TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 22/02/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Feudalesimo bancario
Date of publication at Tlaxcala: 08/02/2018
Original: Feudalismo bancario

Feudalesimo bancario

Alejandro Nadal

Translated by  Alba Canelli

 

Fra l'VIII e il XV secolo prevalse in Europa un sistema politico ed economico che ha ricevuto il nome di feudalesimo. Era un sistema organizzato attorno alla proprietà della terra, in cambio di schemi di vassallaggio, protezione, lavoro e distribuzione della produzione agricola. Nella classica descrizione di Marc Bloch, lo schema gerarchico ruotava attorno ai tre strati della società: nobiltà, clero e produttori rurali. In genere i signori feudali, saldamente installati nei loro castelli, fornivano protezione ai produttori agricoli in cambio di lavoro diretto o di un tributo pagato in natura.

 
Tra gli abitanti della campagna e le città i rapporti economici sono stati realizzati per mezzo di mercati, fiere e altri schemi per gli scambi. La moneta in circolazione veniva emessa, a volte, dalle autorità ecclesiastiche e, talvolta, dai re o dai signori feudali stessi. Il baratto prevalse solo quando ci furono crolli istituzionali, come il collasso dell'Impero Romano o quando l'impero di Carlo Magno scomparve.
Nel feudalesimo esisteva il credito e alcune dinastie erano incaricate di fornire prestiti a coloro che ne avevano bisogno. Ma questi prestiti erano normalmente riservati ai potenti e non erano destinati alla maggior parte della popolazione. Una buona parte dei crediti era destinata a pagare mercenari e finanziare guerre. In questi casi gli interessi erano molto alti e potevano raggiungere il 60% (come oggi con le carte di credito). C'erano anche prestiti per i grandi commercianti, che offrivano sufficienti garanzie. Il resto della popolazione doveva ricorrere a istituti di credito locali per coprire i suoi bisogni in caso di malattia o qualche altra emergenza.
Le grandi dinastie degli istituti di credito hanno operato con i loro corrispondenti in diverse parti dell'Europa e del Mediterraneo. Così potevano offrire un servizio prezioso ai mercanti attraverso il riconoscimento di cambiali e altri titoli. Questi grandi istituti di credito operavano come banchieri, ma la loro attività principale non dipendeva dall'acquisire risparmi. I prestiti che offrivano erano con le proprie risorse o provenivano dalle loro complesse operazioni contabili. Erano, per così dire, banchieri senza banche, nel senso moderno del termine.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_15022.jpg
Con l'avvento del capitalismo, l'attività creditizia divenne sempre più importante e la rivoluzione industriale accelerò il processo attraverso le scale di produzione. Le banche si riorganizzarono, iniziarono a sviluppare le loro funzioni di acquisizione di risparmi e le loro operazioni ampliarono i confini dell'accumulazione capitalista finanziando il consumo. Quindi, non solo si espande la dimensione del mercato finale per la produzione capitalistica di beni, ma venne ridotto il tempo di recupero del capitale. Il processo culmina nell'Ottocento, quando la maggior parte della popolazione è considerata oggetto di credito. La gente comune diventa quindi clienti delle banche.
Oggi, il livello di indebitamento della popolazione dipende da molti fattori, tra cui spicca il reddito salariale. Sotto il neoliberismo, la stagnazione dei salari reali ha portato a una straordinaria espansione del credito come supporto per mantenere gli standard di vita. Il risultato è stato un crescente indebitamento per la popolazione generale attraverso mutui e prestiti per l'acquisto di beni di consumo durevoli e il pagamento di servizi educativi o sanitari. Gli indicatori sull'indebitamento delle famiglie negli USA come percentuale del PIL mostrano una rapida crescita dal 40% al 97,8% tra il 1960 e il 2014. Lo schema è ripetuto per molti paesi europei.
Il risultato è che oggi una parte significativa della popolazione vive e lavora per pagare interessi alle banche, a tal punto che è possibile pensare che viviamo in una sorta di feudalesimo bancario. In questo sistema, le banche sono i signori del denaro che creano denaro dal nulla e, proprio come nel feudalesimo stricto sensu , la loro attività non dipende nemmeno dalla raccolta di risparmio. Il posto dei nobili è occupato dai governi, che sono anche soggetti al credito e devono obbedire ai dettami dei mercati dei capitali. Le loro banche centrali, con tutta la loro mitica indipendenza, devono fornire riserve ai signori del denaro quando le circostanze lo richiedono. I contadini sono tutti gli altri, dobbiamo ricorrere al credito sistematicamente. In certi casi persino frazioni di capitale industriale occupano una posizione simile a quella dei contadini.

Il nuovo feudalesimo bancario consente alla gente di passare da una parcella all'altra, ad esempio quando si cerca un lavoro. Ma queste persone hanno sempre un onere che grava sui vassalli: devono pagare per il servizio del loro debito, sia con un mutuo o altri prestiti. Forse la differenza più importante è che, in contrasto con gli obblighi che i signori feudali avevano con i loro sudditi, le banche non offrono alcuna protezione contro la violenza o incidenti di vita.





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.jornada.unam.mx/2018/01/31/opinion/027a1eco?partner=rss
Publication date of original article: 31/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22678

 

Tags: BancheBankstersPILNeoliberismoCapitalismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.