TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/09/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 CULTURE & COMMUNICATION 
CULTURE & COMMUNICATION / "Non sono fatalista"
Naomi Klein parla di Porto Rico, austerità e sinistra
Date of publication at Tlaxcala: 03/09/2018
Original: 'I'm not fatalistic'
Naomi Klein on Puerto Rico, austerity and the left

Translations available: Español 

"Non sono fatalista"
Naomi Klein parla di Porto Rico, austerità e sinistra

Oliver Laughland

Translated by  Alba Canelli

 

Il libro più recente di Naomi Klein, The Battle for Paradise: Puerto Rico and Disaster Capitalism, analizza gli sforzi di recupero dopo l'uragano Maria. È la prima volta che la nota giornalista e scrittrice studia il caso di Porto Rico, sulla base di un viaggio che ha fatto all'inizio dell'anno. Klein ha parlato con il giornalista del Guardian Oliver Laughland del suo libro e del futuro dell'isola.

Naomi Klein a casa sua a Toronto. Foto: Anya Chibis per The  Guardian

 

 

Ero a Porto Rico poco dopo l'uragano Maria ed è stato un lavoro particolarmente forte. Mi ha ricordato quando ho dovuto coprire la crisi idrica a Flint, nel Michigan, e ho osservato un'intera popolazione senza infrastrutture, abbandonata dal governo. Che impatto personale ha avuto nel visitare l'isola?

Quando ero a Puerto Rico, ho incontrato persone provenienti da Detroit, nel Michigan, che erano lì per parlare della gestione delle emergenze e dell'impatto sulle scuole. C'erano anche persone di New Orleans, che hanno condiviso informazioni su ciò che è accaduto nel sistema scolastico dopo l'uragano Katrina. Questo mi sembrava commovente e diverso: che questo tipo di scambi di base, da una comunità all'altra, stavano accadendo così presto dopo il disastro.

Dove ci sono comunità per lo più di colore, qualsiasi crisi economica o disastro naturale diventa un pretesto per disarmare qualsiasi intenzione di autogoverno, democrazia e imporre misure di austerità. I cosiddetti "programmi di aggiustamento strutturale"vengono spesso eseguiti subito dopo un disastro naturale, per approfittare dello stato di emergenza delle persone. La realtà è, che è molto difficile promuovere la partecipazione politica quando le persone devono fare una fila di tre ore per ottenere acqua e cibo. Rimanere in vita diventa un lavoro a tempo pieno. È una tattica politica incredibilmente cinica, eppure le persone riescono a resistergli, anche in queste circostanze estreme.
 
Ciò che mi ha veramente commosso a Porto Rico è stato vedere la capacità organizzativa in circostanze quasi impossibili, e penso che parli della profonda storia dell'isola di resistenza alla colonizzazione e dell'infrastruttura attivista che esisteva prima dell'uragano María, in termini di resistenza a ciò che i portoricani chiamano "La Junta", il consiglio di controllo fiscale.
Non sapevo che il movimento anti-austerità in Porto Rico aveva raggiunto il suo apice solo pochi mesi prima dell'uragano María. Le festività Maya dello scorso anno sono state la seconda manifestazione più massiccia a Porto Rico, la più grande delle quali è stata la protesta contro la base della Marina degli Stati Uniti a Vieques.
 



Un bambino accende una luce su centinaia di scarpe in un memoriale per le vittime dell'uragano Maria. Fotografia: Ramon Espinosa / AP

Sono stati in grado di ricostruire quell'infrastruttura, non solo per resistere, ma per unirsi e dire: "Che cosa vogliamo?" E non l'avevo mai visto prima. Ho visto la resistenza ad un impatto. "Basta, non pagheremo per la vostra crisi", se pensi ai massicci movimenti nelle piazze dell'Europa meridionale.
Ma penso di non aver mai visto quello che ho visto a Puerto Rico, cioè persone che si uniscono in comunità come Mariana, senza acqua, senza elettricità, per sognare insieme e dire: "Ok, ovviamente non vogliamo che le nostre scuole siano chiuse, e non vogliamo che la nostra linea elettrica venga venduta, e non vogliamo più austerità, ma sappiamo anche che, dicendo solo "No", non arriveremo dove vogliamo andare e le cose così inaccettabili. Quindi, come dovrebbe essere il nostro sistema elettrico, in un mondo ideale? Come possiamo trasformare il nostro sistema alimentare? Come dovremmo trasformare il nostro sistema educativo?" Questo è quello che ho trovato più emozionante.

The Battle for Paradise (La battaglia per il paradiso) affronta molte questioni che hai analizzato in precedenti scritti: capitalismo del disastro, battaglie contro neocolonialismo e discriminazione radicata, quindi mi chiedo se è la prima volta che hai pensato a Porto Rico nel contesto di un lavoro più ampio

Quando ho pubblicato The Doctrine of the Shock, ho iniziato a ricevere inviti per visitare Porto Rico e critiche da parte di portoricani per non aver parlato dell'isola nel mio libro. L'anno in cui il libro fu pubblicato, il 2007, fu un anno cruciale per Porto Rico.
Nel 2006, i portoricani sperimentarono uno shock estremo quando le aliquote fiscali che erano state offerte alle società statunitensi per costruire fabbriche in Porto Rico scadevano. Quello fu l'inizio dell'attuale crisi del debito. Quindi stavano già avendo molti problemi, quando arrivò la crisi finanziaria globale, scuotendofacendo barcollare l'economia di Porto Rico. E questo è diventato il pretesto per attuare severe misure di austerità. Peggio che in Grecia, peggio di quello che è successo nell'Europa meridionale.
Però no, non avevo visitato Puerto Rico. Stavo gestendo le cose da fare, e poi ho imparato da un gruppo di accademici dell'Università di Porto Rico, che ha formato un'organizzazione chiamata PARES, che mi ha invitato circa un mese dopo che l'uragano María è passato, dicendo: "Devi venire".

Una delle immagini più memorabili dei giorni dopo l'uragano è quella di Donald Trump in visita a San Juan e il lancio di rotoli di carta su una folla di persone, mentre paralizza i tentativi di recupero sull'isola. È stato un momento che ha fatto infuriare molte persone. Cosa pensi che dica questa immagine sulla risposta dell'attuale governo al disastro?

Penso che l'intera risposta di questo governo abbia espresso una totale indifferenza nei confronti delle vite dei portoricani, compreso il momento in cui il presidente ha gettato rotoli di carta, ma anche lo spettacolo che ha fatto con il governatore Ricardo Rossell, sulla fortuna dei portoricani, perché presumibilmente quasi nessuna persona era morta.
A quel tempo, penso che il numero ufficiale di morti sia stato di 16. Il giorno successivo era 64, il che è significativo, perché Rosselló era completamente complice del governo di Trump nell'occultare il numero ufficiale di morti bloccando attivamente il conteggio dei deceduti.
 
Penso che, più che il momento in cui ha lanciato i rotoli di carta, il momento che meglio lo definisce è stato quando durante quella visita ha detto: "Quanto siete fortunati, questo non è stato come Katrina". E ora sappiamo, grazie a un recente studio di Harvard che è stato pubblicato nel New England Journal of Medicine, che il numero delle vittime ammontava probabilmente a 5.000 o più. Penso che l'intera risposta del governo sia stata offensiva e un insabbiamento.

Certo è difficile parlare in modo controfattuale, ma mi chiedo, vista la lunga storia dello sfruttamento dell'isola, se pensi che un governo democratico abbia agito diversamente.

È una buona domanda, ma non so se posso rispondere. Penso che gli intrighi in molti contratti sembra essere peggiore durante i governi repubblicani. Alcuni di questi contratti sono stati consegnati come se fossero dei salvadanai per gli appaltatori con legami politici anche se non avevano esperienza o erano incredibilmente inetti.
 
Lo abbiamo già visto in Iraq o a New Orleans dopo l'uragano Katrina. Ma è stato Obama a superare la Legge Promessa. È stato Obama a firmare le nomine dei sette membri del Consiglio. È molto, molto chiaro che la principale causa di morte non era l'impatto iniziale della tempesta, ma il collasso delle infrastrutture, e il collasso non sarebbe avvenuto senza più di un decennio di soffocante austerità economica. Non puoi dare la colpa a Trump solo per quello. È una colpa assolutamente condivisa con i democratici e con Obama.

Siamo molto vicini alle elezioni di metà legislatura e centinaia di migliaia di portoricani stanno lasciando l'isola per stabilirsi negli Stati Uniti, la maggior parte sceglie la Florida, uno stato chiave politicamente. Credi che il trattamento di Porto Rico avrà peso in questo ciclo elettorale?

Certamente, lo spero. I repubblicani hanno fatto arrabbiare molte persone in Florida, perché lì vive una grande comunità di haitiani e il governo di Trump ha tolto loro lo status di "immigrati temporaneamente protetti" per decine di migliaia di haitiani. Ciò non riguarda solo quelle persone, che comunque non hanno il diritto di votare perché non sono cittadini statunitensi, ma fanno parte di reti, fanno parte delle comunità e molti haitiani votano.
 
Molti portoricani che vivono in Florida ora stanno ricevendo parenti che, se sono registrati, potranno votare, e penso che siano anche molto arrabbiati. È una situazione molto vantaggiosa per chi vuole spopolare parzialmente l'isola e dare loro opportunità di appropriarsi del terreno per gli sviluppi turistici, ma cambia in modo significativo la popolazione demografica elettorale in uno stato chiave come la Florida che può definire le elezioni. Quindi penso che questo possa portare a importanti ripercussioni politiche.

In questo momento, la dicotomia centrale a Porto Rico è tra un movimento di base che cerca una forma di recupero radicale e innovativa e l'attuale governo, con il suo programma di austerità e privatizzazione. Come ha detto Manuel Puerto Rivera, il segretario commerciale di Porto Rico, le decisioni politiche prese nel corso del prossimo anno determineranno il futuro dell'isola per i prossimi 50 anni. Quale parte della dicotomia pensi che "vincerà"? Hai speranza in quello che potrebbe accadere in futuro?

Spero in una nuova formazione politica a Porto Rico rappresentata da JunteGente, una coalizione nata dopo l'uragano María e che sta generando incontri in tutto l'arcipelago per presentare una piattaforma veramente popolare e coerente.
Credo che il sindaco Carmen Yulín Cruz sia una voce politica importante a Porto Rico, che per molti versi sta raccogliendo queste voci e confrontandosi con le forze che vogliono privatizzare l'isola. Ma è davvero molto difficile.
 
Mercedes Martínez, direttrice della Federazione degli insegnanti di Porto Rico, afferma: "I capitalisti non dormono mai". Dice molto quella frase, perché quando i sindacati o i gruppi progressisti raggiungono qualche vittoria, devono combattere le stesse battaglie ancora e ancora. I sindacati hanno vinto diverse volte e sono riusciti a fermare diversi tentativi di chiudere le stesse scuole, ma la lotta non si ferma mai.
 
Di solito non mi definisco un ottimista, ma non sono neanche una fatalista. Non sono fatalista perché vedo che i movimenti popolari stanno imparando da altri movimenti e stanno cercando di vedere come possono fare le cose meglio, e si evolvono, diventano nuove formazioni politiche e si lasciano coinvolgere nella politica elettorale. A Porto Rico vedo questo a un livello che non ho visto in nessun'altra situazione post-disastro.

Questa trascrizione è stata modificata e sintetizzata per maggiore chiarezza.

 
 
 
 
 
The Battle for Paradise: Puerto Rico takes on the disaster capitalists è stato edito da Haymarket Books (in inglese e spagnolo). Tutti i diritti saranno devoluti a JunteGente, una coalizione di organizzazioni portoricane che resistono al capitalismo del disastro e cercano una sana e giusta ripresa per l'isola. Per ulteriori informazioni, visitare juntegente.org.

 





Courtesy of Voci Dalla Strada
Source: https://www.theguardian.com/world/2018/aug/08/naomi-klein-interview-puerto-rico-the-battle-for-paradise
Publication date of original article: 08/08/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23987

 

Tags: Porto RicoUragano MariaNaomi KleinAbya YalaCapitalismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.