TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/09/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / I 63* morti di Gaza e la fine della coscienza israeliana
Date of publication at Tlaxcala: 09/06/2018
Original: 60 dead in Gaza and the end of Israeli conscience
Translations available: Español 

I 63* morti di Gaza e la fine della coscienza israeliana

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Daniela Trollio

 

Nella notte del massacro dei palestinesi, Zion ha gioito con l'ambasciata degli Stati Uniti e l'Eurovisione. È difficile pensare a una degenerazione morale più atroce.Quando arriverà il momento in cui la mattanza dei palestinesi sarà un problema per la destra?

Quando arriverà il momento in cui la mattanza di civili commuoverà, almeno, la sinistra e il centro?
Se l’assassinio di 63 persone non è sufficiente, forse lo sarà quello di 600? O di 6.000?
  
Quando arriverà il momento in cui apparirà un briciolo di sentimenti umani, anche solo per un momento, verso i palestinesi? Simpatia? In quale momento qualcuno dirà “basta!” e proverà compassione, senza essere tacciato di eccentricità o di essere un nemico di Israele?
 

Un manifestante palestinese reagisce ai gas lacrimogeni lanciati dalle truppe israeliane durante una protesta al confine della Striscia di Gaza con Israele, a est di Khan Younis, il 15 maggio 2018. Adel Hana / AP

Quando arriverà il momento in cui qualcuno ammetterà che il boia, alla fine, ha qualche responsabilità nella mattanza, e non solo il sacrificato che, naturalmente, è responsabile del suo stesso massacro?
  
A nessuno importa delle 63 persone morte (in un solo giorno, nel totale della Grande Marcia del Ritorno sono stati più di 110 gli assassinati da pallottole vere): e se fossero 600? O 6.000? Israele troverà scuse e giustificazioni anche allora? Si darà la colpa alle persone assassinate e a quelli che li hanno “sviati” anche allora, senza una parola di critica, mea culpa, dolore, pena o pentimento?
  
Lunedì, quando il numero di morti è aumentato in modo allarmante, Gerusalemme celebrava la nuova ambasciata USA e Tel Aviv si felicitava del trionfo in Eurovisione, come se mai più si potesse ripetere un momento come quello.
 Il cervello israeliano è stato lavato in modo irrevocabile, il suo cuore serrato per sempre.
La vita di un palestinese non vale più niente.
 
 Se in un giorno i soldati delle FDI (Forze di Difesa Israeliane, n.d.t.) avessero sparato a 63 cani randagi, in tutto il paese sarebbero scoppiate proteste. I boia dei cani sarebbero stati processati, la nazione di Israele avrebbe offerto preghiere per le vittime, avrebbe avuto luogo un funerale a Yizkor per i cani sacrificati da Israele.
Ma la notte del massacro dei palestinesi, Sion si rallegrò piena di giubilo: abbiamo l’ambasciata e l’Eurovisione.
  
E’ difficile pensare ad una degenerazione morale più atroce. E’ altrettanto difficile immaginare lo scenario inverso: 63 israeliani muoiono in un solo giorno e la moltitudine celebra l’ambasciata a Ramallah e si diverte ad un concerto a El Bireh per sostenere il vincitore della versione araba di “Nasce una stella”, mentre i presentatori e gli intervistati dalla televisione ridono nelle trasmissioni in diretta.
Oh, quegli animali palestinesi! Oh, quei mostri...!
  
La vigilia di quel lunedì nero mi trovavo seduto in uno degli studi televisivi, di fianco ad un uomo di destra, sorridente. Sorridente non è il termine corretto perchè lui rideva a più non posso. Rideva dell’assassinio di massa e trovava ancor più divertente il fatto che qualcuno provasse orrore per quanto successo.
 
Israel Hayom (quotidiano israeliano, n.d.t.)  metteva  la benedizione “Shehejeianu” nei suoi titoli principali su un altro fatto, senza rendersi conto della lugubre ironia. Yedioth Ahronot (altro quotidiano israeliano, n.d.t.) presentava una erudita discussione sul fatto se i leaders di Hamas debbano essere ormai eliminati o no, chi è a favore del loro assassinio e chi è contro.
Immaginate una discussione simile su un quotidiano palestinese: chi è a favore dell’assassinio di Gadi Eizenkot (capo di stato maggiore dell’esercito terrorista del regime israeliano) e chi è contro?
  
La verità è che Israele è ben preparato a massacrare centinaia e migliaia, e per espellere decine di migliaia, di persone. Nessuno lo fermerà. Questa è la fine della sua coscienza, la sceneggiata della moralità è finita. I fatti degli ultimi giorni lo hanno dimostrato oltre ogni dubbio.
Le strade sono tracciate, l’infrastruttura per l’orrore è stata forgiata.
Decine di anni di lavaggio del cervello, di demonizzazione e di disumanizzazione hanno dato i loro frutti. L’alleanza tra i politici e i media per cancellare la realtà e negarla ha funzionato.
Israele è preparato a commettere orrori. Nessuno si intrometterà più. Né dentro né fuori.
  
Oltre alla abituale ciarlataneria, il mondo dell’era Trump non muoverà un dito anche se Gaza si trasformasse - dio non voglia - in un Ruanda. Anche in questo caso i nostri osservatori ed analisti ripeteranno che le FDI hanno raggiunto i loro obiettivi, che le FDI hanno dimostrato la loro moderazione, che si tratta dell’esercito più morale del mondo e “cosa fareste voi al loro posto?”.
 
Il capo di stato maggiore sarebbe incoronato uomo dell’anno; lui. il buono, il moderato e l’opposizione metterebbe su twitter i suoi applausi. Nella piazza del paese si celebrerebbe la vittoria del cantante di “sinistra”, a nessuno verrebbe in mente di cancellare la festa o, per lo meno, di dedicare un minuto ai morti.
  
Qui siamo. Quel momento è arrivato. Il Ruanda è già a Gaza e Israele è in festa. Due milioni di persone sono state imprigionate e a nessuno importa nulla del loro destino. Ongi tanto appaiono delle immagini:  bambini e genitori senza corrente e senz’acqua,  persone handicappate assassinate a fucilate e amputati senza gambe; tutti figli di rifugiati del disastro del 1948 che abbiamo fatto cadere sulle loro teste.
  
Che cos’ha a che vedere con noi? E’ colpa di Hamas. Sessantatre persone morte in un solo giorno e neanche una briciola di tristezza in Israele. A partire da adesso, non ci sarà più niente.
* Conteggio delle vittime aggiornato dalla traduttrice rispetto all'articolo originale.




Courtesy of CIP Tagarelli
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-60-dead-in-gaza-and-the-end-of-israeli-conscience-1.6095178
Publication date of original article: 17/05/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23523

 

Tags: Occupazione sionistaPalestina/IsraeleUSAGazaResistenza palestinese
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.