TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 21/05/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / I Gandhi di Gaza:
Gaza sanguina in solitudine mentre "liberali" e "progressisti" tacciono
Date of publication at Tlaxcala: 08/05/2018
Original: Gazan Gandhis: Gaza bleeds alone as ‘liberals’ and ‘progressives’ go mute
Translations available: Español  Français 

I Gandhi di Gaza:
Gaza sanguina in solitudine mentre "liberali" e "progressisti" tacciono

Ramzy Baroud رمزي بارود

Translated by  Alba Canelli

 

Venerdì scorso [27 aprile], altri tre palestinesi sono stati uccisi e 661 sono rimasti feriti quando decine di migliaia di abitanti di Gaza hanno insistito nelle loro proteste, quasi sempre nonviolente, al confine tra Gaza e Israele.

Palestinesi con i loro volti dipinti come personaggi del film "Avatar" posano per una foto al confine tra Israele e Gaza [Said Khatib / AFP]

Anche se il conto delle vittime continua ad aumentare - 45 morti e oltre 5.500 feriti - il silenzio assordante che li circonda non è esattamente attenuato. Significativamente molti di coloro che hanno sempre rimproverato ai palestinesi di usare la resistenza armata contro l'occupazione israeliana non appaiono ora, mentre bambini, giornalisti, donne e uomini sono presi di mira dalle centinaia di cecchini israeliani che puntano il confine di Gaza.

I funzionari israeliani sono irremovibili. Personaggi come il Ministro della Difesa, Avigdor Lieberman, percepiscono la loro guerra contro i dimostranti disarmati come una guerra contro i terroristi. Credono che "a Gaza non ci sono innocenti". Sebbene la mentalità israeliana non sia minimamente sorprendente, è incoraggiata dalla mancanza di un'azione significativa o di assoluto silenzio internazionale per le atrocità che si verificano al confine.

Il Tribunale Penale Internazionale (TPI), a parte le sue frequenti dichiarazioni mescolate con un ambiguo gergo legale, ha finora dimostrato una clamorosa inutilità. Il suo procuratore principale, Fatou Bensouda, ha ridicolizzato le uccisioni di Israele in una recente dichiarazione, distorcendo anche i fatti, nel tentativo di "linguaggio imparziale" per la gioia dei media israeliani.
"La violenza contro i civili - in una situazione come quella che regna a Gaza - potrebbe essere un crimine secondo lo Statuto di Roma del Tribunale Penale Internazionale ... così come l'uso della presenza di civili per proteggere le attività militari", ha detto.

Incoraggiato dalle dichiarazioni di Bensouda, Israele sta sfruttando l'opportunità di distogliere l'attenzione dai suoi stessi crimini. Il 25 aprile un gruppo di giuristi israeliani, Shurat Hadin, ha cercato di incriminare tre leader di Hamas prima che la Corte Penale Internazionale accusasse Hamas di usare i bambini come scudi umani nelle proteste di confine.

È tragico che ci siano ancora molte persone che non sono in grado di capire che il popolo palestinese è capace di mobilitare, resistere e prendere decisioni indipendentemente dalle fazioni palestinesi.

Infatti, durante il conflitto tra Hamas e Fatah, che è durato quasi un decennio, l'assedio israeliano, di diverse guerre di distruzione, gli abitanti di Gaza sono stati marginalizzati, spesso considerati come vittime indifese di guerre e faziosità, prive di qualsiasi capacità umana e volontà di agire.
Shurat Hadin, come Bensouda, sta alimentando quel discorso disumanizzante.

Insistendo sul fatto che i palestinesi non sono in grado di agire al di fuori dei confini delle fazioni politiche, pochissimi sperimentano un senso di responsabilità politica o morale di venire in aiuto ai palestinesi.

Questo ricorda la lezione non richiesta dell'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ai palestinesi durante il suo discorso dal Cairo al mondo musulmano nel 2009.
"I palestinesi devono abbandonare la violenza", disse. "La resistenza attraverso la violenza e l'omicidio è un errore e non si ottiene nulla con essi".
Ha poi offerto la sua versione, discutibile della storia di come tutte le nazioni, inclusi "i neri negli Stati Uniti" le nazioni del Sud Africa, Asia sud-orientale, Europa orientale e Indonesia hanno combattuto e conquistato la libertà solo con mezzi pacifici.

Questo approccio avvilente - confrontando i supposti fallimenti palestinesi con i successi degli altri - cerca sempre di sottolineare che i palestinesi sono esseri differenti, inferiori, incapaci di essere come il resto dell'umanità. È interessante notare che questo è ciò che costituisce il fulcro della narrativa sionista sui palestinesi.

Quella stessa idea viene spesso presentata nella domanda: "Dov'è il Gandhi palestinese?" La domanda, spesso posta da presunti liberali e progressisti, non è affatto una domanda, ma una valutazione e una valutazione ingiusta.

Affrontando quella domanda poco dopo l'ultima guerra israeliana a Gaza nel 2014, Jeff Stein ha scritto su Newsweek : "La risposta è stata spazzata via dal fumo e dai detriti di Gaza, dove sembra che l'idea di una protesta nonviolenta sia tanto pittoresca quanto Peter, Paul e Mary. I palestinesi che hanno predicato la nonviolenza e condotto marce pacifiche, boicottaggi, sit-in di massa e azioni simili sono per lo più morti, in prigione, emarginati o in esilio".
Tuttavia, sorprendentemente, stanno resuscitando, nonostante tutte le previsioni, la rabbia insondabile e il dolore persistente.
 
Decine di migliaia di manifestanti, sventolando bandiere palestinesi continuano a tenere manifestazioni di massa sul confine di Gaza. Nonostante l'alto numero di vittime e le migliaia di mutilati, ritornano ogni giorno con lo stesso impegno per la resistenza popolare, un impegno basato sull'unità collettiva, al di là del frazionismo e della politica.

Allora, perché sono ancora per lo più ignorati?
Perché Obama non sta twittando in solidarietà con gli abitanti di Gaza? Perché Hillary Clinton non prende posizione per affrontare l'inarrestabile violenza israeliana?

Perché è politicamente conveniente criticare i palestinesi su base regolare e totalmente sconveniente dare loro credibilità, anche quando mostrano tanto coraggio, abilità e impegno per un cambiamento pacifico.

Persone come la famosa scrittrice J.K. Rowling, che ha così criticato il movimento pacifico del boicottaggio palestinese, che mira a responsabilizzare Israele per la sua occupazione militare e le violazioni dei diritti umani, è rimasta completamente in silenzio quando i cecchini israeliani hanno ucciso i bambini di Gaza mentre esultavano ogni volta che ne colpivano uno piccolo.

Il cantante Bono degli U2 ha dedicato una canzone al defunto presidente israeliano Shimon Peres, accusato di numerosi crimini di guerra, ma sembra che la sua voce sia rimasta rauca quando un cecchino israeliano ha sparato un ragazzo di Gaza, Mohammed Ibrahim Ayoub, di 15 anni, mentre protestava pacificamente lungo il confine.

Tuttavia, c'è una lezione in tutto questo. Il popolo palestinese non dovrebbe avere aspettative rispetto a coloro che hanno costantemente fallito. Rimproverare ai palestinesi di fallire in questo o nell'altro è già una vecchia abitudine, intesa semplicemente a ritenere i palestinesi siano responsabili della propria sofferenza e ad assolvere Israele da ogni illecito. Nemmeno "l'aumento genocida" di Israele a Gaza cambierà quel paradigma.

Quindi, i palestinesi devono continuare a contare su se stessi; concentrarsi sulla formulazione di una strategia appropriata che serva i tuoi interessi a lungo termine, una sorta di strategia che trascende il frazionismo e offre a tutti i palestinesi una vera e propria road map per l'ambita libertà.

La resistenza popolare a Gaza è solo l'inizio, deve servire come fondamento per un nuovo approccio, una visione che assicuri che il sangue di Mohammed Ibrahim Ayoub non sia stato versato invano. 

Un manifestante palestinese con la maschera di Guy Fawkes, che è diventata un simbolo di tutta le resistenze anti-sistema del mondo, una gomma sulla testa (i manifestanti bruciano le gomme per proteggersi dai cecchini israeliani) con una cipolla (per proteggersi dal gas lacrimogeni) appesa. Foto Hosam Salem / Al Jazeera





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.ramzybaroud.net/gazan-gandhis-gaza-bleeds-alone-as-liberals-and-progressives-go-mute/
Publication date of original article: 02/05/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23342

 

Tags: GazaPalestina/IsraeleOccupazione sionistaAvigdor LiebermanBarak ObamaUSABDSGenocidio
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.