TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 23/10/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Non esiste un "terrorismo" palestinese
Date of publication at Tlaxcala: 09/10/2018
Original: Il n’y a pas de « terrorisme » palestinien

Non esiste un "terrorismo" palestinese

Daniel Vanhove

Translated by  Alba Canelli

 

Quando parlano della Palestina, gli attivisti che la sostengono devono liberarsi dal discorso corrente che li porta all'autocensura ed essere coerenti. Soprattutto quando si tratta della parola "terrorismo". Tutti oggi conoscono l'importanza delle parole. Ed è quindi appropriato utilizzarle con precisione: non esiste un "terrorismo" palestinese, e non ce n'è mai stato uno!

Durante una manifestazione contro gli insediamenti israeliani, a Nabi Saleh, vicino a Ramallah, il 4 settembre. Foto Mohamad Torokman.

C'è una popolazione che si difende da nemici esterni che vengono per attaccare, rubare e, se possibile, eliminarla.
 
Quando un popolo viene invaso, occupato e colonizzato da forze esterne, sono queste forze esterne che agiscono come "terroriste". E coloro che subiscono questa aggressione usano i mezzi che sono alla loro portata per difendersi.
 
Quindi non c'è, da parte loro, nessuna intenzione o comportamento "terroristico". Solo l'assoluta determinazione a non sottomettersi alla violenza dell'occupante e a difendere la propria terra, la propria famiglia, la propria vita, con una resistenza radicale che può assumere vari aspetti.
 
In ogni situazione di aggressione nei confronti di un popolo, viene riconosciuto il diritto del popolo di difendersi "con tutti i mezzi necessari". Mi riferisco qui ai testi ufficiali di diritto internazionale:
La risoluzione 2621 XXV del 12.10.1970 delle Nazioni Unite afferma " il diritto intrinseco dei popoli coloniali a combattere con tutti i mezzi necessari contro le potenze coloniali che reprimono il loro desiderio di libertà e indipendenza. "
Questa legittimazione del diritto alla resistenza è rafforzata dall'articolo 1 § 4 del Primo Protocollo addizionale di Ginevra dell'8.06.1977 secondo cui, tra i conflitti armati internazionali, ci sono quelli "in cui i popoli combattono contro il dominio coloniale e l'occupazione straniera e contro i regimi razzisti nell'esercizio del diritto dei popoli all'autodeterminazione, ... "
 
Perché, allora, sarebbe diverso per i palestinesi ?!
 
C'è solo una propaganda mediatica viziosa e ben orchestrata che ha bollato e stigmatizzato i palestinesi come "terroristi". Quando erano e sono ancora, solo resistenti contro una macchina da guerra temibile e sofisticata, anche nei termini della sua comunicazione, come possiamo vedere da questo esempio.
 
A suo tempo, i tedeschi qualificavano come "terroristi" anche i combattenti della resistenza. E così è con tutti gli stati che affrontano la resistenza alle loro imprese belligeranti e coloniali. I francesi descrissero gli algerini allo stesso modo; gli americani hanno fatto lo stesso con i vietnamiti; e oggi l'Iran, che l'alleanza USA-Arabia Saudita-Israele vorrebbe spezzare, è accusato negli stessi termini. Questo non è solo inesatto, ma totalmente infondato.
 
Di fatto, e non dobbiamo avere paura delle parole: i palestinesi si sono confrontati con il "terrorismo di stato" sin dal proclamato governo israeliano del 1948 - poiché sempre secondo i testi ufficiali, lo Stato di Israele potrebbe esistere solo nella misura in cui uno stato di Palestina esistesse al suo fianco - ha deciso di invadere l'intero territorio palestinese con la forza e la barbarie militare contro le popolazioni disarmate.
 
Questa nozione è cruciale perché rovescia i paradigmi: non sono più le persone native che sono "terroristi", qualunque sia il mezzo con cui difendono se stesse, ma coloro che le attaccano. Quindi, non sono gli algerini a essere "terroristi", ma lo stato francese; e non sono i vietnamiti a essere "terroristi" ma gli Stati Uniti, e così via ...
 
Oggi ciò riguarda decine di paesi: sono circa 86 paesi! - che partecipano in qualsiasi modo all'aggressione contro la Repubblica araba siriana riconosciuta come tale dalle Nazioni Unite, sono stati "terroristi" ... che fanno di ciascuno dei loro cittadini - cioè, noi - complici di questo "terrorismo" di stato, anche senza volerlo!
 
Ogni cittadino può comprendere la serietà di una parola mal utilizzata. E le conseguenze che ne derivano.
 
Dobbiamo quindi avere il coraggio di affrontare i fatti: se, come cittadini, non agiamo o denunciamo le avventure di guerra esterne dei nostri Stati, diventiamo complici di paesi che praticano il "terrorismo".
 
D'altra parte, i cittadini dei paesi che resistono in un modo o nell'altro, a un'aggressione esterna che è loro diretta, sono resistenti.
 
Se domani un potere esterno ci minacciasse e ci aggredisse, ci difenderemmo con tutti i mezzi disponibili, e questo non ci renderebbe "terroristi" ma resistenti.
 
Non c'è ragione per cui ciò sia diverso per i palestinesi. Sono davvero resistenti e i "terroristi" sono in questo caso, lo stato fittizio di Israele e i nostri che lo sostengono, perché con le loro scelte politiche i nostri governi rientrano nella categoria di "terroristi" nella misura in cui essi collaborano con un governo che sta conducendo una guerra coloniale e praticando l'apartheid denunciato dalle più alte autorità internazionali.
 
E i nostri Stati, complici di questa situazione, ci trascinano ciascuno sulla propria scia se non li denunciamo.
 
Quando lo stato israeliano fittizio rivendica alla fine della giornata, "il diritto di difendersi dagli attacchi terroristici palestinesi" è un abuso del linguaggio. È passato - come sempre - per l'assalito mentre è l'aggressore. E non possiamo trasmettere questa comunicazione ingannevole a rischio di complicità con l'occupante. Questione di coerenza.
 
Ad oggi, il rapporto è schiacciante: i nostri paesi occidentali si stanno coalizzando in avventure belliche esterne, rendendoci così dei "terroristi" passivi. Noi non resistiamo a nessuno stato che ci attacca, ma d'altra parte, i nostri eserciti partecipano alla loro aggressione attraverso più che incerte coalizioni imposteci - sotto pena di sanzioni (!) - dallo stato più "terroristico" che ci sia, tanto che moltiplica le guerre nel mondo: gli Stati Uniti d'America. 
 
 
Impariamo quindi ad essere cauti nell'uso delle parole, realizziamo il loro scopo e non inoltriamo automaticamente le formule ingannevoli dell'élite politico-mediatica. 

Denunciamoli! 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.mondialisation.ca/il-ny-a-pas-de-terrorisme-palestinien/5628064
Publication date of original article: 27/09/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24260

 

Tags: Occupazione sionistaColonialismoTerrorismo di statoPalestina/IsraeleGazaNakbaDiritti
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.