TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 24/10/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 UNIVERSAL ISSUES 
UNIVERSAL ISSUES / L'inganno delle armi 'intelligenti': Vittime civili dei bombardamenti aerei “di precisione” in Iraq ed in Siria
Date of publication at Tlaxcala: 14/12/2017
Original: The Smart Weapons Fallacy: Civilian Casualties From “Precision” Air Strikes in Iraq and Syria

L'inganno delle armi 'intelligenti': Vittime civili dei bombardamenti aerei “di precisione” in Iraq ed in Siria

Patrick Cockburn

Translated by  Matteo D´Amico

 

L’eliminazione definitiva dell’Isis in Iraq ed in Siria è vicina, ma, benché possa essere la sconfitta di questi mostruosi movimenti, è stata raggiunta solo a costo di grandi distruzioni e perdite di vite umane. Questa è la nuova faccia della guerra che i governi cercano di nascondere: un numero limitato di truppe da combattimento a terra chiama devastanti attacchi aerei compiuti dagli aeroplani, dai missili e dai droni, siano essi americani o russi, per spianare la strada alla loro avanzata.



Tutto il mio duro lavoro sembra passare inavvertito-Tom Steglich

I governi fingono che le guerre aeree oggi siano molto diverse dal Vietnam mezzo secolo fa quando le città erano notoriamente “distrutte per poter essere salvate”. In questi giorni le forze aeree – siano gli americani in Iraq, i russi in Siria od i sauditi in Yemen – affermano che queste distruzioni di massa non avvengono più grazie alla maggiore precisione delle loro armi: usando un singolo cecchino, una stanza in una casa può presumibilmente essere colpita senza danneggiare una famiglia che si accovaccia terrorizzata nella stanza accanto.

La vendita di armi di alta precisione molto costose a paesi come l’Arabia Saudita è persino giustificata come misura umanitaria volta a ridurre le vittime civili. Le public relations sono cambiate ma non la realtà. Nonostante le affermazioni di una maggiore accuratezza, le foto dei droni di Mosul ovest assomigliano molto alle immagini di Aleppo est, Raqqa o di grandi parti di Damasco, dove ogni edificio è sventrato o ridotto a cumuli di mattoni rotti intervallati da crateri.

Il problema per i giornalisti o le organizzazioni per i diritti umani è che è quasi impossibile verificare le affermazioni delle vittime o le smentite dei presunti colpevoli al momento. I testimoni, quando non sono morti, sono fuggiti o sono troppo spaventati per parlare; i governi, gli eserciti regolari e le forze aeree probabilmente se la caveranno se si nasconderanno dietro ad un diretto rifiuto di aver fatto qualcosa di sbagliato. Anche se alla fine emergessero informazioni dannose, l’interesse dei mezzi di informazione si sarà già spostato e l’interesse pubblico sarà stato lieve. E’ stato frustrante durante le ultime settimane dell’assedio di Mosul, che è durato nove mesi, sapere che c’era stata una pesante perdita di vite di civili grazie agli attacchi aerei, sostenuti dalle forze irachene nella città vecchia, ma era impossibile dimostrarlo.

Ero in contatto con il cellulare con due persone diverse intrappolate dietro le linee dell’Isis che si trovavano di fronte al dilemma di restare dov’erano e di essere uccisi dai bombardamenti, o di cercare di fuggire verso il territorio governativo e rischiare di essere uccisi dai cecchini dell’Isis. I due uomini hanno preso decisioni diverse, ma nessuno dei due è sopravvissuto. Uno è stato ucciso dall’Isis mentre lui e sua madre si sono uniti ad un gruppo che cercava di fuggire attraverso il Tigri usando pneumatici perché non potevano nuotare. Il secondo uomo è stato ferito in un attacco aereo e ucciso da un secondo nelle ultime settimane dell’assedio. La maggior parte dei parenti dei due uomini erano morti al momento in cui l’assedio è finito.

Fortunatamente alcuni giornalisti continuano a guardare ciò che è realmente accaduto in battaglie come Mosul molto tempo dopo che il resto dei media ha spostato la sua attenzione altrove. Joel Wing, nel giornale online  Musings on Iraq, scrive che nuove informazioni sulle vittime aumentano, “il numero totale di morti durante l’operazione [per catturare la città di Mosul e l’area circostante] ammonta a 21.224 e 30.996 feriti. 17.404 nella prima e 24.580 in quest’ultima. I nuovi numeri hanno evidenziato il fatto che ci sono ancora molte altre vittime non documentate in quanto il numero dei  feriti dovrebbe essere da quattro a sei volte più alto del numero dei morti. Anche se sottrai le 5.325 persone che sono state giustiziate dallo Stato islamico, ciò significherebbe comunque che per i combattimenti dovrebbero esserci circa 60.000-90.000 feriti “.

Il numero sembra alto ma è credibile, tenendo conto dell’uso dell’artiglieria tradizionale e dei lanciarazzi multipli russi nell’attacco ad ovest di Mosul. Le vittime di attacchi aerei sono aumentate, anche perché le regole per le truppe di terra che hanno lanciato attacchi aerei sono state allentate prima che iniziasse l’attacco a ovest di Mosul.

L’Isis stava uccidendo civili che cercavano di fuggire dalla ristretta enclave da loro detenuta e molte più persone erano confinate in un piccolo numero di case, quindi se una  fosse stata colpita il numero di vite umane perse sarebbe stato alto. Ancor prima che questo accadesse, molti più civili erano uccisi dagli attacchi aerei di quanto non ammettesse la coalizione aerea guidata dagli Stati Uniti. L’unico modo per ottenere la verità è guardare un grande campione di attacchi aerei sul terreno e vedere se sono stati segnalati dalla coalizione ed, in tal caso, quanto è accurato quel rapporto. Questo è stato fatto per la prima volta da Azmat Khan e Anand Gopal, che hanno visitato i siti di circa 150 attacchi aerei nel nord dell’Iraq tra aprile 2016 e giugno 2017.

In un lungo studio chiamato “The Uncounted”, pubblicato sul New York Times del 16 novembre, hanno raggiunto conclusioni devastanti. Scrivono che “abbiamo scoperto che uno su cinque degli attacchi della coalizione che abbiamo identificato ha provocato la morte di civili, un tasso di 31 volte più alto di quello  riconosciuto dalla coalizione”. Aggiungono che quando si parla di morti civili questa “potrebbe essere la guerra meno trasparente della recente storia americana”.

La coalizione ha negato che molti degli attacchi aerei che avevano ucciso quelle persone siano mai avvenuti, ma i giornalisti hanno scoperto che c’erano video di alcuni dei bombardamenti sul canale YouTube della coalizione, sebbene questi affermassero di mostrare la distruzione degli obiettivi dell’Isis. Quando lo hanno sottolineato, i video sono stati ritirati in silenzio. Il quadro che la coalizione ha presentato della sua offensiva aerea si rivela essere una finzione. In un campione di una zona residenziale chiamata Qaiyara, vicino alla città di Mosul, la coalizione ha affermato di aver ucciso un solo civile nella o vicino alla città e l’aviazione militare irachena ha detto di non aver ucciso nessuno.

Si è scoperto che c’erano stati 40 attacchi aerei in quest’area che avevano ucciso 43 civili, di cui 19 uomini, otto donne e 16 bambini, di 14 anni o più giovani. In circa un terzo dei fatali attacchi, l’Isis si trovava in prossimità dei civili, ma in metà dei casi non vi era stata alcuna presenza Isis riconoscibile. Dove c’era la prova di presenza dell’Isis, spesso l’informazione era inconsistente e vecchia: in un caso una famiglia di sei persone era stata strappata via ad un bambino di due anni perché un informatore locale aveva visto un mortaio vicino alla loro casa anche se era stata portato via molto prima dell’attacco. L’importanza di questo studio è grande perché per la prima volta può essere mostrato ciò che sta realmente accadendo in una serie di guerre in Medio Oriente a partire dall’Afghanistan nel 2001. Non esistono attacchi aerei di precisione.

La coalizione ha affermato che solo uno su 157 dei suoi 14.000 attacchi aerei in Iraq dal 2014 ha provocato la morte di un civile, ma le prove sul campo mostrano che il tasso reale è di uno su cinque. La rassicurante affermazione dei comandanti aerei americani e britannici secondo cui le armi intelligenti consentono loro di evitare l’uccisione di civili è semplicemente falsa. 





Courtesy of Comedonchisciotte
Source: https://www.counterpunch.org/2017/12/04/the-smart-weapons-fallacy-civilian-casualties-from-precision-air-strikes-in-iraq-and-syria/
Publication date of original article: 04/12/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22273

 

Tags: GuerraSiriaIraqArmi IntelligentiMosulRaqqaAleppo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.