TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 17/07/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Brasile: Il PSOL di Marielle, storia di un partito di sinistra
Date of publication at Tlaxcala: 28/03/2018
Translations available: Français  Português/Galego 

Brasile: Il PSOL di Marielle, storia di un partito di sinistra

Achille Lollo

 

Durante quindici giorni i giornali e le televisioni europee hanno acceso i riflettori sul Brasile, per commentare l’assassinato di Marielle Franco, una militante del PSOL, che a di Rio de Janeiro era diventata il simbolo della lotta per il rispetto dei diritti della comunità afro - brasiliana e il difensore esemplare della popolazione del “Complexo da Maré” (1). Infatti, le sue continue denunce sulle attività paramilitari delle “Milicias” (2), sulle violenze della polizia e sugli abusi delle unità speciali della Polizia Federale, ponevano in causa i legami occulti, esistenti nello stato di Rio de Janeiro tra il potere, gli impresari e i gruppi paramilitari. Per essere donna, ed anche molto bella, i giornalisti hanno preferito gli aspetti personali, il più delle volte immortalati con splendide fotografie. In questo modo i grandi media sono riusciti a creare un personaggio, senza però dire che si tratta di una militante storica del PSOL (3). Così facendo, la “grande stampa” non ha spiegato perché Marielle Franco aveva scelto di militare nel PSOL e non nel PT dell’ex-presidente Lula, o nel PDT di Brizola o nel PSB!

 

Per rispondere a questa domanda, è necessario spiegare perché in Brasile c’è un partito di opposizione chiamato PSOL, che nelle parole di uno dei suoi fondatori, Milton Temer: «… Cominciò a essere disegnato in termini politici nell’ottobre del 2003 come un movimento di resistenza, che si opponeva alla sbandata ideologica operata dal primo governo del PT e dal presidente Lula, subito dopo essersi insediato nel Palazzo del Planalto» (4). 

Infatti, i militanti della sinistra del PT rimasero sconcertati con la “Carta aos Brasileiros” (Lettera ai Brasiliani), che Lula divulgò negli ultimi giorni della campagna elettorale, proponendo un accordo con gli impresari, i banchieri, le multinazionali, la borghesia e i latifondisti, per raggiungere la “governabilità possibile”. In cambio, però, il PT garantiva il tacito controllo del proletariato urbano e rurale, del movimento sindacale e di quello studentesco attraverso la CUT e l’UNE. Organismi di massa, che all’epoca, erano controllati da direzioni legate al gruppo dirigente del PT lulista (5), di cui il lider indiscusso era appunto Lula.

 

São Paulo, febbraio 1980: assemblea di fondazione del PT, "partito senza padrone". Lula è il terzo dalla sinistra

Dal 1998 fino al 2003 l’attività politica del PT fu caratterizzata da una profonda e continua “lotta interna”, che poi nel 2003 determinò le espulsioni dal PT dei quattro parlamentari (6) che non avevano votato la proposta di legge del governo Lula sulle pensioni dei funzionari pubblici, poiché la nuova legge, oltre a seguire una logica liberista, era un pericoloso precedente che poteva essere usato per riformare le leggi che difendevano gli interessi dei lavoratori. Infatti, in questi anni l’idea di un nuovo partito, di fatto socialista, cominciò ad agitare la vita interna del PT, poiché le relazioni tra le correnti della sinistra del PT, chiamate “Tendências” (7) e quelle di stampo socialdemocratico che Lula e Dirceu avevano unificato (8), a partire del 1998 divennero esplosive. Anche perché in quell’anno si registrò l’intervento della Direzione del PT a Rio de Janeiro. Infatti, la Convenzione del PT dello Stato di Rio de Janeiro aveva votato in maniera maggioritaria Vladimir Palmeira (9) per essere il candidato del PT nelle elezioni per il governo dello stato di Rio de Janeiro. Purtroppo Lula e José Dirceu avevano fatto un accordo segreto con il PDT di Brizola per lanciare Anthony Garotinho del PDT come candidato a governatore insieme all’evangelica Benedita da Silva come suo vice. Un’operazione politica doppiamente disastrosa, poiché dopo l’intervento autoritario di Lula e di Dirceu si registrò il fallimento dell’alleanza tra il PT e il PDT.

Questo fatto divenne un elemento decisivo per l’affermazione del processo di rottura all’interno del PT. Infatti, nel 1999, nacque a Rio de Janeiro il movimento “Refazendo o PT” (Rifacendo il PT), di cui alcuni membri, poi ebbero un ruolo importantissimo nella creazione del PSOL, in particolare Milton Temer, Chico Alencar, Eliomar Coelho e Leo Lince.

 

Heloisa Helena con i suoi compagni al primo congresso

La formazione del nuovo partito

Il rapidissimo trasformismo ideologico del governo del PT e dello stesso presidente Lula, evidenziarono il passaggio da una logica socialdemocratica a quella del cosiddetto social - liberismo, dove l’assistenzialismo, destinato ai settori più poveri, imponeva come controparte una serie di riforme apertamente neo-liberali, di cui gli unici beneficiari erano i banchieri, gli impresari e i latifondisti. Nello stesso tempo il PT lulista si adattava con perfezione agli oscuri schemi del potere di Brasilia, favorendo anche la nomina di José Sarney come Presidente del Senato e quella del banchiere Henrique Meirelles alla guida della Banca Centrale del Brasile. Decisioni che moltiplicarono i dubbi tra i militanti del PT, soprattutto i più giovani. Infatti, tutti capirono che l’espulsione dei quattro parlamentari era una decisione voluta dalla direzione del PT lulista per terminare un ciclo politico e aprirne un altro, già con il PT nelle vesti di partito del potere.

Per questo Milton Temere ricorda: «…Il PSOL è nato quando nel Brasile era in atto un arretramento ideologico e politico, che implicava la rottura con tutto quello che – durante venti anni - aveva rappresentato le aspettative di una sinistra socialista, combattiva presente nel PT di quei tempi» per poi ricordare che «…..Il trasformismo ideologico operò nel PT e nel suo governo una grande sterzata a destra, che determinò tra le altre cose ilpatto conservatore di alta intensità”, controbilanciato da un riformismo debole, alimentato con i progetti di autentico assistenzialismo».

E’ evidente che il PT lulista e la stampa, in particolare i giornali “O Globo” e “O Estado de São Paulo” e, logicamente la “TV Globo”, la “TV Record” e la “TV SBS”, fecero di tutto per squalificare l’ufficializzazione del PSOL. Questa fu realizzata con una campagna politica straordinaria, per la quale i militanti raccolsero nelle strade e nelle piazze 500.000 firme per il “partito di Heloisa”. Infatti, l’attitudine e il comportamento della senatrice Heloisa Helena galvanizzarono i militanti della sinistra, delusi dal PT, facendo nascere una nuova speranza e la certezza che con il PSOL era nato il nuovo partito della sinistra socialista e democratica.

Così, il 5 e il 6 giugno 2004, il PSOL realizzava in Brasilia il Primo Incontro Nazionale per la fondazione del partito. Poi, nel 2006, il PSOL realizzava la 1a Conferenza Nazionale indicando la senatrice Heloisa Helena come candidata del Fronte delle Sinistra nelle elezioni presidenziali. Un fronte, che per la prima volta riunì tre partiti (PSOL, PSTU e PCB) che rappresentavano tutte le correnti del marxismo, del leninismo e del trozkismo.

La campagna elettorale del 2006 fu molto importante per l’affermazione del PSOL a livello nazionale. Il nuovo partito pubblicamente proponeva un’opposizione classista di sinistra, nel momento in cui il governo del PT di Lula viveva il momento più alto del connubio con la borghesia e gli impresari. La chiave vincente di questo inaspettato successo politico, più che elettorale, fu il dirompente disimpegno di Heloisa Helena nella campagna elettorale, che in pochissimo tempo divenne l’Anti-Lula per eccellenza. Infatti, il PSOL, avendo a disposizione solo i suoi militanti e pochissimi mezzi finanziari, riuscì a controbattere gli attacchi della destra e del governo del PT, a smascherare l’ostruzionismo della stampa, ricevendo 6.575.393 di voti (6,85%), con cui occupava un onorato  terzo posto.

In realtà, il PSOL utilizzò le elezioni del 2006 per fare politica in tutto il Brasile, facendo conoscere il suo programma politico in tutti i ventisei stati dove presentò candidati a governatore, per la Camera dei Deputati e il Senato Federale e per i Parlamenti statali.

Questo successo e l’espansione del trasformismo ideologico nel PT provocarono numerosi abbandoni d’intellettuali famosi, come: Francisco de Oliveira, Leandro Konder, Leda Paulani, Paulo Arantes, Ricardo Antunes e Carlos Nelson Coutinho e Giralo, cui fece seguito la scissione della tendenza Forza Socialista, che nel frattempo aveva assunto il nome di “Ação Popular Socialista- APS” (Azione Popolare Socialista).

Nel 2007, dal 1 al 4 giugno  il PSOL realizzò a Rio de Janeiro il 1° Congresso Nazionale, in cui i 745 delegati dei nuclei del partito aprirono il dibattito sulle sedici mozioni che mettevano in luce le caratteristiche movimentiste di una parte del PSOL e i differenti presupposti ideologici delle correnti – chiamate anche tendenze. Un contesto che sviluppandosi  sempre più negli anni seguenti ha, più volte condizionatola crescita del partito e il suo ruolo politico nello scontro di classe, soprattutto durante i controversi governi di Dilma Rousseff.

Heloisa e le “Tendenze”

Le elezioni municipali del 2008 dimostrarono chiaramente che il PSOL era in crescita  a tutti i livelli. Nei grandi centri metropolitani, nelle provincie rurali, nelle università, nei licei e nelle scuole professionali, il PSOL registrava una notevole presenza, anche perché fu in questo periodo che il partito sviluppò una rapida penetrazione nella classe operaia e nel movimento afro - brasiliano. Comunque il motivo di questo successo si deve alla difesa incondizionata del proletariato, urbano e rurale, delle donne e dei LGBT, alla denuncia dello sfruttamento capitalista, della corruzione, della violenza poliziesca e della dipendenza dall’imperialismo. Argomenti che facevano ricordare l’attività politica di quel PT, che negli anni ottanta diceva «…una volta al potere costruiremo il socialismo nel Brasile!».

Una sensazione che fu alimentata dal forte impegno politico della senatrice Heloisa Helena, che la rivista usamericana “Forbes” e poi anche quella brasiliana “Isto È” definirono  «…la donna più influente nella politica brasiliana…». Infatti, senza tirare i meriti degli altri dirigenti del PSOL, bisogna riconoscere che l’affermazione politica del partito, a livello nazionale, si deve, soprattutto, all’infaticabile attività politica di Heloisa Helena. Per questo Milton Temer ricorda: «…Nel 2009, in funzione  dell’eccellente performance ottenuta nel 2006, Heloisa risultava in fase ascendente in tutti gli istituti di ricerca, variando tra il 12 e il 14%. Ciò significava che, nelle elezioni presidenziali del 2010, certamente sarebbe andata nel secondo turno, battendo José Serra, che era divenuto il rappresentante della destra. Purtroppo, le divergenze interne – principalmente la discussione sull’aborto – favorirono la sua decisione di abbandonare la campagna presidenziale per tentare di eleggersi al Senato. In questo modo, Heloisa Helena commise un autentico suicidio politico!».

Purtroppo le divergenze interne nel PSOL divennero determinanti quando le correnti politiche, dette anche “Tendências”, cominciarono a comportarsi come piccoli partiti in cerca di affermazione, facendo credere ai propri militanti che il PSOL era una specie di confederazione dove tutti convergevano, mantenendo, però, la propria identità ideologica e i propri legami politici internazionali. In realtà, le “tendências” erano – e continuano a essere – una specie di filtro con cui i differenti settori del partito interpretano e definiscono la politica del partito.

Comunque, questo contesto non deve essere considerato una deviazione, poiché negli incisi 1, 2 e 3 dell’articolo 88 dello Statuto del PSOL, le “Tendências” sono riconosciute e incentivate. Nell’inciso 3, addirittura fu stabilito che «…Le Tendências potranno organizzarsi liberamente senza nessun controllo o ingerenza da parte degli organismi del Partito, a patto che non si pongano contro i forum e le riunioni delle organizzazioni di partito».

 

Al congresso del PSOL di Rio de Janeiro, novembre 2017

Nel 2016, non erano in pochi nel PSOL, a ritenere chela clausola che regolava l’attività delle “Tendências” doveva essere rivista. E su questo punto Milton Temer puntualizzò l’argomento affermando: «…Non si tratta, in maniera assoluta, di voler imporre un nuovo centralismo democratico, però penso che non dobbiamo confondere e quindi sovrapporre il ruolo tematico e analitico delle “Tendências”  con quello organico del partito. Ricordiamoci, sempre della traiettoria di Heloisa!»  Di fatto, nel marzo del 2013 Heloisa abbandonò il PSOL per unirsi a Marina Silva nella creazione del nuovo partito “Rede Sustentabilidade” (la Rete di Sostenibilità) e di una nuova chiesa evangelica chiamata “Sagrada Árvore de Deus” ( L’albero sacro di Dio).

 

Marina (sinistra) e Heloisa

La nuova congiuntura

Il PSOL, pur avendo sempre criticato lo sbandamento ideologico del PT, ha però condannato il bluff dell’impeachment, con cui la borghesia e le multinazionali hanno interrotto il legittimo governo di Dilma Roussef. Infatti, il “colpo di stato giuridico” non ha ferito solo il PT e i suoi dirigenti. La principale vittima dell’impeachment è stato il movimento popolare, a cui, in questo modo, sono state precluse tutte le forme di espressione. Tanto è vero che l’intervento militare a Rio de Janeiro e la morte di Mirelle Franco sono i primi segnali della nuova congiuntura politica, in cui la destra, la borghesia, le multinazionali e i latifondisti, ricorrono all’uso della “violenza dello Stato” per garantire la continuazione dello status quo.



Il PSOL ha presentato alle elezioni comunali del 2016 11 candidate femministe. Tre di  loro sono state elette:  Áurea Carolina a Belo Horizonte (MG), Talíria Petrone a Niterói (RJ) e  Marielle Franco a Rio de Janeiro (RJ)

Per questo motivo, nel PSOL è prevalsa la posizione “movimentista”, che si affermò nel 7°Congresso, realizzato nel 2017. Per l’appunto, questo Congresso decise di dare priorità agli interventi politici nel movimento popolare, appoggiando e sviluppando le lotte popolari, di cui Marielle Franco è stata l’espressione massima nella città di Rio de Janeiro. Inoltre la catastrofe del PT lulista ha spinto il PSOL a creare nuovi strumenti per riunificare la sinistra. Così, il 4marzo, il PSOL ha presentato Guillerme Boulos, presidente del MTST (Movimento dei Lavoratori Senza Tetto) come candidato alle prossime elezioni presidenziali di ottobre. È importante ricordare che Guillerme Boulos è un importante quadro politico del movimento popolare brasiliano, che subito dopo l’impeachment contro Dilma Rousseff, nel 2015,  ha saputo costruire un fronte unitario denominato “Povo Sem Medo” (Popolo senza Paura) mobilizzando i movimenti sociali del Brasile contro il governo golpista di Michel Temer.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_18266.jpg

Guillerme Boulos, candidato alla presidenza e Sônia Guajajara, candidata alla vice-presidenza
 

Note

1-Il “Complexo da Maré” è un grandissimo quartiere povero, situato nella Zona Nord di Rio de Janeiro. È formato dalle tradizionali “favelas”, da quartieri di case popolari senza alcun servizio pubblico e da immense baraccopoli, dove il degrado si mischia alla vita di un proletariato urbano sempre alla ricerca di un lavoro.

2-Le “Milicias”  sono la versione moderna degli antichi “Esquadrões da Morte” (Squadroni della Morte), formati da poliziotti dello Stato di Rio de Janeiro. Questi, prima della dittatura erano specializzati nell’eliminazione fisica dei delinquenti più pericolosi. Poi, con il golpe dei militari, si dedicarono alla cattura, alla tortura e all’ eliminazione dei “terroristi comunisti”. Negli anni novanta operarono un salto di qualità occupando alcune “favelas” dove agivano come un autentico contro-potere. Per esempio i trafficanti di cocaina dovevano pagare una tassa per smerciare la droga. Ma anche i commercianti e gli abitanti della “favela”, dovevano pagare una tassa per la cosiddetta “protezione”, che la “Milicia”, garantiva con le sue unità paramilitari. In pratica le “Milicias” erano una specie di AUC colombiana “Made in Brasil”.

3- PSOL. “Partido Socialismo e Liberdade” – (Il Partito del Socialismo e della Libertà).

4- Milton Temer, ex-parlamentare del PT, nel 2003 è uno dei fondatori del PSOL, di cui in seguito fu anche senatore. Il 05/02/2016 pubblicò il testo “Parece que foi ontem - PSOL: um balanço” (Sembra che sia stato ieri-PSOL: un bliancio) nel blog della Boitempo, la principale casa editrice della sinistra brasiliana.

5- Il termine “lulista”, cioè sostenitore di Lula, è molto usato nella letteratura politica brasiliana.

6- I quattro parlamentari espulsi dal PT nel 2003 erano: la senatrice Heloisa Helena e i deputati, Babá, Luciana Genro e João Fontes.

7- Negli anni 1996/2003 la sinistra del PT era rappresentata da cinque grandi gruppi, denominati “Tendências” (correnti politiche), rispettivamente: “Democracia Socialista” (Democrazia Socialista), in cui convergevano molti gruppi trotzkisti, “Força Socialista” (Forza Socialista), di formazione marxista, originaria dal gruppo MCR che riuniva alcune organizzazioni della guerriglia sopravvissute alla repressione, “Democracia Radical” (Democrazia Radicale) di formazione marxista, “Articulação de Esquerda” ( Articolazione di Sinistra), formata da marxisti cattolici , “O Trabalho”, (Il Lavoro), tradizionale gruppo trozkista, legato alla 4° Internazionale.

8 Inácio Lula da Silva e José Dirceu crearono la potente tendenza “Articulação- Unidade na Luta” (Articolazione- Unità nella lotta)

9- Vladimir Palmeira fu il lider studentesco del 1968 che, poi fu liberato insieme ad altri 25 prigionieri politici dai guerriglieri di ALN e MR8 con il sequestro dell’ambasciatore usamericano. É sempre stato il grande lider della sinistra del PT e il simbolo della ribellione della gioventù di Rio de Janeiro.



 





Courtesy of Tlaxcala
Publication date of original article: 28/03/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=23085

 

Tags: Marielle FrancoPSOLPTSinistre brasilianeMarielle FrancoRivolte logicheMovimenti socialiBrasileAchille Lollo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.