TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Il Senato irlandese adotta una legge che vieta l'importazione di prodotti israeliani dai territori palestinesi occupati nel 1967
Date of publication at Tlaxcala: 25/07/2018
Original: Senado de Irlanda adopta ley que prohibe importación de productos israelíes provenientes de territorios palestinos ocupados en 1967

Il Senato irlandese adotta una legge che vieta l'importazione di prodotti israeliani dai territori palestinesi occupati nel 1967

Nicolas Boeglin

Translated by  Alba Canelli

 

Lo scorso 11 luglio il Senato irlandese ha adottato una legge che vieta la commercializzazione in Irlanda di prodotti israeliani provenienti dai territori palestinesi occupati (vedere la nota del Guardian e il testo completo della legge adottata). 

Per il senatore che propone questa iniziativa, "Il disegno di legge mira a vietare l'importazione e la vendita di beni, servizi e risorse naturali originati da insediamenti illegali nei territori occupati, tali insediamenti sono illegali sia in base al diritto internazionale umanitario che nazionale irlandese, e si traducono in violazioni dei diritti umani sul terreno. Nonostante ciò, l'Irlanda fornisce un sostegno economico continuo attraverso il commercio di merci degli insediamenti" (si veda la dichiarazione data prima della votazione sul testo).

Una reazione israeliana alquanto stridente

Come previsto, la reazione israeliana non si è fatta attendere: il suo Ministro degli Esteri ha dichiarato che:
"Il senato irlandese ha dato il suo sostegno a un'iniziativa populista, pericolosa ed estremista anti-israeliana di boicottaggio che ferisce le possibilità di dialogo tra Israele e i palestinesi" (vedi nota del Jerusalem Post). Allo stesso tempo, l'ambasciata israeliana in Irlanda ha descritto questa legge come "immorale" (vedi nota del Jerusalem Post), mentre Israele ha sottolineato la necessità di chiudere l'ambasciata israeliana in Irlanda (cfr. comunicato stampa Jerusalem Post).

Al di là dei soliti gesti dell'apparato israeliano che non impressionano più, questa legge irlandese potrebbe ora ispirare i legislatori ad altre latitudini, consapevoli del sostegno indiretto all'occupazione illegale israeliana dei territori palestinesi che significa commercializzare determinati prodotti israeliani. Questo potenziale effetto espansivo è forse quello che spiega il senso di inutile vociferazione della reazione israeliana (che in realtà cerca di nascondere la sua profonda paura).

Infatti, come indicato nella sua dichiarazione Amnesty International (AI) (vedi il testo integrale della dichiarazione):
"Gli Stati che promuovono o autorizzano queste attività partecipando, almeno implicitamente, al riconoscimento di una situazione illecita e contribuendo al suo mantenimento, vanno così a riconoscere come lecita e a contribuire ad una situazione illegale (la creazione di colonie per un potere occupante in un territoire occupato) ".

Prodotti israeliani e loro commercializzazione nell'Unione europea (UE)

Va notato che nel novembre 2015 la Commissione dell'Unione europea (UE) ha adottato un regolamento (cfr. testo integrale ) sulla necessità di etichettare i prodotti israeliani provenienti dai territori palestinesi occupati, come parte delle informazioni offerte ai consumatori europei. Si legge nella parte introduttiva che:
"L’applicazione ai prodotti originari dei territori occupati da Israele della vigente legislazione dell’UE in materia di indicazione di origine dei prodotti è stata oggetto di comunicazioni o orientamenti adottati dalle autorità competenti di diversi Stati membri. Consumatori, operatori economici e autorità nazionali chiedono in effetti chiarezza in merito alla legislazione dell’Unione che disciplina le informazioni sull’origine dei prodotti dei territori occupati da Israele (4). L’obiettivo è altresì garantire il rispetto delle posizioni e degli impegni dell’Unione, in conformità al diritto internazionale, sul non riconoscimento da parte dell’Unione della sovranità di Israele sui territori occupati dal giugno del 1967"
A novembre 2016 è stato possibile leggere sul "Journal Officiel" in Francia un testo non molto diffuso sulla stampa francese, questa volta per gli operatori economici gallici, dal titolo "Avis aux opérateurs économiques relatif à l'indicazione de l ' origine des marchandises issues des territoires occupés par Israël depuis juin 1967 " ("Avviso agli operatori economici in merito all'indicazione dell'origine delle merci dai territori occupati da Israele dal giugno 1967"). In questo avviso, si può leggere che:
" (...) in virtù del diritto internazionale le alture del Golan e della Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, non fanno parte di Israele. Di conseguenza, l'etichettatura dei prodotti alimentari, per non indurre in errore il consumatore, deve indicare con precisione l'origine esatta dei prodotti, indipendentemente dal fatto che la loro indicazione sia obbligatoria ai sensi delle norme comunitarie o che sia apposta volontariamente dall'operatore" (vedi testo integrale).
Come si può vedere, l'UE ritiene che il consumatore europeo abbia il diritto di sapere da dove proviene il prodotto "israeliano" che consuma. Tuttavia, è molto probabile che questo regolamento europeo del 2015 non sia ancora pienamente applicato in alcuni stati dell'UE che mantengono legami privilegiati con Israele o i cui settori economici sono, per qualche motivo, riservati a questo tipo di regolamento. A tale riguardo, un equilibrio nel quadro dell'UE dovrebbe identificare quale dei suoi 28 Stati membri continua a non rispettare le disposizioni dell'UE in questo preciso settore.
 
Tuttavia, l'etichettatura è un primo approccio per informare correttamente il consumatore circa l'origine di un prodotto, ma dovrebbe essere completato con un altro adottato dalle autorità statali: il divieto di importare determinati beni e prodotti israeliani.
 
Un articolo pubblicato nel 2016 sui regolamenti europei ha concluso proprio che:
"In tal senso, l'esclusione del trattamento preferenziale e l'obbligo dell'etichettatura sono insufficienti e sarebbe auspicabile vietare l'importazione di prodotti provenienti dagli insediamenti per ottemperare agli obblighi derivanti dal diritto internazionale generale, fondamentalmente l'obbligo di non fornire aiuti o assistenza nel mantenimento del reato e l'obbligo di assicurare il rispetto da parte di Israele del diritto internazionale umanitario" (vedi Manuel Salvador A., "La Unión Europea y los asentamientos israelíes en Palestina" (L'Unione europea e gli insediamenti israeliani in Palestina), Rivista del diritto comunitario europeo, 54 (2016) ), 595-628, pagina 628. Articolo disponibile sulla rete).

Condannare un'occupazione illegale proibisce anche la commercializzazione di prodotti provenienti dalla colonizzazione illegale

Dal punto di vista giuridico, il divieto di commercializzare questi prodotti adottato in Irlanda può anche essere considerato una derivazione logica della risoluzione 2334 del Consiglio di sicurezza (vedi testo) adottata nel dicembre 2016, che condanna inequivocabilmente gli insediamenti illegali di Israele nei territori palestinesi, e il cui voto abbiamo avuto l'opportunità di analizzare (vedi la nostra nota pubblicata in DIPúblico).
 
Questi e altri sforzi fanno parte di una più ampia campagna del movimento BDS che, dalla società civile, cerca di scoraggiare il commercio e gli investimenti con Israele. Come ricorderete, settimane prima dell'inizio della Coppa del Mondo 2018 in Russia, la nazionale argentina ha sospeso una partita di calcio con la nazionale israeliana a Gerusalemme. Qualche giorno prima era la popolare cantante Shakira, originaria della Colombia, a sospendere un concerto in programma in Israele.

In conclusione: l'Irlanda e l'UE, Israele e la loro incondizionata alleanza di fronte al controllo internazionale

Va ricordato che, nel 2014 , il Parlamento irlandese ha avviato una serie prolungata di richieste fatte dai parlamenti europei ai rispettivi poteri esecutivi, chiedendo questa volta il riconoscimento della Palestina come Stato: vedi la nostra analisi in relazione alla richiesta votata a stragrande maggioranza il 18 novembre 2014 dal Congresso di Spagna (pubblicato nel Global Debate e disponibile qui) e dal Congresso di Francia (vedi nota pubblicata su DerechoalDia).
 
Come abbiamo avuto occasione di sottolineare in una nota recente, il ritiro degli Stati Uniti dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite nel giugno 2018 non è estraneo alle estorsioni commesse da Israele a Gaza, e conferma l'alleanza senza precedenti tra l'attuale occupante della Casa Bianca e le più alte autorità di Israele. 

È del tutto possibile che questa situazione, insieme ad altri fattori, porti diversi parlamenti ad adottare, sia in Europa che all'estero, una legislazione molto simile a quella adottata dal Senato irlandese. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://derechointernacionalcr.blogspot.com/2018/07/senado-de-irlanda-adopta-ley-que.html
Publication date of original article: 13/07/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23871

 

Tags: USAUnione EuropeaIrlandaDiritto internazionaleBDSOccupazione sionistaPalestina/IsraeleColonialismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.