We are humans, and not machines, hence our right to vacations. We’ll be back on Sept. 1!

 15/08/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Una legge che dice la verità su Israele
Date of publication at Tlaxcala: 16/07/2018
Original: A law that tells the truth about Israel
Translations available: Español 

Una legge che dice la verità su Israele

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Alba Canelli

 

La legge dello stato-nazione lo rende chiaro. Israele è solo per ebrei, scritto nero su bianco. È più facile per tutti in questo modo.

La Knesset sta per emettere una delle sue leggi più importanti e quella più in linea con la realtà. La legge dello stato-nazione metterà fine al vago nazionalismo di Israele e presenterà il sionismo così com'è. La legge metterà anche fine alla farsa che Israele sia "ebraico e democratico", una combinazione che non è mai esistita e non potrebbe mai esistere a causa della contraddizione intrinseca tra i due valori che non possono essere conciliati, se non con l'inganno.
 
Se lo Stato è ebraico non può essere democratico a causa della mancanza di uguaglianza, se è democratico non può essere ebraico perché una democrazia non concede privilegi basati sull'etnia. Così ora la Knesset ha deciso: Israele è ebraico. Israele sta dichiarando che è lo stato-nazione del popolo ebraico, non uno stato dei suoi cittadini, non è uno stato dei due popoli che vivono al suo interno e quindi ha cessato di essere una democrazia egualitaria, non solo nella pratica, ma anche nella teoria. Ecco perché questa legge è così importante. È una legge sulla verità.
 
Il clamore attorno al disegno di legge è stato pensato principalmente come uno sforzo per continuare la politica dell'ambiguità nazionale. Il presidente e il procuratore generale, apparenti guardiani della decenza, hanno protestato e ricevuto lodi dal campo liberale. Il presidente ha gridato che la legge sarebbe "un'arma nelle mani dei nemici di Israele" e il procuratore generale ha avvertito di "ripercussioni internazionali".

Data la possibilità che il velo di Israele fosse rimosso prima che il mondo lo spingesse ad agire, Reuven Rivlin, va detto,  ha gridato con grande vigore e coraggio contro la clausola che consente ai comitati di accettazione della comunità di schermare i residenti e le loro implicazioni per il regime,  ma la maggior parte dei liberali fu semplicemente inorridita nel leggere la realtà quando fu redatta come legge.

Anche Mordechai Kremnitzer, martedì ad Haaretz, ha gridato invano quando ha detto che il disegno di legge avrebbe "prodotto una rivoluzione, niente di meno". Significherebbe la fine di Israele come stato ebraico e democratico ... "Ha aggiunto che il disegno di legge renderebbe Israele "un leader tra i paesi nazionalisti come la Polonia e l'Ungheria", come se non lo fosse già e da molto tempo. In Polonia e in Ungheria non c'è tirannia su un altro popolo privo di diritti, che è diventato una realtà permanente e una parte inseparabile di come questo stato e il suo regime operano, senza fine in vista.

Tutti quegli anni di ipocrisia erano piacevoli. È stato bello dire che l'apartheid era solo in Sudafrica perché tutto era radicato nelle leggi razziali e non avevamo tali leggi. Per dire che a Hebron non è apartheid, che nella Valle del Giordano non è apartheid e che l'occupazione non fa realmente parte del regime. Per dire che eravamo l'unica democrazia nella regione, anche con l'occupazione.

È stato bello dire che, dal momento che gli arabi israeliani possono votare, fossimo una democrazia egualitaria. Far notare che esiste un partito arabo, sebbene sia escluso da qualsiasi decisione. Far notare che gli arabi possono essere ammessi negli ospedali ebraici, che possono studiare nelle università ebraiche e vivere ovunque scelgano (ci puoi scommettere).

Quanto siamo illuminati; la nostra Corte Suprema ha stabilito nel caso Kaadan che una famiglia araba poteva acquistare una casa a Katzir, dopo anni di contenzioso e di evasione senza fine. Quanto è tollerante, dal momento che gli arabi possono parlare l'arabo, una lingua ufficiale. Quest'ultima è in realtà una finzione, l'arabo non è mai stato accettato come lingua ufficiale, a differenza di quanto accade con lo svedese in Finlandia, dove la minoranza svedese è molto più piccola della minoranza araba.

Era conveniente ignorare che il terreno di proprietà del Fondo nazionale ebraico, che comprende la maggior parte delle terre dello stato, era solo per gli ebrei, con il sostegno della Corte Suprema progressista in quella posizione e per affermare che siamo una democrazia. Era molto più piacevole pensare a noi stessi come egualitari.

Ora ci sarà una legge che dice la verità, Israele è solo per gli ebrei, scritto nei libri. Stato nazione del popolo ebraico, non dei suoi abitanti. Gli arabi sono cittadini di seconda classe e i soggetti palestinesi non esistono. Il loro destino è determinato a Gerusalemme, ma non fanno parte dello stato. È più facile per tutti in questo modo.

C'è ancora un piccolo problema con il resto del mondo e con l'immagine di Israele che questa legge appannerà, in una certa misura. Non è niente di grave. I nuovi amici di Israele saranno orgogliosi di questa legge. Per loro sarà una luce per le nazioni. E le persone di coscienza in tutto il mondo conoscono già la verità e combattono da molto tempo. Un'arma per il movimento BDS? Certamente. Israele se l'è guadagnato e ora lo legifera. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-a-law-that-tells-the-truth-about-israel-1.6267705
Publication date of original article: 12/07/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23783

 

Tags: Palestina/IsraeleSionismoKnessetDemocraziaApartheid
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.