è psicologicamente utile ai giovani antiautoritari: “Guarda, non puoi essere efficace come attivista politico se non hai una vita soddisfacente.” Chomsky dice al suo uditorio, “Nessuno di noi è un santo, almeno io non lo sono. Non ho rinunciato alla mia casa, non ho rinunciato alla mia auto, non vivo in una topaia, non lavoro 24 ore al giorno per il benessere dell’umanità, o niente del genere. In realtà non ci vado nemmeno vicino.” Un ‘New Yorker profile’ riguardante Chomsky cita un suo amico: “Gli piace stare fuori in estate, gli piace nuotare nel lago, andare in barca e mangiare cibo spazzatura”.
 
Chomsky è il modello di attivista che non nega né si autoflagella per ipocrisie finanziarie che sono impossibili da evitare in una società che richiede denaro per sopravvivere. Quando fu assunto dal Massachusetts Institute of Technology, Chomsky fu schietto riguardo al fatto che anche se il Dipartimento della Difesa del governo degli Stati Uniti non finanziava lui direttamente, poiché il DoD finanziava altri dipartimenti del MIT, quei finanziamenti permettevano al MIT di pagarlo. “Per quanto riguarda il discorso morale,” Chomsky osservò, “non è che ci sia del denaro pulito da qualche parte. Se sei in una università, stai prendendo soldi sporchi – stai prendendo soldi che provengono da gente che sta lavorando da qualche parte, a cui il denaro viene sottratto”.
 
Molti antiautoritari hanno tanta rabbia. Questa rabbia deriva da ingiustizie sociali e dal fatto che il loro dissenso venga ignorato; da assalti autoritari contro di loro; dall’assistere alla marginalizzazione dei loro amici antiautoritari; e dal risentimento per essere costretti ad una vigilanza costante. La maniera in cui gli antiautoritari gestiscono la loro rabbia è decisiva perché trionfino o finiscano tragicamente. Mentre si può vedere la rabbia affiorare nel suo sarcasmo caustico, perlopiù Chomsky non si è autosabotato con la sua stessa rabbia. Tutti gli antiautoritari sono addolorati dalle autorità illeggittime, tuttavia Chomsky non ha peggiorato il dolore con reazioni autodistruttive e violente che forniscono agli autoritari giustificazioni per opprimere.

Con la sua saggezza e con la sua fortuna, Chomsky è più che sopravvissuto per diventare uno degli anarchici più influenti nella storia degli Stati Uniti, un’ispirazione per milioni di antiautoritari, specialmente quelli giovani. È stato un modello prendendo sul serio pensiero critico e verità – non qualifiche convenzionali e riconoscimenti ufficiali. Le verità asserite da Noam Chomsky sono state sfide potenti alla società autoritaria, ma forse anche più potente, soprattutto per gli antiautoritari più giovani, è il suo rappresentare un essere umano integro. 





Courtesy of Comedonchisciotte
Source: https://www.counterpunch.org/2018/11/23/noam-chomsky-turns-90-how-a-u-s-anarchist-has-more-than-survived/
Publication date of original article: 23/11/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24798

 

Tags: USANoam ChomskyAnarchismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.