TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 21/05/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Chi diavolo siamo?
A proposito della legge che definisce Israele uno 'Stato-nazione del popolo ebraico'
Date of publication at Tlaxcala: 28/09/2018
Original: Who the hell are we?
On Israel's Jewish nation-state law

Translations available: Français  Deutsch 

Chi diavolo siamo?
A proposito della legge che definisce Israele uno 'Stato-nazione del popolo ebraico'

Uri Avnery أوري أفنيري אורי אבנרי (1923-2018)

Translated by  Alba Canelli

 

Questo testo, pubblicato il 4 agosto, è l'ultima delle cronache settimanali pubblicate per 20 anni da Uri Avnery, prima nel quotidiano Maariv e poi nel sito di Gush Shalom, il Blocco di Pace israeliano che aveva fondato. Uri Avnery è morto a Tel Aviv lunedì 20 agosto all'età di 94 anni. Pubblichiamo dopo l'articolo la dichiarazione rilasciata da Gush Shalom lo stesso giorno. - Tlaxcala

Anni fa, ho avuto una discussione amichevole con Ariel Sharon.

Gli dissi: "Sono prima di tutto un israeliano e poi un ebreo".

Punto sul vivo, rispose: "Io sono prima ebreo e solo dopo israeliano !"

Questo può sembrare un dibattito astratto. Ma, in effetti, è la domanda che sta al centro di tutti i nostri problemi. Questa è la radice della crisi che sta facendo a pezzi Israele.
La causa immediata di questa crisi è la legge che è stata frettolosamente adottata la settimana scorsa dalla maggioranza di destra nella Knesset. Si intitola "Legge fondamentale: Israele, stato-nazione del popolo ebraico".
 

Tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri - Avi Katz

È una legge costituzionale. Alla sua fondazione durante la guerra del 1948, Israele non ha adottato una costituzione. C'era un problema con la comunità religiosa ortodossa, che rendeva impossibile il consenso. Invece, David Ben Gurion lesse una "Dichiarazione di Indipendenza", che proclamava "la fondazione dello stato ebraico, ... che si sarebbe chiamato lo Stato di Israele".

La dichiarazione non è diventata legge. La Corte Suprema ha adottato i suoi principi senza base legale. La nuova legge è una legge vincolante.

Cosa c'è di nuovo in questa legge, che a prima vista sembra essere una copia della Dichiarazione? Due elementi importanti sono stati omessi: la Dichiarazione parlava di uno stato "ebraico e democratico" e prometteva la piena uguaglianza tra tutti i suoi cittadini, indipendentemente da credenze, etnia o genere.

Tutto ciò è scomparso. Nessuna democrazia. Nessuna uguaglianza. Uno stato ebraico, per gli ebrei, dagli ebrei.

I primi a ribellarsi sono stati i drusi.

I drusi sono una piccola minoranza, molto unita. Mandano i loro figli a servire nell'esercito o nella polizia israeliana e si considerano "fratelli di sangue". All'improvviso vengono privati ​​di tutti i loro diritti civili e del loro senso di appartenenza.

Sono arabi o no? Musulmani o no? Dipende da chi ne sta parlando, dove e perché. Minacciano di protestare, di lasciare l'esercito e, in generale, di ribellarsi. Benjamin Netanyahu ha cercato di corromperli, ma sono persone orgogliose.

Ma i drusi non sono il cuore del problema. La nuova legge ignora completamente gli 1,8 milioni di arabi che sono cittadini israeliani, compresi beduini e cristiani (non pensiamo mai alle centinaia di migliaia di cristiani europei, soprattutto russi, immigrati con le loro mogli ebree e altri genitori).

La magnifica lingua araba, che fino ad oggi era una delle due lingue ufficiali, è stata relegata a un semplice "status speciale", qualunque cosa ciò possa significare.

(Tutto questo vale per Israele, non per i cinque milioni di arabi nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza, che non hanno diritti).

Netanyahu sta difendendo questa legge come un leone contro le crescenti critiche dall'interno. Ha dichiarato pubblicamente che tutti gli ebrei che criticano la legge sono di sinistra e traditori (pleonasmo), "che hanno dimenticato cosa vuol dire essere ebrei".
E questo è il vero problema.

Anni fa, i miei amici e io abbiamo chiesto alla Corte Suprema di cambiare la parola "nazionalità" sulle nostre carte d'identità da "Ebraica" a "Israeliana". La corte ha rifiutato, dicendo che non esiste una nazione israeliana. I testi ufficiali riconoscono quasi un centinaio di nazioni, ma nessuna nazione israeliana.

Questa curiosa situazione iniziò con la nascita del sionismo alla fine dell'Ottocento. Era un movimento ebraico, progettato per risolvere la questione ebraica. I coloni della Palestina erano ebrei. L'intero progetto era strettamente legato alla tradizione ebraica.
Ma da adulti, i coloni di seconda generazione si sentivano a disagio di essere solo ebrei, come gli ebrei di Brooklyn o di Cracovia. Sentivano che erano qualcosa di nuovo, diverso, speciale.

I più estremi erano un piccolo gruppo di giovani poeti e artisti, che nel 1941 fondarono un'organizzazione chiamata i Cananei, che ci proclamarono una nuova nazione, una nazione ebraica. Spinti dal loro entusiasmo verso posizioni estreme, hanno affermato che non avevamo nulla a che fare con gli ebrei dall'estero, e che non c'era alcuna nazione araba - gli arabi erano solo ebrei che avevano adottato l'Islam.
Poi arrivò la notizia dell'olocausto, i Cananei furono dimenticati e tutti divennero super-ebrei, pieni di rimorso.

Ma non proprio. Senza una decisione consapevole, il linguaggio popolare della mia generazione ha adottato una chiara distinzione: la diaspora ebraica e l'agricoltura ebraica, la storia ebraica e i battaglioni ebraici, la religione ebraica e la lingua ebraica.
 
Sotto il mandato britannico, ho partecipato a dozzine di dimostrazioni, dove ho cantato: "Immigrazione libera! Stato ebraico!  Non ricordo una singola manifestazione in cui qualcuno non abbia gridato 'Stato ebraico!'"

Quindi perché la Dichiarazione di Indipendenza parla di uno "stato ebraico"? È semplice: si riferiva alla risoluzione delle Nazioni Unite che decretava la spartizione della Palestina in uno stato arabo e uno stato ebraico. I fondatori hanno semplicemente affermato che stiamo istituendo questo stato ebraico.
Vladimir Jabotinsky, il leggendario antenato del Likud, ha scritto un inno che dichiara "Un ebreo è figlio di un principe".

In realtà, questo è un processo naturale. Una nazione è un'entità territoriale. È condizionato dal suo paesaggio, dal suo clima, dalla sua storia, dai suoi vicini.
Quando gli inglesi si stabilirono in America, dopo qualche tempo sentirono di essere diversi dagli inglesi che avevano lasciato nella loro isola. Sono diventati americani. I condannati britannici inviati in Estremo Oriente divennero australiani. In due guerre mondiali, gli australiani si sono precipitati in soccorso della Gran Bretagna, ma non sono britannici. Sono una nuova nazione orgogliosa. Così sono canadesi, neozelandesi e argentini. E anche noi.
 
O meglio, lo sarebbe stato, se l'ideologia ufficiale lo avesse permesso. Cosa è successo?
Innanzitutto, l'enorme ondata di immigrazione dai paesi arabi e dall'Europa orientale nei primi anni '50 - per ogni ebreo c'erano due, tre, quattro nuovi immigrati che si consideravano ebrei.
E poi sentì il bisogno di denaro e supporto politico da parte degli ebrei dall'estero, specialmente dagli Stati Uniti. Questi, mentre si considerano americani a tutti gli effetti (prova a dire che non lo sono, maledetto antisemita!), Sono orgogliosi che ci sia uno stato ebraico da qualche parte.

E poi c'era (e c'è!) una rigorosa politica governativa di giudaizzazione di tutto. L'attuale governo ha raggiunto nuove vette. Attive - anche frenetiche - le azioni del governo cercano di giudicare l'educazione, la cultura, persino gli sport. Gli ebrei ortodossi, una piccola minoranza in Israele, esercitano un'influenza enorme. I loro voti nella Knesset sono essenziali per il governo Netanyahu.
 
Quando fu fondato lo stato di Israele, il termine "ebraico" fu sostituito dal termine "israeliano". L'ebraico ora è solo una lingua.

C'è allora una nazione israeliana? Sì, certo. Esiste una nazione ebraica? Certo che no.
Gli ebrei sono membri di un popolo etno-religioso sparsi in tutto il mondo, appartenenti a molte nazioni, con un forte senso di affinità con Israele. In questo paese, apparteniamo alla nazione israeliana, i cui membri ebrei fanno parte del popolo ebraico.

È fondamentale che lo riconosciamo. Decide la nostra prospettiva. Abbastanza letteralmente. Stiamo guardando verso centri ebraici come New York, Londra, Parigi e Berlino, o stiamo guardando verso i nostri vicini, Damasco, Beirut e Il Cairo? Siamo parte di una regione abitata da arabi? Ci rendiamo conto che fare la pace con questi arabi, e specialmente con i palestinesi, è il compito principale di questa generazione?
 
Non siamo inquilini temporanei in questo paese, pronti in qualsiasi momento per andare a raggiungere i nostri fratelli e sorelle ebrei in tutto il mondo. Apparteniamo a questo paese e vivremo qui per molte generazioni a venire, e quindi dobbiamo diventare vicini pacifici in questa regione, che ho chiamato, 75 anni fa, "la regione semita".
 
La nuova legge sulla nazione, per la sua natura chiaramente fascista, ci mostra l'urgenza di questo dibattito. Dobbiamo decidere chi siamo, cosa vogliamo, qual è il nostro posto. Altrimenti saremo condannati a uno stato permanente di impermanenza.
 

Uri Avnery - 1923-2018. I suoi avversari alla fine seguiranno le sue orme

Gush Shalom piange la morte del suo fondatore, Uri Avnery. Fino alla fine, è rimasto fedele all'approccio che aveva seguito per tutta la vita. Un sabato, due settimane fa, è crollato a casa sua mentre stava per partire per Piazza Rabin per partecipare a una protesta contro la legge Israele,  Stato-nazione del popolo ebraico, alcune ore dopo aver scritto un articolo virulento contro questa legge.

Avnery si è dedicato interamente alla lotta per la pace tra lo Stato di Israele e il popolo palestinese, libero in uno stato indipendente, così come tra Israele e il mondo arabo-musulmano. Non è arrivato alla fine della strada, non è vissuto per vedere la pace. Noi - i membri di Gush Shalom e molte altre persone direttamente e indirettamente influenzate da lui - continueremo la sua missione e onoreremo la sua memoria.

Il giorno della morte di Uri Avnery, il governo più a destra nella storia di Israele è impegnato in negoziati con Hamas. Paradossalmente, le stesse accuse demagogiche che sono state fatte contro Uri Avnery per tutta la sua vita vengono ora portate contro il ministro della Difesa Avigdor Lieberman.

Nella storia dello Stato di Israele, Uri Avnery sarà inscritto come un visionario lungimirante che ha indicato un modo che gli altri non sono riusciti a vedere. È il destino e il futuro dello Stato di Israele a fare la pace con i suoi vicini e ad integrarsi nella regione geografica e politica in cui si trova. Alla fine, i più grandi avversari di Avnery dovranno seguire le sue orme - perché lo stato di Israele non ha davvero alternativa.
Contatto: Adam Keller, Gush Shalom Spokesperson +972-54-2340749
Fonte: http://zope.gush-shalom.org/home/en/events/1464389870




Courtesy of Tlaxcala
Source: http://zope.gush-shalom.org/home/en/channels/avnery/1533310638
Publication date of original article: 04/08/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=24172

 

Tags: Palestina/IsraeleBenjamin NetanyahuUri AvneryLikudStoriaAriel Sharon
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.