TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 19/02/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / La Palestina brasiliana: Libertà contro Apartheid
Date of publication at Tlaxcala: 24/01/2018
Original: A Palestina brasileira: Liberdade x Apartheid
Translations available: Français  Deutsch  Español 

La Palestina brasiliana: Libertà contro Apartheid

Neusa Maria Pereira

Translated by  Alba Canelli

 

Ho assistito alla prima televisiva del documentario "La Palestina Brasiliana", scritto e diretto dal regista e giornalista Omar L. de Barros Filho. Un lavoro tenero, pertinente, informativo e attuale, pieno di storie e ricordi commoventi di personaggi che si alternano con la stessa agilità e abilità, dando ritmo al film.  Focalizzato sulla vita delle famiglie palestinesi residenti nello stato del Rio Grande do Sul, con radici ancora molto forti nella Palestina occupata, il documentario rivela la differenza abissale tra le vite degli immigrati della diaspora e quelle dei genitori e amici che continuano a vivere nella loro terra natale. Si afferma come un grido di libertà contro l'apartheid scioccante che colpisce il popolo palestinese, sottoposto per decenni all'indifferenza e ai pregiudizi di buona parte del mondo.

C'è una riflessione sulla distanza incommensurabile tra guerra e pace, dominio e libertà, odio ed empatia, tra essere e morire, infine sull'eterno conflitto tra violenza e natura nella condizione umana. 
Qui, in Brasile, l'accoglienza solidale, tollerante e comprensiva. Il risveglio quotidiano senza la paura di bombardamenti distruttivi di case e famiglie. 

Qui, i venti che soffiano verso la prosperità nel commercio, le professioni liberali, che danno la possibilità di mandare i propri figli a scuola e all'università, con un passo tranquillo per le strade lontane dagli sguardi sospettosi di ringhianti militari. Le barriere del pregiudizio non esistono, la nostalgia lascia il posto al diritto di sopravvivere in pace. Lì, in Palestina, la storia è diversa.

 
 
Il documentario è poetico. Rivela la gentilezza e l'insistenza esasperante di vite determinate a riconquistare la felicità calpestata dall'oltraggio dell'invasione. Le immagini, le testimonianze e le memorie ci portano a percorrere questi sentieri di pietre usurate dal tempo. Ci ricordano quei luoghi in cui Cristo, secondo la storia, predicava l'amore, un sentimento restituito all'oblio dagli oppressori. Quelli che furono vittime, ora lo fanno pagare a chi non c'entra niente. La macchina da presa si evolve nell'indignazione che si vede sui muri di cemento, ostinatamente macchiati di parole per la pace, la guerra e la libertà. Prima espressione, frettolosa di un popolo che persiste nel resistere a coloro per i quali il sacro è solo un artificio.

Nella zona quasi deserta in cui vivono i palestinesi, il verde è scarso e si annida negli alberi bassi e famelici, in particolare gli ulivi, i cui frutti garantiscono il reddito e l'alimentazione di migliaia di famiglie. Ma anche la loro raccolta diventa impossibile a causa delle norme abusive imposte da Israele ma anche degli atti dei coloni israeliani, che li attaccano senza pietà. Limitate da mura e posti di blocco, eppure loro, sempre loro, le città si rivelano una ad una, timide, inquiete. Mercati colorati, in un assemblaggio eterogeneo di tutti i tipi di prodotti, che incantano lo spettatore per la semplicità e la diversità delle persone che lo attraversano. Il film cattura sguardi amorevoli nonostante le disgrazie, le amicizie rafforzate dai loro legami con questa terra crocifissa.

"La Palestina brasiliana" è un incitamento alla lotta contro il dominio di un popolo su un altro, nel desiderio di uguaglianza tra i cittadini del mondo. La fotografia, con ampi panorami, consente allo sguardo di attraversare le montagne e i colori della sabbia. Le immagini in bianco e nero tratte da vecchie notizie cinematografiche, mostrano una Palestina antica, tradizionale, e ritornano sui momenti cruciali dell'arrivo dei sionisti occupanti, amari ricordi.
 
 
Al contrario, le immagini a colori evidenziano la ricostruzione di vite e luoghi. La tristezza non maschera la bellezza delle storie, di questa ostinata resistenza allo sfruttamento e all'ingiustizia. La colonna sonora incanta con la dolce malinconia che ci inonda, portandoci in un viaggio contemporaneamente reale e mistico. La delicatezza dei momenti rivelati ci risparmia le immagini tragiche della Cisgiordania e di Gaza. Gaza, circondata, è la scena più tesa in cui i palestinesi combattono una lotta per la vita e la morte contro l'apartheid.

Al termine della presentazione del documentario "La Palestina brasiliana", il canale "Curta!" ha trasmesso, poco dopo, un programma sulla vita di Nelson Mandela, che non ha mancato di ricordarmi le somiglianze nell'oppressione subita da sudafricani e palestinesi. Spero che troveranno qualcuno come Mandela per aiutarli a traccaiare la via della liberazione. Possa lo spirito del leader indimenticabile stare al di sopra della Terra, che è chiamata Santa, che, per diritto divino o no, appartiene a tutti. Per tutti questi motivi, saluto lo scrittore e regista Omar L. de Barros Filho per questo ulteriore lavoro di valore artistico e umanitario inestimabile.





Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.sul21.com.br/jornal/palestina-brasileira-liberdade-x-apartheid-por-neusa-maria-pereira/
Publication date of original article: 16/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22537

 

Tags: La Palestina BrasilianaOmar L. de Barros FilhoBrasile/PalestinaOccupazione sionistaPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.