TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 25/05/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Il crollo del credo sull’Olocausto: un punto di vista da Israele
Date of publication at Tlaxcala: 14/03/2018
Original: The Crumbling Holocaust: an Israeli Perspective

Il crollo del credo sull’Olocausto: un punto di vista da Israele

Gilad Atzmon جيلاد أتزمون گيلاد آتزمون

Translated by  Bosque Primario

 

Quello che segue è un estratto da un rilevante articolo scritto da Ofri Ilany per Haaretz, intitolato “Il crollo del consenso sul fatto che gli ebrei siano statti le prime vittime dell’Olocausto”. L’articolo esplora i fondamenti della religione globale dell’Olocausto, identifica le istituzioni internazionali che sostengono questa dottrina e gli eventi politici che lasciano capire che i Goyim non ce la fanno più con questa storia degli ebrei-solo-popolo-ad-avere-il-primato della sofferenza. Sono abbastanza d’accordo con la maggior parte delle osservazioni di Ilany e con le sue previsioni sul destino della religione dell’olocausto. Una differenza sostanziale tra noi è che mentre Ilany sembra angosciato da un possibile crollo di consenso attorno all’Olocausto, io credo che la liberazione da quel tirannico precetto giudeo-centrico sia una evoluzione necessaria per l’umanità.

Sul ruolo centrale dell’Olocausto e sulla sua memoria scrive Ilany; “Un incontro con qualcuno che dice che  l’Olocausto non è esistito era incomprensibile per me – era come parlare con qualcuno che non ha mai sentito parlare del sole, o che non sa cosa sia l’acqua”.

Il punto di vista di Ilany sembra mettere l’Olocausto tra gli “elementi classici” dei greci insieme all’acqua, all’aria e al fuoco. Ilany elabora la sua posizione. “In Israele, l’Olocausto è la prima cosa che si deve conoscere. Se qualcuno qui conosce qualcosa del passato, si tratta dell’Olocausto. Non della scoperta dell’America, non dello sbarco sulla luna, non certo della Rivoluzione francese e nemmeno della Rivelazione sul Monte Sinai – prima di tutto,  si conosce deve conoscere l’Olocausto. Per un certo periodo, si era pensato che fosse la stessa cosa anche fuori da Israele”. Ilany è chiaramente più giovane di me. Per la generazione dei miei genitori, per la mia e per me stesso, l’Olocausto è stata una storia lontana: un racconto della diaspora degli ebrei, un tragico evento accaduto ad altra gente: persone che consideravamo decisamente straniere. Pensavamo a gente  portata  al macello, come agnelli, non come noi che eravamo “israeliani”. Chiaramente a un certo momento l’atteggiamento israeliano nei confronti dell’Olocausto è cambiato e ancora dobbiamo comprendere completamente questo cambiamento.

L’indottrinamento all’olocausto si è molto diffuso oltre i confini di Israele, afferma Ilany. “In America, come in molte altre parti del mondo, i bambini negli ultimi decenni hanno imparato a conoscere l’Olocausto sin dalla più tenera età. È percepito come l’evento formativo dell’era moderna, che ha permesso di modellare i valori politici fondamentali della nostra epoca”.  Con sarcasmo aggiunge  “basti pensare a come si insultavano gli avversari politici fino ad un secolo fa, quando parole come “nazista o fascista” non avevano ancora nessun significato. Ilany afferma poi che la religione dell’Olocausto impone un severo e rigido ordine mondiale. “Lo U.S. Holocaust Memorial and Museum a Washington, il monumento dell’Olocausto a Berlino e il Giorno  Internazionale della Memoria dell’Olocausto,  rappresentano l’incarnazione di questo ricordo. Tutti sono chiamati a ricordare, secondo un rigido protocollo, ogni dichiarazione pubblica sull’Olocausto è monitorata da esperti, da giornalisti e dalle organizzazioni internazionali ed ogni scostamento dalla linea ufficiale viene condannato“. Ilany sta semplicemente affermando quello che molti di noi già sanno. Il primato della sofferenza ebraica è diventato un apparato tirannico in tutto l’Occidente. All’interno di questa ideologia dell’olocausto, Israele è al riparo dalle critiche, tanto che i suoi abusi contro i diritti umani, anche se ampiamente documentati, vengono disinvoltamente ignorati. Il movimento di solidarietà verso i palestinesi è praticamente paralizzato dalle  squadre della polizia  ebrea del pensiero, perché nel contesto del primato della sofferenza degli ebrei,  quella delle vittime palestinesi può solo passare in secondo piano.

Ilany parla della storia dell’Olocausto, quella che conosciamo oggi, e dice che sta cominciando a sgretolarsi. “Molta gente è rimasta sbalordita nelle ultime settimane nel sentire gli sforzi legislativi fatti in Polonia per quanto riguarda il ricordo dell’Olocausto e dalle dichiarazioni del primo ministro polacco secondo cui nell’Olocausto ci sono stati criminali ebrei nella stessa misura in cui ci sono stati criminali polacchi”. I polacchi non sono rimasti soli, “stiamo assistendo al crollo di un ordine mondiale. Eventi come l’invasione russa dell’Ucraina, l’ascesa di Trump e la crisi della Brexit sono tre delle più grandi crepe che si sono aperte in quell’ ordine ed il consenso sull’Olocausto degli ebrei era fondamentalmente legato a quello stesso ordine politico “.

L’accademico israeliano riconosce che l’Olocausto e il nuovo ordine del capitalismo mondiale sono due facce della stessa medaglia. “È l’Unione europea insieme ad altre istituzioni globali create dagli anni ’90 a diffondere la versione ufficiale dell’Olocausto dell’ebraismo europeo e ad imporre la sua difesa. Quindi non sorprende che la disintegrazione dell’ordine mondiale e delle sue istituzioni abbia anche dato origine anche al disfacimento del consenso intorno all’Olocausto”.

Immagino che chi è poco soddisfatto dell’ordine capitalista globale possa sentirsi rallegrato da questa visione di Ilany sulla caduta del credo nell’Olocausto e nelle istituzioni autoritarie che gli sono collegate. 





Courtesy of Comedonchisciotte
Source: http://www.gilad.co.uk/writings/2018/2/24/the-crumbling-holocaust-an-israeli-perspective
Publication date of original article: 24/02/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22957

 

Tags: OlocaustoSionismoPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.