TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/11/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / La cancellazione dell'amichevole Argentina-Israele: cosa non ha funzionato?
Date of publication at Tlaxcala: 05/07/2018
Original: “Amistoso” Argentina-Israel, ¿qué falló?
Translations available: Français 

La cancellazione dell'amichevole Argentina-Israele: cosa non ha funzionato?

Luis Ernesto Sabini Fernández

Translated by  Alba Canelli

 

La sconfitta subita da Israele a seguito della cancellazione della partita amichevole contro l'Argentina ripete, ancora una volta, una lezione che abbiamo imparato tante volte nelle favole e nei racconti infantili: "Chi stringe troppo la corda, poi resta impiccato...

I pianeti sembravano allineati affinché Israele guadagnasse un nuovo trionfo, nella serie di progressi e conquiste, di impunità e disinformazione, processi con cui si è abituato a vincere ultimamente.
Il fascista [1] Benyamin Netanyahu ha creato un gabinetto di allegri assassini confessi di palestinesi, come Naftali Bennet, Ministro dell'Istruzione, che ha tranquillizzato il suo pubblico scherzando su questi omicidi: "Nella mia vita, ho ucciso molti arabi. Questo non è un problema". [2] O la ministra della giustizia Ayelet Shaked, che sostiene la morte per le madri palestinesi, "perché danno alla luce serpenti" ... (ibid).

Solo un mese e mezzo fa, hanno osato uccidere centinaia di palestinesi disarmati e pacifici. Questa è la prima volta che hanno applicano la "dottrina Bennet" senza sotterfugi; fino ad allora, hanno usato come pretesto un adolescente disperato armato di forbici, ad esempio, per uccidere la "terrorista" e, con lei, forse un palestinese nelle vicinanze; più tradizionalmente, hanno sparato, con l'intenzione di uccidere, su lanciatori di pietre, spesso minorenni, qualificati in anticipo come "terroristi" [3].

La brutalizzazione culturale  e le sue conseguenze, il collasso etico di questo stato canaglia sembrano "permettergli" ora di uccidere i palestinesi senza motivo o timore di essere in visti. Israele entra così in terrificanti categorie giuridiche, come quella dell'homo sacer, di Giorgio Agamben, o quella di Untermenschen di Lothrop Stoddard. Stoddard, il suprematista bianco, coniò il termine in inglese "underman" (1922), dato che era un razzista statunitense; ma è stato reso popolare nella sua forma tedesca, tra le altre ragioni, perché è stato adottato dai nazisti. Indica chi è privato di tutti i diritti, incluso quello di vivere, avvicinandosi così al concetto di Agamben di cui sopra. Quindi, ciò che Stoddard ha concepito per gli africani, i nazisti per gli ebrei, gli israeliani l'hanno adottato per i palestinesi ... l'elemento comune è la perdita radicale dei diritti ... degli altri.

Sono lontani dai tempi in cui almeno alcuni sionisti vedevano i contadini arabi palestinesi come etnicamente uniti alla società ebraica prima dell'islam e del cristianesimo; e anche i tempi, più vicini, dove vedevano i palestinesi come intrusi, che avevano usurpato [sic!] a loro spese la terra sacra. Ora viviamo in tempi in cui la terra ebraica, totalmente isolata dalla sua storicità, è stata collocata in un luogo inaccessibile agli umani volgari, come noi. Da questo luogo, il gabinetto Netanyahu, rinforzato da una dose di TRUMPISMO, si concede nuovi abusi e nuove falsificazioni.
 
Così siamo arrivati di recente ​​alla riaffermazione trumpiana di Gerusalemme come capitale totale ed esclusiva dell'ebraismo, in dispregio della convivenza millenaria in questa città enclave delle tre grandi religioni monoteiste, così simili tra loro, per il loro rapporto con la gerarchia e venerazione del potere...
 

Prima: "Argentina non andare"

Dopo: "L'Argentina non va"

In questo processo trionfale e trionfalista dell'asse Stati Uniti - Israele (o più precisamente Israele - USA), Israele conclude, con i soldi, una partita "amichevole" contro l'Argentina alla vigilia della Coppa del Mondo. Israele paga l'alloggio, i viaggi e un sacco di soldi per l'AFA (Associazione argentina di calcio), modificando "appena" l'itinerario e la preparazione della selezione argentina per una visita in Israele. Per undici milioni (che Israele non paga nemmeno, poiché provengono certamente da fondi che gli Stati Uniti forniscono in modo permanente), Israele ha ottenuto uno spettacolo locale con la "pulce universale" (Leo Messi) ... a Tel Aviv o Haifa.

Tutto andava liscio come l'olio. Allora Miri Regev, il ministro dello Sport (e della Cultura), sentendosi padrone della situazione, ha tirato la corda: "Facciamo la partita a Gerusalemme, proprio nel momento in cui gli Stati Uniti inaugurano la loro ambasciata".

Fino ad allora, gli attivisti del boicottaggio di Israele stavano cercando di fare campagna in modo che l'Argentina non accettasse di entrare nel gioco geopolitico israeliano sotto pretesti sportivi.
Gli incontri si sono svolti di fronte all'AFA di Buenos Aires, rifiutando di entrare opportunisticamente nella strategia israeliana o israeliana-yankee per una manciata di dollari, e sono stati pubblicati centinaia di opuscoli che denunciavano il comportamento razzista e subdolo della politica repressiva Israele, che include colpi alle gambe e/o ai piedi dei giocatori della squadra di calcio palestinese; ma nulla ha fermato la manovra diplomatica ...
 

Barcellona, 5 giugno 2018. Foto Enzo Argento

 

 
Quindi, il BDS [4], con sede a Barcellona, ​​ha insanguinato maglie recanti il ​​n. 10, riferendosi a tutte le vittime disarmate e indifese di cui l'esercito israeliano freddamente organizzato ha versato sangue nei giorni specialmente venerdì, di aprile e maggio ...

E un clic si è verificato. Tutto convergeva sul colpo maestro di Regev, con la pietra miliare di un incontro Trump - Netanyahu (al quale Macri, a causa della situazione interna argentina, non poteva unirsi); ma dopo il golpe di Barcellona, ​​i giocatori, con Messi apparentemente in testa, hanno detto no. hanno avuto paura. E hanno coraggiosamente rifiutato di continuare l'operazione.
Milioni sono stati persi. Ma i giocatori hanno acquisito serenità e concentrazione, andando direttamente da Barcellona a Mosca. E in dignità.

Il potere non è abituato ad inciampare. Neanche contro la realtà. Netanyahu è arrivato al punto di chiamare Macri due volte per annullare la cancellazione! Non aveva la minima idea della natura del rifiuto, né del fatto che non tutto è governato dalla disciplina delle caserme - a cui lui, d'altra parte, è certamente abituato.

Una volta che la delegazione argentina era in Russia, sono emerse le critiche contro l'ambizioso Regev. Ma era troppo tardi. Il suo orgoglio l'aveva perso, li aveva persi. Va ricordato, o appreso, che Regev, un altro membro del gabinetto di razzisti e assassini di Netanyahu, durante le violente rivolte contro gli africani a Tel Aviv, ha incitato la folla, definendo un "cancro" delle vittime [5]. ]. Ma poi ha ritrattato quelle parole, scusandosi ... con i malati di cancro.

Può il lettore intravedere il brodo tossico dello sciovinismo, l'insensato orgoglio nazionale (non c'è altro) e il razzismo suprematista che affligge Israele?
È sempre esistito in Israele, ma allo stato larvale. Lo striptease morale implicito nel semplice esercizio del potere sfrenato rende possibile discernerlo in modo molto più chiaro.
 

Cartello in Al Khalil (Hebron):
"ATTENZIONE
Stai per entrare in una terra occupata!
Difendi i diritti umanI
GERUSALEMME È LA CAPITALE DELLA PALESTINA"

 

Nota dell'editore
La pulce: soprannome di Leo Messi per le sue piccole dimensioni (1,40 a 13 anni), a causa di deficit dell'ormone della crescita, corretto dal trattamento finanziato dalla FC Barcelona.

Note dell'autore
[1] Questo non è un insulto. È un riferimento alla sua storica appartenenza politica.
 
[2] Richard Silverstein, " Il governo più razzista ed estremista nella storia di Israele ", 15/5/2015.
 
[3] Va detto che la barbarie sionista, come la barbarie fascista o nazista, ha gradi: quando le pietre divennero il mezzo di protesta dei palestinesi contro l'occupazione del loro paese, perché sempre più persone cominciarono a rendersi conto che i colloqui diplomatici non andavano da nessuna parte e nemmeno gli approcci guerriglieri; l'Intifada del 1987 è emersa come un'esplosione di collera collettiva. I soldati israeliani si sono dedicati a catturare lanciatori di pietre e, con una grande e pesante pietra, a spezzare le braccia, spesso fragili braccia di pre-adolescenti. Una pedagogia probabilmente biblica. Perché il sionismo segue i comandamenti biblici. Mirano a rifare nel ventesimo e ventunesimo secolo ciò che Yahweh avrebbe loro concesso, secondo la testimonianza rabbinica, contro i popoli della zona: trattarli e sterminarli con la spada (come i popoli di Amorean, Canaanite, Hethean, Phérézian, Hebrew, Jebusite ...). Arrivati ​​nel XXI secolo, rompere le ossa non è più sufficiente per loro ...
 
[4] Movimento palestinese di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni contro lo Stato di Israele.
 
[5] Richard Silverstein, op. cit. 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://revistafuturos.noblogs.org/2018/06/amistoso-argentina-israel-que-fallo/
Publication date of original article: 21/06/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23736

 

Tags: Argentina-IsraeleBenjamin NetanyahuPalestina/IsraeleBDSGazaMediaUSA
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.