TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/11/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / Non manipolate la Madre Terra
Manifesto contro la geoingegneria
Date of publication at Tlaxcala: 09/11/2018
Original: ¡No manipulen la Madre Tierra!
Manifiesto contra la geoingeniería

Translations available: English  Français 

Non manipolate la Madre Terra
Manifesto contro la geoingegneria

Various Authors - Autores varios - Auteurs divers- AAVV-d.a.

Translated by  Alba Canelli

 

110 organizzazioni e movimenti popolari chiedono lo stop immediato della geoingegneria climatica.

In un Manifesto reso pubblico oggi, il 4 ottobre, 23 organizzazioni internazionali, 6 premi Nobel alternativi e 87 organizzazioni nazionali di cinque continenti chiedono di fermare la sperimentazione e di prendere in conto gli effetti politici della geoingegneria del clima. Tra i firmatari vi sono movimenti di popolazioni indigene e movimenti contadini, oltre a reti di organizzazioni ambientali e di giustizia climatica, tra le altre.

Il Manifesto è stato pubblicato nella stessa settimana in cui il Gruppo intergovernativo di esperti sull'evoluzione del clima (GIEC) ha discusso nel suo incontro in Corea del Sud un nuovo rapporto su come limitare il riscaldamento globale a non più di 1,5 gradi Celsius. Molti anticipano che il rapporto del GIEC promuoverà l'uso delle tecnologie di geoingegneria, altamente controverso e non comprovato.

La geoingegneria del clima si riferisce a una serie di soluzioni tecniche su larga scala, per lo più teoriche, che potrebbero avere impatti devastanti sull'ambiente, sugli ecosistemi e sulle comunità in molte parti del mondo. I suoi sostenitori affermano che potrebbero alleviare i sintomi del cambiamento climatico, ad esempio cercando di abbassare le temperature globali, bloccando parte dei raggi solari, riflettendo la luce solare nello spazio, o catturando l'anidride carbonica dall'atmosfera per immagazzinarla indefinitamente sottoterra o negli oceani.

Il concetto è stato ampiamente promosso da un piccolo numero di governi, imprese e scienziati dei paesi più potenti e più inquinanti del clima, che negli ultimi anni hanno aumentato la ricerca sulla geoingegneria e il lobbismo come risposta ai cambiamenti climatici. Più recentemente, gruppi di scienziati hanno annunciato l'intenzione di condurre esperimenti all'aperto, per testare l'l'applicazione delle tecnologie di geoingegneria.
 
I firmatari del manifesto mettono in discussione i vantaggi della geoingegneria e desiderano evidenziare l'alto rischio rappresentato da queste tecnologie, incluso il fatto che il loro impiego potrebbe peggiorare l'impatto dei cambiamenti climatici. I firmatari chiedono:
  • Proibire esperimenti in campo aperto e lo sviluppo della geoingegneria
  • Fermare gli esperimenti in campo aperto proposti, incluso il progetto SCoPEx in Arizona, che mira a iniettare particelle di solfato e altri materiali nell'atmosfera per testare la loro efficacia nel riflettere la luce solare; il progetto Ice911 in Alaska, che mira a diffondere milioni di microbolle di vetro sul ghiaccio nell'Artico per riflettere la luce del sole e rallentare lo scioglimento dei ghiacci; il progetto Marine Clouds Whitening, che è previsto in California, nella baia di Monterrey, che vuole iniettare acqua salata nelle nuvole per renderle più bianche e riflettenti; i progetti dell'azienda Oceaneos per la fertilizzazione oceanica in Cile e Perù. I tre esperimenti americani sono pianificati su territori ancestrali e tradizionali aborigeni.
  • Arresto di tutti i progetti di cattura e stoccaggio di carbonio su larga scala e la cattura diretta dell'aria perché servono a perpetuare le industrie di estrazione di combustibili fossili. Interrompere tutti i progetti di bioenergia con la cattura e lo stoccaggio del carbonio (BECCS, il suo acronimo in inglese) perché oltre a essere tecnicamente inattuabile, avrebbe gravi conseguenze sull'uso del suolo, sulla sovranità alimentare, sull'ambiente e sulla biodiversità.
  • Sostenere la diversità delle alternative di organizzazioni e movimenti popolari per affrontare i cambiamenti climatici, soluzioni già provate e meno rischiose, ma che non vengono prese in considerazione nelle relazioni e nelle negoziazioni sui cambiamenti climatici.
Il movimento internazionale contro la geoingegneria è stato consolidato nel 2010, quando più di 35.000 persone, provenienti da movimenti popolari per la giustizia climatica, si sono incontrate alla Conferenza mondiale sui cambiamenti climatici e i diritti della Madre Terra a Cochabamba, in Bolivia, dichiarando lì la loro opposizione alla geoingegneria. Iniziò la campagna "No manipulen la Madre Tierra". Nel settembre 2018, nell'ambito della settimana "Solidarity for Solutions", dedicata alle proposte delle organizzazioni di base sui cambiamenti climatici, una vasta alleanza di organizzazioni, tra cui la Rete Ambientale Indigena e l'Alleanza per la Giustizia Climatica, si è impegnata a rilanciare la campagna "Non manipolare la Madre Terra" con rinnovata energia. Lo hanno ritenuto indispensabile alla luce della crescente presenza della geoingegneria del clima nelle trattative e nei campi accademici, nonché di fronte alle proposte per condurre esperimenti in campo aperto di tecnologie di geoingegneria.
 
E' iniziato un nuovo movimento per fermare la geoingegneria e in solidarietà con le comunità e le organizzazioni che resistono a tali  esperimenti.

► Scarica il manifesto Inglese, SpagnoloFrancese





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://es.geoengineeringmonitor.org/2018/10/alto-inmediato-a-la-geoingenieria-exigen-110-organizaciones-y-movimientos-populares/
Publication date of original article: 04/10/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24580

 

Tags: GeoingegneriaAmbienteCambiamento climaticoSovranitàBiodiversità
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.