TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 19/02/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 USA & CANADA 
USA & CANADA / 41 cuori battono ancora a Guantánamo
Date of publication at Tlaxcala: 26/01/2018
Original: Forty-One Hearts Are Still Beating in Guantanamo
Translations available: Español 

41 cuori battono ancora a Guantánamo

Kathy Kelly

Translated by  Ylenia Rapisardi
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

L’11 gennaio 2018 ci ricorda che sono trascorsi sedici anni durante i quali la prigione di Guantánamo continua a tenere prigionieri esclusivamente uomini musulmani, avendo sottoposto molti di loro a torture e detenzioni arbitrarie.

Convocate da Witness Against Torture (WAT, Testimoni contro la tortura), una trentina persone si sono riunite a Washington D.C. con l’intento di digiunare una settimana intera per cercare di far chiudere  Guantánamo e abolire per sempre le torture.

Sei giorni fa, Matt Daloisio è arrivato da New York con un furgone accuratamente carico di cartelloni e striscioni creati nel corso di dodici anni, oltre a sacchi a pelo, vestiti invernali e altri oggetti essenziali per quella settimana.

 

I manifestanti di Witness Against Torture si dirigono verso la Casa Bianca. Foto Justin Norman

Matt ha trascorso un’ora sistemando l’equipaggiamento nel grande atrio della chiesa che ci avrebbe ospitato. “ Ha preparato tutto”, ha riferito uno dei membri di WAT.

In seguito, Matt comincia a riflettere sul fatto che molti dei prigionieri, i cui volti e nomi appaiono sui nostri striscioni, sono già stati liberati. Nel 2007, c’erano 430 prigionieri a Guantánamo. Oggi, ci sono ancora 41 uomini. Shaker Aamer è riuscito a ricongiungersi col figlio che non ha mai potuto incontrare durante gli anni di prigionia in questo infame campo.

Mohamed Ould Slahi, autore del Diario di Guantánamo, è stato finalmente liberato. Ma, queste notizie seppur incoraggianti, non sminuiscono affatto l’urgenza che sentiamo di lottare per la liberazione dei 41 uomini ancora prigionieri a Guantánamo.

Nemmeno uno solo di quei 41 prigionieri è stato catturato dall’esercito usamericano nel campo di battaglia. Le milizie afgane e l’esercito pachistano hanno ricevuto delle importanti ricompense in denaro per la vendita agli usamericani dell’86% dei prigionieri. Immaginate il “via libera” offerto ad altri paesi per praticare la compravendita di esseri umani.

Aisha Manar, che lavora per la London Campaign to Close Guantanamo, ci segnala che “le pratiche di violazione dei dirittti eseguite a Guantánamo sono diventate oggi un modello per le politiche di detenzione e incarcerazione sia negli USA che in altri Stati”.

Questa spaventosa realtà si riflette nelle inchieste di Associated Press, le quali rivelano che gli Emirati Arabi Uniti dirigono una rete di prigioni segrete nello Yemen del sud all’interno delle quali i prigionieri sono sottomessi a torture estreme. Tra queste si include la pratica di legare il prigioniero attorno ad una macchina rotante denominata  “la griglia”, esponendolo al fuoco cosicchè si bruci.

“Circa 2.000 uomini sono scomparsi in quelle prigioni clandestine”, ci informa AP, “una cifra talmente alta che ha provocato proteste a volte anche settimanali tra le famiglie che vogliono avere notizie dei loro figli, fratelli e padri scomparsi”.

Uno dei principali centri di detenzione si trova nell’aeroporto di Riyan, precisamente a Mukalla, una città dello Yemen del Sud.

Alcuni ex-detenuti, che hanno rilasciato delle dichiarazioni mantendo l’anonimato, hanno spiegato che “erano stati ammassati all’interno di container sporchi di feci, rimanendoci per settimane con gli occhi bendati e a volte anche picchiati, oltre ad essere stati legati alla ‘griglia’ e aggrediti sessualmente”.

Un membro delle forze di sicurezza yemenite create dagli Emirati Arabi Uniti, ha riferito ad AP che in diverse occasioni le forze usamericane si sono trovate a pochi metri di distanza.

“Sarebbe difficile credere che gli USA non sapessero o non avrebbero potuto sapere di un reale pericolo di tortura”, ha dichiarato Lynn Maalouf, direttrice delle ricerche sul Medio Oriente per Amnesty International.

Il 9 gennaio scorso, i membri di WAT hanno cercato di consegnare una lettera all’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti, Yusuf Al Otaiba, per ottenere delle risposte riguardo le inchieste fatte precedentemente.Le guardie di sicurezza hanno ci hanno fotografati dicendo però di non poter accettare quella lettera.

 

Due giorni dopo ci siamo uniti ad altri gruppi per organizzare un raduno, indossando tute arancioni e cappucci neri, abbiamo preparato degli striscioni in cui appariva il numero “41” e abbiamo mostrato i due più importanti. In uno c’era scritto: “Ci sarebbe bisogno di un genio* per chiudere Guantánamo”. E nell’altro: ”Siamo ancora qui perchè voi siete ancora lì”.

Quarant’uno cuori battono ancora nelle celle della prigione di Guantánamo. Una cifra insopportabile.

*Allusione ironica al tweet di Trump nel quale si definiva “un genio” [Nota di Tlaxcala]

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://progressive.org/dispatches/forty-one-hearts-still-beating-in-guantanamo-180111/
Publication date of original article: 11/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22554

 

Tags: GuantanamoWitness Against TorturePacifisti usamericaniUSA
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.