TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 25/06/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / La lotta contro l’espulsione dei rifugiati africani è un momento cruciale nella storia di Israele
Date of publication at Tlaxcala: 03/02/2018
Original: The fight against the expulsion of African refugees is a pivotal moment in Israel's history
Translations available: Français  Deutsch 

La lotta contro l’espulsione dei rifugiati africani è un momento cruciale nella storia di Israele

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Federico Ferrone

 

Indipendentemente dal fatto che i richiedenti asilo africani siano espulsi o meno, Israele deve fare i conti con un banco di prova che determinerà il suo futuro.

È impossibile non essere scioccati dalla premeditazione e dal razzismo che sono alla base di questo piano di pulizia etnica, il cui obiettivo è allontanare persone nere e non ebree a causa del colore della loro pelle. Il destino di queste 35mila persone dovrebbe stare a cuore a ogni israeliano perbene, ma la questione va oltre, e in modo significativo.



Richiedenti asilo africani protestano contro il piano di espulsioni del governo israeliano a Gerusalemme, il 26 gennaio 2017.

In gioco ci sono progetti nascosti e di portata molto più ampia, di cui per ora parla solo l’estrema destra, ma che un giorno potrebbero trasformarsi in un piano d’azione concreto. L’espulsione dei profughi africani è un programma-pilota di grande importanza per il governo e per i suoi oppositori.

Israele agisce senza ripensamenti

Se questa espulsione avrà successo, potrebbero essercene altre in futuro: preparatevi a un trasferimento di popolazione. Se la prima operazione riuscisse, aumenterà la speranza di realizzare ulteriori espulsioni. Israele si renderà conto di poterlo fare, e che nessuno è in grado di fermarlo. E quando Israele è in grado di agire, lo fa senza ripensamenti. Per due volte ha brutalmente devastato la Striscia di Gaza, perché poteva farlo, e lo farà di nuovo fino a quando qualcuno lo fermerà.

D’altro canto, se l’espulsione dei richiedenti asilo dovesse fallire, la cosa mostrerà che quegli israeliani dotati di coscienza hanno più potere e influenza di quanto non sembri. E che laddove esiste la volontà, esiste sempre un modo di metterla in pratica. Per questi israeliani l’obiettivo sarà continuare a lottare, con gli stessi mezzi e la stessa determinazione, contro altri crimini. E anche loro trarranno speranza da un eventuale successo.

Per questi motivi il precedente dei profughi africani è così importante. Per questo i piani d’espulsione e la battaglia per fermarli non possono essere sottovalutati. La lotta ha già dato i primi frutti.

Il prossimo tentativo di espulsione potrebbe avere come obiettivo i parlamentari arabi della knesset

Il responsabile delle espulsioni, Shlomo Mor-Yosef, direttore generale dell’autorità per la popolazione, l’immigrazione e i confini del ministero dell’interno, ha annunciato che saranno espulsi solo uomini non sposati in età da lavoro. Si tratta del primo passo indietro di fronte alla pressione pubblica, più forte del previsto, ma non conta nulla. Maltrattare degli uomini non è più legittimo che prendersela con delle donne o perfino degli anziani.

Mor-Yosef ha cercato goffamente di legittimare una cattiva azione, ma il suo bisogno di nascondersi dietro a dichiarazioni come “stiamo espellendo solo maschi adulti, va tutto bene” è un risultato positivo. È verosimile che, imbarazzato, presto si dimetterà dal suo vergognoso incarico.

Ma non basta. Se la lotta contro le espulsioni andrà avanti, anche con atti di resistenza che sono fondamentali a questo scopo, il governo Netanyahu sarà obbligato a fare marcia indietro. Senza piloti non possono esserci voli di rimpatrio e, in presenza di forme di disobbedienza civile, non si potrà dare la caccia ai profughi.



Una manifestazione nel sud di Tel Aviv contro la deportazione forzata dei richiedenti asilo africani, 18 gennaio 2018. Il cartello dice " Tel Aviv Sud contro l'espulsione". Foto Moti Milrod

Puntare i piedi

Se il piano di espulsioni fallisse, la sinistra capirà che l’unico modo di spuntarla è usare il sacrificio e la disobbedienza. Le manifestazioni sono inefficaci. Il campo di chi si batte contro le espulsioni capirà di essere in grado di prevenire dei crimini, ma solo se sarà pronto a puntare i piedi e a sacrificarsi, e che non tutto è deciso dalla sorte o dalla destra. E il governo scoprirà di non essere onnipotente e di avere un avversario attivo e dotato di coscienza.

Vale la pena ricordare che un’altra operazione di pulizia etnica, nella valle del Giordano e sulle colline meridionali di Hebron, non ha incontrato alcuna resistenza civile degna di nota.

Il prossimo tentativo di espulsione potrebbe avere come obiettivo i parlamentari arabi della knesset. Tutti lo negheranno, ma esistono già le prime avvisaglie. Potrebbe succedere nell’arco di una notte, con vari ed eventuali pretesti utilizzati per mettere questi parlamentari fuori legge. Dopo tutto, chi sarebbe contrario? Le masse sarebbero sicuramente d’accordo, e anche il governo. Chi si opporrebbe? Serve solo l’occasione giusta. Il pericolo è più vicino di quanto sembri. Chi crederebbe che appena quarant’anni fa Israele ha accolto decine dei cosiddetti boat people, i profughi provenienti dal Vietnam.

Verrà un giorno in cui sarà svelato il vero progetto: l’espulsione dei palestinesi dai Territori, o almeno da parte di essi, con il pretesto di una guerra o di una rivolta, ricorrendo a scuse di ogni tipo relative alla sicurezza. Potrebbe succedere. Oggi sembra assurdo, ma se l’espulsione dei profughi africani andasse a buon fine, questo rafforzerà l’idea che l’espulsione è una scelta realizzabile. La cosa sembra assurda? Certamente.

Alcuni anni fa sembrava un’idea folle che questo paese di profughi caricasse con la forza altri profughi ammanettati su un aereo, lasciandoli al loro destino in luoghi disgraziati, come invece progetta di fare tra poco. Per questo è così importante lottare adesso.





Courtesy of L'Internazionale
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-fight-against-expulsion-of-refugees-is-a-pivotal-moment-for-israel-1.5767982
Publication date of original article: 28/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22611

 

Tags: Espulsione rifugiati africaniMovimenti di solidarietàRazzismo israelianoPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.