TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 20/04/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EUROPE 
EUROPE / Tsipras, il magnifico bastardo
Date of publication at Tlaxcala: 05/01/2018
Original: Tsipras : magnifique salaud
Translations available: Ελληνικά 

Tsipras, il magnifico bastardo

Joël Périchaud

Translated by  Sollevazione

 

Per coloro che lo hanno sostenuto per molto tempo (molto e troppo), Alexis Tsipras è una palla al piede.

Si pensava che avesse oramai toccato il fondo, invece il ragazzo non finisce di stupire. Questa volta, il primo ministro greco (che i media definiscono "sinistra radicale") ha appena inviato uno straordinario messaggio di appoggio al capo dell'SPD tedesco, Martin Schulz.

Ma prima di apprezzarne contenuto e sapore, dobbiamo ricordare che Syriza è salita al potere (vincendo le elezioni di gennaio 2015) promettendo al popolo greco che avrebbe posto fine all'austerità facendo restare la Grecia nell'Unione europea e l'euro con tutti i mezzi. Una contraddizione assoluta.

Dopo sei mesi di pseudo-negoziati con la Troika (UE, BCE, FMI), Tsipras accettò ufficialmente di passare sotto le forche caudine di Bruxelles. Le misure per far sanguinare i greci furono prese molto presto. Tuttavia organizzò (all'inizio di luglio 2015) un referendum sul rafforzamento dei crudeli tagli sociali ed economici che la Troika voleva imporre. Il popolo greco votò in modo schiacciante NO (OXI) che Tsipras, imitando i suoi maestri francesi, olandesi o irlandesi, trasformò in SÌ ...

Poche settimane dopo, Tsipras firmò con la Troika e l'UE un nuovo memorandum che impose un'austerità senza precedenti: i tagli ai salari, alle pensioni, ai servizi sanitari e sociali, furono di una ampiezza mai vista in Europa in tempi di la pace. Furono accettatele  privatizzazioni, le deregolamentazioni, la cancellazione dei diritti dei lavoratori.

Lo scorso dicembre, i "partner" europei che spogliarono la Grecia hanno ottenuto la privatizzazione (dopo quella del porto del Pireo e degli aeroporti) di quattro centrali elettriche pubbliche.

 

È in questo contesto che sopraggiunge il messaggio di Tsipras al suo amico, il socialdemocratico Martin Schulz, per implorarlo che ... "in questa fase decisiva per l'UE dovrebbe accettare di rientrare in un grande coalizione guidata da Angela Merkel".

La SPD aveva escluso questa ipotesi il 24 settembre, ciò malgrado lo schiaffo che i socialdemocratici subivano dagli elettori fu clamoroso. Non c'è alcun dubbio che per i socialdemocratici tedeschi prolungare l'esperienza della "grosse coalition" potrebbe diventare suicida. Ma il fallimento dei negoziati tra il partito della Merkel, i Verdi ed i Liberali ha paralizza la politica tedesca e immerge i leader europei in uno stato di preoccupazione e inquietudine. Così, all'improvviso, Schulz ammette di aver ricevuto molti messaggi chiedendo alla SPD di ritornare con i conservatori. Tra cui, ovviamente, Emmanuel Macron.

Ma il più sottomesso e il più patetico è stato Alexis Tsipras. È vero che oramai ci siamo abituati. Per Tsipras il ripristino della grande coalizione tedesca è "una condizione indispensabile per le necessarie riforme progressive e la democratizzazione dell'Europa". Perché, continua, c'è la possibilità di "mettere sul tavolo dell'Europa un programma progressista" per salvarla.

Si ha la sensazione di sognare ... il salvataggio "progressista" dell'Europa ha la priorità su tutto e passa attraverso il rinnovo di una coalizione capeggiata da  Angela Merkel simile a quella che ha fa così tanti danni dal 2013 ... Tsipras afferma quindi che "una vera posizione di sinistra è impegnarsi a cambiamenti e riforme reali, non a tenere pulita la propria identità". Il che farà molto piacere ai suoi amici della  "sinistra di sinistra" francese che ancora appoggiano il loro "eroe".

Tsipras, il miglior alunno dell'UE e la Troika, indossava già il berretto da somaro ... Ora può ficcarsi in testa il casco a punta più adatto ai bastardi come lui.





Courtesy of Sollevazione
Source: http://www.pardem.org/actualite/en-bref/771-tsipras-magnifique-salaud
Publication date of original article: 04/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22387

 

Tags: TsiprasSocialdemocraziaGrecia-GermaniaMartin SchulzMerkelUEropa
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.