We are humans, and not machines, hence our right to vacations. We’ll be back on Sept. 1!

 16/08/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 CULTURE & COMMUNICATION 
CULTURE & COMMUNICATION / Perché Antonio Gramsci è il pensatore marxista del nostro tempo
Date of publication at Tlaxcala: 11/06/2018
Original: Why Antonio Gramsci is the Marxist thinker for our times
Translations available: Español 

Perché Antonio Gramsci è il pensatore marxista del nostro tempo

George Eaton

Translated by  Alba Canelli

 

Il concetto di egemonia del defunto filosofo italiano era sorprendentemente lungimirante

Nel processo di Antonio Gramsci del 1928, il pubblico ministero dichiarò: "Dobbiamo impedire a questo cervello di lavorare per 20 anni". Gramsci, ex leader del Partito Comunista Italiano e lucido teorico e giornalista marxista, fu condannato a due decenni di prigione dal governo fascista di Benito Mussolini.

Tuttavia, la reclusione causò la fioritura del pensiero di Gramsci invece del suo declino. Intraprese una colossale ricerca intellettuale il cui obiettivo era quello di offrire un'eredità imperitura. I suoi Quaderni del carcere* comprendevano 33 volumi e 3.000 pagine di storia, filosofia, economia e strategia rivoluzionaria. Sebbene gli fosse stato permesso di scrivere, Gramsci non aveva accesso alle opere marxiste e fu costretto a usare un codice per aggirare i censori della prigione. Nel 1937, dopo che gli fu negata un'adeguata assistenza medica per un lungo periodo (era a corto di denti e non riusciva a digerire il cibo solido), Gramsci morì all'età di 46 anni.

Tutto sommato, ha raggiunto la posterità intellettuale che stava cercando di raggiungere. Sua cognata, Tatiana, riuscì a far uscire di nascosto suoi Quaderni dl carcere e furono pubblicati in Italia dal 1948 al 1951. Dopo che il suo lavoro fu tradotto in francese, tedesco e inglese negli anni '70, Gramsci divenne la principale influenza degli euro-comunisti anti-stalinisti. Gramsci è ora costantemente citato da commentatori che ricordano il suo aforisma più memorabile ("pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà") e la sua descrizione degli anni '30: "La crisi consiste proprio nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere, e in quel lasso di tempo compaiono i sintomi morbosi più diversi".

In un discorso pronunciato nel 2013, il segretario di Stato britannico per l'educazione Michael Gove ha citato Gramsci nel difendere la sua insistenza sui metodi di educazione tradizionali ("L'ideologia che [Gramsci] temeva così tanto nell'Italia interbellica era ciò che abbiamo chiamato - in modo tragicamente inappropriato - 'educazione progressiva' "). Anche il gruppo francese di estrema destra Nouvelle Droite e il suo omologo belga Vlaams Blok hanno rivendicato Gramsci. Cosa spiega questa eredità strana e controversa?

Il concetto caratteristico di Gramsci è quello dell'egemonia, che indica un livello di dominio politico che va oltre il controllo di uno Stato o di un parlamento verso il campo della cultura e delle idee. Gramsci era preoccupato per la domanda sul perché altre rivoluzioni nell'Europa occidentale non avevano seguito la rivoluzione russa del 1917. La risposta per lui era nella persistenza di idee capitaliste tra le istituzioni della società civile (partiti politici, sindacati, chiese, media). "Lo stato era solo un fossato esterno dietro il quale sorgeva un potente sistema di fortezze", scrisse.

Gramsci sosteneva che non era sufficiente che i rivoluzionari facessero semplicemente una "guerra di movimento" (come avevano fatto i bolscevichi nel prendere lo stato russo), dovevano combattere una "guerra di posizione": una lunga lotta sul terreno della società civile con lo scopo di cambiare ciò che lo scrittore chiamava "senso comune" (o "filosofia dei non-filosofi").

Alla fine degli anni '70, la rivista Marxism Today analizzò l'ascesa del thatcherismo attraverso il prisma dell'egemonia. Il suo ex direttore Martin Jacques e il tardo teorico della cultura Stuart Hall** riconobbero che la nuova destra stava intraprendendo un progetto non solo per ottenere forza elettorale ma per ridefinire il "buon senso". Come mi disse Martin Jacques, "la maggior parte dei leader politici non cercano di stabilire un'egemonia. L'esperimento di Thatcher è stato estremamente insolito".

Stuar Hall ha sottolineato l'inarrestabile divulgazione del movimento "della concorrenza e della responsabilità personale per lo sforzo e la ricompensa, l'immagine dell'individuo gravato dalle tasse indebolito dai mimi dello stato sociale". Come notato dalla stessa Thatcher nel 1981: "L'economia è il metodo; l'obiettivo è cambiare l'anima". Sebbene da allora la destra abbia usato il concetto flessibile e duraturo di egemonia, la politica di Gramsci era senza dubbio marxista. La classe operaia sarda ha difeso una rigorosa educazione in latino e grammatica, ma pensando a fini ben diversi da quelli del Gove conservatore.

Commentatori di destra come Melanie Phillips e Peter Hitchens hanno avvertito molto tempo fa che la sinistra è coinvolta in una marcia Gramsciana attraverso istituzioni come la BBC, le università e scuole per provare a realizzare un cambiamento culturale. Ma mentre il Nuovo Laburismo promuoveva cause liberali come i diritti delle persone omosessuali, accettava l'egemonia di Thatcher invece di sfidarla.

Tuttavia, con Jeremy Corbyn i conservatori affrontano la prima prolungata sfida alla loro dominazione culturale. Così come la nuova destra proprio di fronte a loro, la nuova sinistra non aspira semplicemente a sconfiggere gli avversari nelle elezioni, ma a invalidare i suoi ideali più preziosi. Quando Corbyn e i suoi alleati si definiscono "la nuova corrente politica dominante", tentano, in termini Gramsciani, di ridefinire il "senso comune". Come afferma Martin Jacques, "Corbyn è piuttosto insolito in questo contesto. Nelle ultime elezioni lottava sulle alture, tornato a visitare la terra in cui la sinistra ha perso contro il thatcherismo".

Gramsci avrebbe ammirato il gruppo attivista Momentum e il suo festival The World Transformed (che comprendeva sessioni su temi di Gramsciani come educazione permanente e teatro politico e un gruppo di lettura di Stuart Hall). Mentre difende i Quaderni del carcere, Momentum cerca il dominio di tutto lo spettro e si impegna nei campi della società civile e della cultura popolare.

In un'epoca di social media, video virali e istruzione superiore di massa, il concetto di egemonia di Gramsci è incredibilmente lungimirante. In effetti Gramsci sembra sempre più non solo un pensatore marxista per il nostro tempo ma, forse, il pensatore.
 
N.d.T.:
* Edizione spagnola, Antonio Gramsci, Quaderni del carcere, edizione critica del Gramsci Institute di Valentino Gerratana [tradotta da Ana María Palos, recensita da José Luis González], México DF, Era, 1985.
** Stuart Hall (1932 - 2014) è stato un teorico culturale, attivista politico e sociologo marxista di origine giamaicana che visse e lavorò nel Regno Unito dal 1951.




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.newstatesman.com/culture/observations/2018/02/why-antonio-gramsci-marxist-thinker-our-times
Publication date of original article: 05/02/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23547

 

Tags: Antonio GramsciStoriaMarxItaliaCapitalismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.