TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 25/06/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / I padroni stanno monitorando i computer, le pause bagno, persino le emozioni. Il tuo padrone ti sta sorvegliando?
Date of publication at Tlaxcala: 20/05/2018
Original: Employers are monitoring computers, toilet breaks – even emotions. Is your boss watching you?
Translations available: Español 

I padroni stanno monitorando i computer, le pause bagno, persino le emozioni. Il tuo padrone ti sta sorvegliando?

Emine Saner

Translated by  Alba Canelli

 

Da impianti con microchip a braccialetti con tracker e sensori che rilevano fatica e depressione, le nuove tecnologie consentono ai datori di lavoro di monitorare i propri lavoratori sempre più intensamente.

"Poiché questa sorveglianza può essere fatta retrospettivamente per licenziare le persone, è usata per far sentire loro che potrebbero perdere il lavoro in qualsiasi momento", dice un sociologo che ha lavorato come teleoperatore.

L'anno scorso una compagnia statunitense ha impiantato microchip a dozzine di lavoratori. In quella "festa del chip" che fece notizia in tutto il mondo, i dipendenti si misero in coda per farsi posizionare tra il pollice e l'indice un dispositivo delle dimensioni di un chicco di riso sotto la pelle.
Quando Todd Westby, amministratore delegato di Three Square Market, ha avuto l'idea, pensava che solo cinque o sei persone si sarebbero offerte come volontarie: lui, due o tre direttori e alcuni impiegati del dipartimento di informatica. Ma delle novanta persone che lavorano nella sede di Three Square Market, ora 72 hanno il chip (Westby ne ha uno per mano). Li usano per aprire porte di sicurezza, connettersi ai computer ed effettuare pagamenti presso i distributori automatici dell'azienda.

"Westby può immaginare questo concetto che si estende a molte altre società? Non necessariamente", dice. O non ancora, almeno".
L'amministratore delegato ritiene che, in parte, sia dovuto a una differenza generazionale. "Forse non vorresti mai avere un chip, ma se sei millenario, non c'è problema, per loro è bello".

I microchip hanno altri usi. Three Square Market (che vende distributori automatici e chioschi) ha iniziato due mesi fa ad impiantarli su persone con demenza a Puerto Rico. Se qualcuno si perde e la polizia lo trova, può scansionare il microchip "e avere accesso a tutta la loro storia medica, alle medicine che possono e non possono prendere, alla sua identità". Finora, l'azienda ha messo un microchip a cento persone, ma ha in programma di farlo con diecimila.

L'azienda ha appena lanciato un'applicazione per telefoni cellulari che corrisponde al chip con il GPS del telefono e tiene traccia della posizione della persona. La scorsa settimana hanno iniziato a usarlo con le persone in libertà vigilata, invece delle cavigliere elettroniche che Westby descrive come "intimidatorie e degradanti".
"Immagina che un giorno l'azienda potrebbe utilizzare il GPS per monitorare i propri dipendenti con l'impianto? "No. Non c'è motivo di farlo", risponde Westby.

Non tutte le aziende sono d'accordo. I tecnologi stanno escogitando forme sempre più strane e invadenti di controllo del personale. La scorsa settimana il Times ha riferito che alcune aziende cinesi stanno usando elmetti e cappelli con sensori per scansionare le onde cerebrali dei loro lavoratori e rilevare stanchezza, stress e persino emozioni come la rabbia. L'articolo parlava anche di una compagnia elettrica che decise il numero e la durata delle pause dei lavoratori in base alle loro onde cerebrali. La tecnologia viene utilizzata sui macchinisti ad alta velocità per "rilevare il burnout e la perdita di attenzione".
Sebbene possano esistere applicazioni di sicurezza legittime (un progetto simile è stato realizzato con i braccialetti per rilevare la fatica dei lavoratori Crossrail), è facile immaginare come questo tipo di tecnologia si infiltra in altre aree.

Numero di tasti premuto al minuto

A febbraio è stato reso noto che Amazon aveva brevettato un braccialetto che non solo localizza la posizione dei lavoratori all'interno del magazzino durante la raccolta degli oggetti, ma può anche leggere i movimenti delle loro mani, ronzare o emettere un impulso per avvisarli quando stanno sbagliando scatola.
Nel registro dei brevetti, Amazon lo descrive come un dispositivo in grado di "monitorare le prestazioni del posizionamento di articoli di magazzino nella posizione di stoccaggio identificata dall'operatore del sistema di inventario".


Ci sono aziende tecnologiche che vendono prodotti che eseguono schermate del lavoro dei dipendenti a intervalli regolari, controllano le sequenze di tasti e l'utilizzo del Web e persino le fotografano sui loro tavoli con la webcam del computer. Lavorare da casa non è una protezione contro quella sorveglianza perché può essere fatta da remoto. Il software può monitorare l'utilizzo dei social network, analizzare la lingua o installarsi sui telefoni dei dipendenti per monitorare applicazioni crittografate come WhatsApp. I dipendenti possono portare dispositivi che non solo tracciano la loro posizione, ma seguono anche il loro tono di voce, la frequenza con cui parlano alle riunioni, con chi e per quanto tempo.

I dipendenti sono stati monitorati al lavoro da sempre e utilizzano la tecnologia. Ma come dice André Spicer, professore di comportamento nelle organizzazioni della Cass Business School, se prima era il caposquadra della fabbrica con un cronometro, o la macchina in cui si firmava fisicamente per entrare e uscire, ora "tutto quel materiale fisico è diventata tecnologia digitale". "Rileva cose che prima non potevano essere rilevate, come il numero di tasti che i dipendenti premono, quello che vedono sullo schermo mentre lavorano, il tipo di linguaggio che usano e ora la sorveglianza ti segue fuori dal luogo di lavoro".

È legale? Secondo Philip Landau, un partner in diritto del lavoro presso Landau Law Solicitors, i datori di lavoro nel Regno Unito hanno il diritto di controllare i siti Web visitati dai dipendenti mentre lavorano. "Tuttavia, il dispositivo sotto controllo deve essere parzialmente o interamente fornito dal datore di lavoro, i datori di lavoro devono anche notificare in anticipo se controllano l'attività su Internet e devono informare il lavoratore sulla politica delle reti sociali dell'azienda".
È anche legale controllare le sequenze di tasti, anche se di nuovo devi dire ai dipendenti che saranno guardati. "Nelle aziende con questo sistema, è normale che i datori di lavoro parlino con i dipendenti quando ritengono che il loro numero di battute sia basso", afferma Landau. "Va notato che un numero elevato di pulsazioni non significa necessariamente alti livelli di produttività e viceversa."
 
In teoria, le aziende potrebbero anche utilizzare la webcam del computer per vedere quando il lavoratore è alla sua scrivania, ma "dovrebbe esserci una giustificazione per tale monitoraggio e dovrebbero informare (il dipendente) in anticipo. Dovrebbero anche sapere come saranno usate le foto e come verranno archiviate".
Per quanto riguarda il tracciamento GPS, "un'azienda può rintracciare qualsiasi veicolo che fornisce al proprio personale, ma i dati raccolti devono essere utilizzati solo a fini di gestione aziendale." Non è consentito attivare alcun dispositivo GPS se il dipendente sta utilizzando il veicolo per motivi personali al di fuori del lavoro".
"Era impossibile raggiungere gli obiettivi senza correre"

James Bloodworth ha lavorato a marzo 2016 per un mese come "raccoglitore" di Amazon (la persona che localizza i prodotti ordinati) come parte della preparazione del suo libro Hired: Six Months Undercover in Low-Wage Britain (Assunto: sei mesi sotto copertura nella Gran Bretagna a basso salario).
"Avevamo un dispositivo portatile che controllava continuamente la produttività", dice. In uno dei magazzini giganti di Amazon, il dispositivo serviva per orientare i lavoratori sugli scaffali con gli articoli di cui avevano bisogno. "Ogni volta che ne raccoglevi uno, si attivava un conto alla rovescia (per arrivare al prossimo articolo) che misurava la tua produttività". Secondo Bloodworth, i supervisori hanno informato i dipendenti della loro produttività. Lui fu avvertito che era inferiore del 10%.
 
"Hanno anche inviato avvisi tramite il dispositivo dicendo che dovevi aumentare la tua produttività, sei costantemente monitorato e classificato, ho scoperto che era impossibile raggiungere obiettivi di produttività senza correre, ma ti dicevano anche che non ti era permesso di correre, e che se lo facevi, avresti ricevuto una sanzione disciplinare, ma anche se ritardavi nella produttività, ricevevi una sanzione disciplinare".
 
"Non sembra che ti trattano come un essere umano", dice.
Entrando e uscendo, i lavoratori dovevano passare attraverso scanner di sicurezza come quelli negli aeroporti. Anche per raggiungere le aree di sosta. Andare in bagno, dice Bloodworth, era considerato "tempo morto". Una volta ha trovato una bottiglia di urina in uno degli scaffali del negozio.
 
Amazon afferma che i suoi dispositivi di scansione "sono comuni in tutto il settore del magazzino e della logistica, oltre che nei supermercati, nei grandi magazzini e in altre attività". "Sono progettati per aiutare la nostra gente nello svolgimento delle proprie mansioni". Garantiscono inoltre che "tutti i suoi membri hanno facile accesso ai bagni, che sono molto vicini al loro posto di lavoro". L'azienda aggiunge: "I membri possono utilizzare il bagno quando ne hanno bisogno, noi non controlliamo le pause per andare in bagno".
Bloodworth riferisce che alcuni dei suoi colleghi erano arrabbiati per il livello di sorveglianza, "ma il cinismo e la rassegnazione erano predominanti." "La maggior parte delle persone che ho incontrato non c'erano da molto tempo al lavoro o ne cercavano un altro e il personale è costantemente cambiato".

Bloodworth ha visto il futuro? I nostri capi ci terranno d'occhio tutti nei prossimi anni? "Forse", dice. "Una delle cose che è emersa in risposta al libro è che la gente dice che il lavoro sarà comunque automatizzato, o che i lavoratori devono essere più flessibili, come se la strada del futuro fosse così ed era inevitabile, qualcosa che trovo abbastanza pericoloso. Amazon può farla franca grazie a decisioni politiche e poiché il movimento sindacale è molto debole, penso che altre aziende osserveranno Amazon, vedranno che sono riusciti con quel modello di business e cercheranno di replicarlo".

"Schermi televisivi che mostrano il rendimento"

Per scrivere il suo libro Working the Phones (Lavorando ai telefoni), il sociologo di Oxford Internet Institute specializzato nella sociologia del lavoro, Jamie Woodcock ha trascorso sei mesi come addetto al telemarketing. Ti rendi conto della sorveglianza "dal momento in cui entri," dice. 
"Ci sono schermi televisivi che mostrano le prestazioni relative di ciascun lavoratore, i direttori raccolgono dati su quasi tutto ciò che fai, ogni chiamata che ho fatto è stata registrata e memorizzata digitalmente. In termini di controllo, è come recuperare tutte le parti che qualcuno ha fatto in una catena di montaggio e giudicarle retrospettivamente per la loro qualità. Tutti noi commettiamo errori e abbiamo tutti brutti giorni, ma, poiché questo tipo di sorveglianza può essere fatta retrospettivamente per per licenziare le persone, viene usata per far sentire loro che potrebbero perdere il lavoro in qualsiasi momento".
La supervisione è incorporata in molti dei posti di lavori che costituiscono la cosiddetta " economia dei piccoli incarichi" (gig economy). Non è facile opporsi alla costante vigilanza quando sei disperato e devi lavorare. Ciò che ha sorpreso Spicer è il modo in cui le persone in posti di lavoro meglio retribuiti hanno accettato di farlo. "In precedenza, i prigionieri erano obbligati a indossare braccialetti di rilevamento, ma ora mettiamo volentieri a disposizione dei nostri datori di lavoro tracker o altri tipi di dispositivi di localizzazione, e in alcuni casi paghiamo il privilegio". "Aziende come IBM, BP, Bank of America, Target e Barclays hanno offerto ai loro dipendenti braccialetti di monitoraggio dell'attività Fitbit

È parte, dice Spicer, di "tutta questa idea di voler migliorare o ottimizzare te stesso". "Molte tecnologie sono state progettate non solo per fornire al capo i dati sulle prestazioni, ma anche per darle a te. Suppongo che la tecnologia sia vista anche come qualcosa di cool o di moda, quindi non c'è da stupirsi che sia accettata così facilmente".

Spicer ha scoperto che si è passati da "monitorare qualcosa come e-mail a monitorare i corpi delle persone, cioè l'aumento della bio-vigilanza o il monitoraggio dei tuoi segni vitali, le emozioni e gli stati d'animo". Sulla strategia di Three Square Market di installare un chip per i suoi dipendenti, afferma: "Puoi immaginare che si stia lentamente estendendo. Potresti immaginare cose come i datori di lavoro che chiedono di avere il tuo DNA in futuro e altri tipi di dati".

La sorveglianza può avere applicazioni vantaggiose. È necessario (e legalmente richiesta) nel settore finanziario per evitare l'uso di informazioni privilegiate. Potrebbe essere usata per prevenire molestie e intimidazioni e per sradicare pregiudizi e discriminazioni. In un interessante studio del 2017, le e-mail e la produttività sono state monitorate applicando sensori per tenere traccia del comportamento e dell'interazione con il management. La scoperta è stata che uomini e donne si sono comportati quasi identicamente al lavoro. I risultati hanno sfidato la convinzione che la ragione per cui le donne non vengono promosse ai livelli senior è che sono meno proattive o hanno meno interazioni con i leader e hanno semplicemente bisogno di "essere ferme".

Inoltre, dice Woodcock, "dobbiamo iniziare un dibattito sull'opportunità o meno che il lavoro sia un luogo in cui sei guardato". Questa necessità è forse più urgente per lavori mal pagati e insicuri. "Se lavori nella 'gig economy', hai uno smartphone", sottolinea Woodcock, e con quello smartphone puoi essere rintracciato. "Poiché molti di questi luoghi di lavoro non hanno forme tradizionali di organizzazione o sindacati, la direzione è in grado di introdurre queste misure con una resistenza collettiva relativamente piccola".
 
L'Unione dei lavoratori indipendenti della Gran Bretagna è molto consapevole di tutto ciò che riguarda il monitoraggio e la raccolta dei dati. James Farrar è l'autista di Uber che l'anno scorso ha vinto una battaglia legale contro la compagnia per i diritti dei conducenti (presiede anche la sua delegazione della United Private Hire Drivers Association).

"Raccolgono una grande quantità di informazioni", dice. "Una delle cose di cui ti informano su base giornaliera è quanto sei bravo in accelerazione e frenata, ti danno un appunto, la domanda è: perché stai raccogliendo queste informazioni?"  Uber monitora anche i "movimenti insoliti" del telefono quando qualcuno sta guidando (per sapere se usa il suo telefono mentre è al volante) e, naturalmente, tiene traccia delle auto e dei conducenti tramite GPS.

"Ciò che mi preoccupa è che questa informazione stia alimentando l'algoritmo che decide l'assegnazione dei driver", dice "Dovremmo avere accesso ai dati e capire come vengono utilizzati. Se un qualche tipo di punteggio di qualità sulla mia abilità di guida (entra in un algoritmo), mi può essere offerto un lavoro meno prezioso, lontano dai clienti più preziosi, chi lo sa?"

Non è una paura irrazionale. La società di distribuzione di pasti pronti Deliveroo sta già facendo qualcosa di simile. Supervisionando le prestazioni dei suoi ciclisti, automobilisti e conducenti, ha iniziato a offrire "accesso prioritario" nella prenotazione dei turni a coloro che "offrono il servizio più coerente e di massima qualità".
Uber dice che il suo tracciamento è solo per ottenere "una guida più fluida e più sicura ... I dati vengono utilizzati per informare i conducenti sulle loro abitudini di guida e non sono usati per influenzare le richieste di viaggio future".

Non tutta la sorveglianza è cattiva, dice Farrar. In alcuni casi, ti piacerebbe che ce ne fosse di più. Quando un passeggero lo ha aggredito, ha chiesto che i sistemi di videosorveglianza fossero installati su tutti i veicoli, in parte per la sicurezza dei conducenti. "La tecnologia di sorveglianza svolge un ruolo importante", afferma.

Ironia della sorte, quando Farrar ha incontrato Uber per parlare dell'assalto, l'azienda gli ha fatto spegnere il suo telefono per assicurarsi che non stesse registrando. 





Courtesy of The guardian
Source: https://www.theguardian.com/world/2018/may/14/is-your-boss-secretly-or-not-so-secretly-watching-you
Publication date of original article: 14/05/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23423

 

Tags: RfidMicrochipSorveglianza di massaLavoroCapitalismoAmazonMultinazionaliSindacati
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.