TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 25/09/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Come il Mossad esegue assassini mirati in tutto il mondo
Date of publication at Tlaxcala: 14/05/2018
Original: How Mossad carries out assassinations
Translations available: Français  Español 

Come il Mossad esegue assassini mirati in tutto il mondo

Ali Younes علي يونس

Translated by  Alba Canelli

 

Una sparatoria mortale in Malaysia evidenzia la politica dell'agenzia israeliana di spionaggio rivolta agli assassini di  funzionari palestinesi.

L'assassinio dello scienziato palestinese di 35 anni Fadi Al-Batsh nella capitale della Malaysia, Kuala Lumpur, ha rivelato un programma segreto di assassini mirati di palestinesi, considerati una minaccia da Israele.

Al-Batsh ha studiato ingegneria elettrica a Gaza prima di conseguire un dottorato sullo stesso argomento in Malaysia. Si è specializzato in economia dei sistemi elettrici ed energetici e ha pubblicato numerosi articoli scientifici sull'argomento.
 

 Lo scienziato palestinese Fadi Albatsh, assassinato in Malaysia dal Mossad - Photo : via Twitter

Hamas ha detto che Al-Batsh era un membro di spicco del gruppo e ha accusato il Mossad, l'agenzia israeliana di intelligence, di essere dietro l'assassinio.

Secondo Hamas, Al-Batsh era un membro "leale" e "uno scienziato membro dei giovani ricercatori della Palestina" che ha fatto "contributi significativi" e partecipato a forum internazionali nel campo dell'energia.

Il padre di Al-Batsh disse ad Al Jazeera che sospettava che il Mossad fosse dietro l'assassinio di suo figlio, e chiese alle autorità malesi di chiarire questa trama omicida il prima possibile.

Secondo il giornalista investigativo israeliano Ronen Bergman, uno dei principali esperti di intelligence israeliani e autore del libro Rise and Kill First: The Secret History of Israel's Targeted Assassinations, l'assassinio di Al-Batsh porta tutti i segni di un'operazione del Mossad.

"Il fatto che gli assassini abbiano usato una motocicletta per uccidere il loro bersaglio, usato in molte altre operazioni del Mossad, e che l'operazione sia stata eseguita in modo pulito e professionale, lontano da Israele, indica il coinvolgimento del Mossad", ha detto Bergman ad Al Jazeera in una telefonata.

Identificazione del bersaglio

Identificare un bersaglio per l'assassinio da parte dell'intelligence israeliana di solito comporta diversi passaggi istituzionali e organizzativi all'interno del Mossad, dell'apparato di intelligence israeliano e della leadership politica.

A volte l'obiettivo è identificato da altri servizi nazionali e militari.

Ad esempio, Al-Batsh avrebbe potuto essere identificato come bersaglio attraverso una raccolta di informazioni generali tramite unità all'interno delle organizzazioni militari e spionistiche israeliane che seguono Hamas.

Al-Batsh avrebbe potuto essere identificato anche attraverso altre operazioni di intelligence israeliane e le loro reti di spionaggio in tutto il mondo.

Fonti hanno riferito ad Al Jazeera che le comunicazioni di Hamas tra Gaza, Istanbul (Turchia) e Beirut (Libano) sono strettamente monitorate dalle reti di intelligence israeliane. Quindi, la selezione iniziale di Al-Batsh potrebbe essere stata fatta attraverso questi canali.

Gli amici di Al-Batsh che hanno parlato con Al Jazeera, a condizione di mantenere l'anonimato, hanno affermato che non aveva nascosto i suoi legami con Hamas. "Era conosciuto nella comunità palestinese per i suoi legami con Hamas", ha detto un amico.

Il processo dell'assassinio

Dopo che Al-Batsh fu identificato come bersaglio, il Mossad avrebbe quindi valutato le risorse dell'intelligence per decidere se doveva essere ucciso, quali sarebbero stati i benefici del suo assassinio e il modo migliore per eseguirlo.

Una volta che il file sul bersaglio è completato dall'unità specializzata del Mossad, riporta i risultati ai capi del comitato dei servizi segreti, composto dai capi delle organizzazioni israeliane di intelligence, e conosciuto con l'acronimo ebraico VARASH o Vaadan Rashei Ha-sherutim.

Il VARASH discuterà dell'operazione e contribuirà con consigli e suggerimenti. Tuttavia, non ha l'autorità legale per approvare un'operazione. Solo il primo ministro israeliano ha questo potere.

Secondo Bergman, i primi ministri israeliani preferiscono generalmente non prendere la decisione da soli per motivi politici.
 
"In generale, il Primo Ministro coinvolge uno o due altri ministri nell'approvazione della decisione, che spesso include il ministro della Difesa", ha dichiatato Bergman.

Una volta ottenuta l'approvazione, l'operazione ritorna al Mossad per la pianificazione e l'esecuzione, che potrebbero richiedere settimane, mesi e persino anni, a seconda dell'obiettivo.

L'unità Caesarea

Caesarea è una succursale operativa sotto copertura del Mossad che si occupa dell'impiantazione e della gestione delle spie principalmente nei paesi arabi e in tutto il mondo.

L'unità è stata creata nei primi anni '70, uno dei suoi fondatori era una famosa spia israeliana di nome Mike Harari.

Cesarea usa il suo vasto anello di spionaggio negli Stati arabi e in tutto il Medio Oriente per raccogliere informazioni e condurre una sorveglianza contro obiettivi attuali e futuri.

Harari ha quindi creato la sua unità più letale, conosciuta in ebraico come Kidon ("baionetta"), composta da assassini professionisti specializzati in operazioni di assassinio e sabotaggio.

I membri di Kidon vengono spesso recuperati dalle sezioni militari israeliane incluso l'esercito e le forze speciali.

È probabile che i membri di Kidon abbiano assassinato Al-Batsh a Kuala Lumpur, hanno riferito fonti a Al Jazeera.

Il Mossad non ha preso di mira solo i leader e gli operativi palestinesi, ma anche quelli siriani, libanesi, iraniani ed europei.

Uccisioni mirate

Caesarea è l'equivalente del CIA Special Activities Center (SAC), che si chiamava Special Activities Division prima della sua riorganizzazione e modifica del nome nel 2016.

La CIA conduce le sue missioni paramilitari top secret - che includono uccisioni mirate - attraverso il suo SOP (Special Operations Group), che fa parte del SAC e presenta alcune somiglianze con il Kidon israeliano.

Bergman scrive che fino al 2000, l'anno che ha dato il via alla seconda intifada nei territori palestinesi occupati, Israele aveva condotto più di 500 operazioni di assassinio che hanno provocato la morte di oltre 1.000 persone, tra cui passanti.

Durante la seconda intifada, Israele ha effettuato 1.000 operazioni aggiuntive di cui 168 hanno avuto successo, scrive nel suo libro.

Da allora, Israele ha effettuato almeno altre 800 operazioni per assassinare i leader civili e militari di Hamas nella Striscia di Gaza e all'estero.

Cooperazione araba con il Mossad

Il Mossad mantiene legami organizzativi e storici formali con alcuni servizi di intelligence arabi, in particolare le agenzie di spionaggio giordana e marocchina.

Più recentemente e alla luce delle alleanze mutevoli nella regione e delle crescenti minacce da parte di attori armati non statali, il Mossad ha ampliato i suoi legami con le agenzie di intelligence arabe per includere alcuni stati del Golfo e l'Egitto. Il Mossad mantiene un centro regionale per le operazioni in Medio Oriente nella capitale giordana Amman.

Quando il Mossad tentò di assassinare il leader di Hamas Khaled Meshaal ad Amman nel 1997 spruzzando una micidiale dose di veleno nel suo orecchio, il defunto re Hussein minacciò di revocare il trattato di pace con Israele, e chiudere la stazione dell'agenzia di spionaggio ad Amman e rompere i legami israelo-giordano, spingendo così Israele a fornire l'antidoto che salvò la vita di Meshaal.

Nel suo libro, Bergman cita le fonti del Mossad che dicono che il generale Samih Batikhi, a capo dello spionaggio giordano a quel tempo, fosse arrabbiato con il Mossad per non averlo informato del complotto perché avrebbe voluto partecipare alla pianificazione dell'operazione.

Un altro paese arabo che ha forti legami con il Mossad sin dagli anni '60, è il Marocco, secondo la ricerca di Bergman.
 
"Il Marocco ha ricevuto preziose informazioni e assistenza tecnica da Israele, e in cambio [il defunto re] Hassan ha permesso agli ebrei del Marocco di emigrare in Israele e ha autorizzato il Mossad a stabilire una stazione nella capitale Rabat, dalla quale può spiare i paesi arabi", scrive Bergman.

La cooperazione raggiunse un tale picco che il Marocco permise al Mossad di installare microfoni nelle sale riunioni e nelle stanze private dei capi di stato arabi e dei loro comandanti militari durante il summit della Lega araba tenutosi a Rabat nel 1965.

Il vertice era stato convocato per stabilire un comando militare arabo congiunto.

I metodi della CIA e del Mossad

A differenza del Mossad e di altre organizzazioni di intelligence israeliane che hanno un ampio margine per decidere chi uccidere, la CIA segue un laborioso processo legale a più livelli che coinvolge l'Ufficio legale della CIA (Office of General Counsel OGC), il Dipartimento di Giustizia e l'Ufficio legale della Casa Bianca.

L'esecuzione di un'operazione di assassinio mirata da parte della CIA si basa in ultima istanza sull'autorizzazione presidenziale attraverso un documento legale spesso redatto dall'ufficio legale della CIA e dal dipartimento di giustizia, il Presidential Finding Authorization (PFA).

Questo documento conferisce il potere legale grazie al quale la CIA può eseguire missioni di assassinio mirate.

Un processo di revisione a vari livelli, condotto principalmente da giuristi del Dipartimento di Giustizia, della Casa Bianca e della CIA, avrà luogo prima che il Presidente firmi il PFA.

Si stima che Barack Obama, in quanto presidente degli USA, abbia autorizzato circa 353 uccisioni mirate, principalmente sotto forma di attacchi di droni.

Il suo predecessore George W. Bush ha autorizzato circa 48 omicidi mirati.

Il processo giuridico

Un ex funzionario della CIA ha dichiarato ad Al Jazeera a condizione di mantenere l'anonimato che "la CIA non decide chi uccidere".

"Il processo giuridico rende molto difficile per la CIA uccidere qualcuno solo perché la CIA lo considera malevolo", ha detto.
 
La maggior parte delle uccisioni mirate della CIA comportano attacchi con droni e si basano sul permesso del presidente.

Parlando con Al Jazeera, l'ex capo delle operazioni Robert Baer ha dichiarato: "La Casa Bianca deve firmare per un'operazione di assassinio mirata, soprattutto se si tratta di un obiettivo di alto valore".

"Il caso è diverso, tuttavia, se l'operazione è condotta su un campo di battaglia o durante una guerra come in Afghanistan e in Iraq, in questo caso, gli ufficiali sul campo hanno un margine legale maggiore per eseguire i loro omicidi. mirati".

Nel Mossad, la legalità dell'assassinio di qualsiasi obiettivo è molto più liberale e non implica vincoli legali simili a quelli seguiti dalla CIA, secondo fonti vicine al processo.

"Fa parte della loro politica nazionale", ha detto Baer, ​​riferendosi alla politica di assassini mirati.

 

Omaggio a Fadi al-Batsh a Gaza





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.aljazeera.com/news/2018/04/mossad-carries-assassinations-180422152144736.html
Publication date of original article: 22/04/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23379

 

Tags: MossadCIAPalestina/IsraeleAssassini miratiFadi al-BatshSionismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.