TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 15/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / La rivalità tra USA e Russia esplode in Siria
Date of publication at Tlaxcala: 05/03/2018
Original: US-Russia rivalry surges in Syria
Translations available: Português/Galego 

La rivalità tra USA e Russia esplode in Siria

MK Bhadrakumar

Translated by  Centro di Cultura e Documentazione Popolare

 

Un importante discorso del ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, lunedì 19, durante una conferenza internazionale sul Medio Oriente, si è trasformato nella più forte denuncia russa giunta finora rispetto al cambiamento della politica usamericana sotto l'amministrazione Trump verso la Siria, dove il Pentagono intende ora mantenere indefinitamente una presenza militare. (qui e qui)

Habib Haddad

L'impressione generale che ha trasmesso Lavrov è triplice. La prima, in termini immediati, è che si può prevedere una intensificazione dei combattimenti in Siria, poiché gli Stati Uniti tentano di creare nuove situazioni di fatto sul terreno utilizzando agenti locali - le milizie curde, più gli affiliati di al-Qaeda e i combattenti dell'Isis - così come di far arretrare la Russia, l'Iran e il governo siriano.

In secondo luogo, la Russia ne conclude che il cambiamento nella strategia generale degli Stati Uniti mira a balcanizzare la Siria. (Più tardi, mentre parlava ai media a Mosca, Lavrov ha anche attirato l'attenzione sulla presenza dei mercenari e delle forze speciali di Francia e Gran Bretagna nella Siria nord-orientale che collaborano con le forze usamericane nell'attuazione dell'agenda USA per creare zone di influenza .)

In terzo luogo, il dialogo tra Mosca e Washington sulla Siria è in un vicolo cieco. Lavrov ha apertamente avvertito Washington di stare "giocando con il fuoco" in Siria, sottintendendo che la strategia usamericana incontrerà resistenza.

Altre due caratteristiche della conferenza di Mosca sono che, in primo luogo, vi ha preso parte il ministro degli Esteri iraniano Mohamad Javad Zarif, e, in secondo luogo, si è anche discusso di un ruolo di mediazione dei russi per calmare le tensioni tra Iran e Arabia Saudita.

Zarif ha detto a Lavrov in un incontro a Mosca lunedì, che Teheran chiede l'aiuto della Russia per risolvere le fratture intra-regionali nel Medio Oriente musulmano. Più tardi, Zarif ha pubblicato sul suo account ufficiale di Tweeter: "Con la prospettiva strategica sobria della Russia e la sua crescente influenza in Asia occidentale, essa può svolgere un ruolo strumentale per favorire un cambio di paradigma nel Golfo Persico verso uno basato sul dialogo e l'inclusione".

Alla conferenza hanno partecipato delegati non ufficiali di diversi paesi del Medio Oriente, tra cui l'Arabia Saudita. Nel frattempo, il re Abdullah di Giordania aveva effettuato una "visita di lavoro" a Mosca il 15 febbraio e aveva incontrato Putin. Il giorno prima, Lavrov aveva parlato al telefono con il suo omologo egiziano, Sameh Hassan Shoukry. Ieri Putin ha anche telefonato al presidente turco Recep Erdogan. La Siria è stata al centro di tutti questi dialoghi e incontri.

La strategia russa consisterà nel persuadere importanti stati regionali che sono stati i principali alleati regionali degli Stati Uniti - Arabia Saudita e Giordania in particolare - a non rientrare nel conflitto in Siria alimentando una nuova ondata di combattimenti. Se la mossa riuscirà, gli Stati Uniti potrebbero trovarsi in una situazione di svantaggio venendogli a mancare un supporto regionale per spingere in avanti la via militare.

Tuttavia, sebbene i legami della Russia con l'Arabia Saudita si siano considerevolmente rafforzati negli ultimi anni, resta da vedere la capacità di Mosca di mediare un riavvicinamento tra Arabia Saudita e Iran. La Siria continua a essere una delle principali cause della rivalità tra Arabia Saudita e Iran. E l'ironia è che, finalmente, l'amministrazione Trump sta facendo ciò che l'Arabia Saudita avrebbe voluto facesse la precedente amministrazione Obama, cioè spingere apertamente per un "cambio di regime" in Siria attraverso metodi coercitivi.

Nella percezione saudita, la Russia ha recentemente subito una serie di battute d'arresto in Siria. Riassumendo la situazione siriana, Ghassan Charbel, caporedattore dell'influente quotidiano dell'establishment saudita Asharq Al-Awsat ha scritto lunedì: "Mai prima d'ora tutte queste bandiere, interessi, pericoli, eserciti, milizie, divisioni interne e scontri regionali e internazionali si erano incontrate nei suoi territori (in Siria). Da sud a Idlib, da Hmeimem a Afrin, la Siria è come una polveriera. È al centro di un conflitto geo-strategico complesso e vasto che è impossibile risolvere con la forza e dove perdite e ricompense saranno difficili da prevedere ... Le circostanze regionali e internazionali non sembrano mature perché ... i colloqui possano avvenire. La tragedia siriana è aperta agli scenari più pericolosi. "

La tendenza saudita sarà quella di aspettare e vedere da che parte soffia il vento. D'altra parte, la guerra nello Yemen rimane la priorità numero uno dell'Arabia Saudita oggi e Riyadh ricerca un ruolo russo nel porre fine alla guerra nello Yemen sfruttando la sua influenza con l'Iran. 





Courtesy of Resistenze.org
Source: http://blogs.rediff.com/mkbhadrakumar/2018/02/20/us-russia-rivalry-surges-in-syria/
Publication date of original article: 20/02/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22892

 

Tags: USARussiaSiriaYemenIran
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.