TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 19/02/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Israele inizia a distribuire fogli di via ai richedenti asilo africani
Date of publication at Tlaxcala: 06/02/2018
Original: Israel starts issuing deportation notices to African asylum seekers
Translations available: Français 

Israele inizia a distribuire fogli di via ai richedenti asilo africani

Ilan Lior אילן ליאור

Translated by  Bosque Primario
Edited by  Come Don Chisciotte

 

Il primo ciclo di avvisi – che concede 60 giorni per lasciare il paese ai richiedenti asilo provenienti dall’Eritrea e dal Sudan – sarà inviato agli uomini senza figli – circa 20.000 persone



Un richiedente asilo con il suo foglio di via il 4 febbraio 2018.
F
oto Meged Gozani

 

 

Nella prima fase gli avvisi saranno inviati agli uomini senza figli che devono rinnovare il visto di residenza. I cittadini dell’Eritrea e del Sudan sono tenuti a rinnovare i loro visti ogni due mesi presso gli uffici di Bnei Brak.  Otterranno il loro ultimo visto di due mesi, insieme a una lettera in cui si afferma che durante questo periodo devono lasciare il paese, altrimenti gli sarà vietato lavorare e potranno aspettarsi di essere incarcerati a tempo indeterminato. Il personale del governo consiglierà di tornare in Ruanda o nei loro paesi nativi.

Dabsai, 47 anni eritreo, è un residente di Netanya. “Non voglio andare in Ruanda”, ha detto. “Vengo dall’Eritrea e non voglio tornare in Eritrea, vado in galera, senza paura.”

 

Cliccare due volte per ingrandire

 Avviso di deportazione emesso da Israele a richiedenti asilo africani all’inizio di febbraio.  Haaretz

 

Habtum, un richiedente asilo dell’Eritrea, che ha trascorso più di un anno nel centro di detenzione di Holot, ha dichiarato: “Mi hanno detto di andarmene entro 60 giorni, ho risposto che non posso, c’è un problema, quello per cui sono venuto qui”. Dice che preferisce andare in prigione.

Il governo prevede di assumere 100 nuovi ispettori di immigrazione, che cominceranno a lavorare a breve. Dall’inizio di aprile, i richiedenti asilo a cui sarà chiesto di lasciare il paese, ma non lo faranno, saranno soggetti all’arresto.

Secondo le cifre governative, in Israele ci sono circa 39.000 tra eritrei e sudanesi, tra cui 5.000 bambini. Per ora, le notifiche di espulsione non verranno rilasciate a donne, bambini, padri di bambini, a chiunque sia riconosciuto vittima di schiavitù o di tratta di esseri umani e a coloro che hanno richiesto asilo entro la fine del 2017 ma non hanno ancora ottenuto risposta.

Questo riduce il numero di coloro che sono soggetti  alla deportazione, per il momento,  quindi (solo) tra 15.000 e 20.000 persone. Ma il Ministro dell’Interno Arye Dery e altri funzionari hanno chiarito che la decisione di non espellere genitori, donne o bambini probabilmente non è definitiva. Nemmeno chi cerca asilo ora ha più qualche certezza.



Richiedenti asilo in fila per rinnovare il visto al Ministero degli Interni a  Bnei Brak, 1/2/2018.   Foto Tomer Appelbaum

Due settimane fa l’autorità ha inviato avvisi simili ai richiedenti asilo detenuti a Holot,  una struttura che dovrebbe chiudere tra circa sei settimane. I richiedenti asilo dicono che le autorità hanno parlato di  deportazione con circa 60 delle circa 900 persone detenute nel centro che i trova nel deserto del Negev, tutte però  provenienti dall’Eritrea. Durante questi colloqui, il rappresentante del governo ha detto che tutti devono andare in Ruanda o nel loro paese, altrimenti saranno messi in prigione  a tempo indeterminato, nella prigione di Saharonim ed hanno concesso un mese di tempo per informare le autorità di questa decisione. I detenuti nel centro di Holot dicono che non è stato proposto loro di andare in Uganda come opzione, come era in passato.

Durante queste conversazioni, i richiedenti asilo hanno ricevuto una lettera di due pagine scritta in ebraico “Scheda informativa per gli infiltrati che partono per un paese terzo sicuro” (“infiltrato” è il termine usato dallo stato di Israele per richiedenti asilo che entrarono in Israele dal confine con l’Egitto). Comincia così: “Vorremmo informarti che lo Stato di Israele ha firmato accordi che ti permettono di lasciare Israele per un paese terzo sicuro che ti accoglierà e ti fornirà un visto di residenza che ti consentirà di lavorare in quel paese, e promette non per respingerti nel tuo paese di origine. ”

Il documento continua: “Il paese in cui andrai è un paese che si è sviluppato enormemente negli ultimi dieci anni ed assorbe migliaia di residenti e di immigrati provenienti da vari paesi africani. … Questo paese ha un governo stabile, cosa che contribuisce allo sviluppo in molti campi, tra cui l’istruzione, la medicina e le infrastrutture.

Il governo dice di essere disponibile a preparare i documenti di viaggio israeliani per chi  lascia il paese e a pagare il biglietto aereo. “I rappresentanti del governo daranno assistenza fino alla data di partenza del volo dallo Stato di Israele e risponderanno a tutte le domande”.

Sarebbe prevista una sovvenzione di $ 3.500 da consegnare all’aeroporto prima di salire sull’aereo, insieme al visto di ingresso nel paese di destinazione. “All’arrivo nel paese terzo, una squadra locale sarà in aeroporto per assistere durante i primi giorni, accompagnare nell’hotel che è stato prenotato e per incontrare i rappresentanti locali, che spiegheranno le possibili opzioni “, dice il documento.

Il governo dice anche che suoi rappresentanti contatteranno i rifugiati nel paese terzo poco dopo aver lasciato Israele. Il documento indica un numero di telefono che può essere chiamato “durante l’orario lavorativo”, senza indicare l’orario e dice anche che prima di salire sull’aereo riceveranno un numero di telefono di un rappresentante del paese terzo che potranno contattare.

Si avverte anche che se i rifugiati non lasceranno il paese volontariamente, saranno rimossi con la forza e la sovvenzione finanziaria prevista sarà ridotta considerevolmente. La lettera conclude, “Vi auguriamo successo.”

Il Primo ministro Benjamin Netanyahu ha detto che esiste  un accordo con il Ruanda che consente la deportazione involontaria. Il Ruanda, tuttavia, ha  pubblicamente negato l’esistenza di un tale accordo e ha ribadito il fatto che non accetterebbe nessuno deportato contro la propria volontà.

 

 





Courtesy of Come Don Chisciotte
Source: https://www.haaretz.com/israel-news/israel-starts-issuing-deportation-notices-to-african-asylum-seekers-1.5784552
Publication date of original article: 04/02/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22649

 

Tags: Deportazione richiedenti asilo africaniPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.