TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 20/11/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Haiti: dalla tratta al debito
Date of publication at Tlaxcala: 10/11/2017
Original: Haïti : De la traite à la dette
Translations available: English  Español 

Haiti: dalla tratta al debito

Jérôme Duval Жером Дюваль جيروم دوڥال

Translated by  Alba Canelli

 

L'isola delle Indie Occidentali non è in debito, è creditrice. È la Francia che le deve dei soldi. Spiega Jerome Duval, CADTM.

La miseria dei paesi colonizzati è notevolmente aumentata a causa del trasferimento del debito: i debiti contratti dalle potenze coloniali con la Banca Mondiale per massimizzare la redditività nelle loro colonie, sono stati trasferiti, senza il loro consenso, ai paesi colonizzati che hanno guadagnato la loro indipendenza. Essi costituiscono un caso di debito odioso, nonché i successivi debiti contratti per rimborsarli.

La rivolta del 23 agosto 1791, di Ulrick Jean-Pierre

A Santo Domingo, nella notte del 22-23 agosto 1791, decine di migliaia di schiavi entrarono contemporaneamente in insurrezione armata, provocando un lungo processo che condusse alla prima abolizione della schiavitù nella storia, il 29 Agosto 1793, e alla proclamazione dell'indipendenza. Santo Domingo, recuperando poi il nome di Haiti, diventa la prima repubblica nera indipendente nel 1804, caso unico nella storia di una rivolta di schiavi che hanno dato vita a uno Stato. La Francia probabilmente non ha mai perdonato questa insurrezione, con conseguente perdita di entrate del suo sistema schiavista e migliaia di piantagioni di zucchero e caffè distrutte. Haiti la paga molto cara: nel 1825 il paese è costretto a pagare a Francia 150 milioni di franchi d'oro (il bilancio annuale della Francia al momento) destinato a "compensare" i vecchi colonizzatori che dominavano gli schiavi, per la perdita di "proprietà" in cambio del riconoscimento della sua esistenza come stato-nazione. La sanzione è stata imposta sotto la minaccia dell'invasione militare: il 17 aprile 1825, una flotta di 14 navi da guerra si ammassarono sulla costa di Port-au-Prince, pronta ad intervenire, lasciando presagire un possibile restauro della schiavitù caso di insubordinazione.

Questo pagamento estorto al popolo haitiano per "osato" raggiungere l'indipendenza, è stato rinegoziato tredici anni dopo, nel 1838, a 90 milioni dopo un accordo scandalosamente denominato "Trattato di amicizia". Mettendo generazioni sotto il peso di un debito illegittimo, Haiti, che ha lottato per molti anni per emanciparsi dalla tutela francese e liberarsi dalla schiavitù, pagherà, dal 1825 al 1893, fino all'ultimo centesimo del riscatto ai suoi ex coloni. Per Louis-Georges Tin, presidente del Consiglio Rappresentante delle Associazioni Nere (Cran), "i soldi devono tornare nello Stato haitiano e nella società civile haitiana. È giunto il momento di riparare questa doppia punizione subita dall'isola, dalla schiavitù e dal riscatto. La disgrazia di Haiti è dovuta al pagamento di questi 90 milioni di franchi oro che hanno costretto il paese a indebitarsi per decenni.
 

Haiti ha completato il rimborso del prestito contratto nel 1825 per compensare i coloni nel 1893

Nessuna scusa, nessuna riparazione, nessuna restituzione: inutile, la Francia riscatta la gente

Nell'aprile 2003, in occasione del bicentenario della morte di Toussaint Louverture, il presidente Jean-Bertrand Aristide afferma che è la Francia che ha un debito verso Haiti e non il contrario. Ha chiesto "restituzione e riparazione" per i danni commessi dalla schiavitù e dal riscatto richiesto nel 1825. Richiede alla Francia 21 miliardi di dollari, il valore capitalizzato dei 90 milioni di franchi d'oro pagati come tributo. Ma dopo l'intervento politico e militare franco-americano che ha portato al rovesciamento di Aristide nel febbraio 2004, i diversi regimi che si succedono alla testa dello Stato haitiano, abbandoneranno la richiesta di restituzione.
 
Sarà necessario attendere il terremoto del 12 gennaio 2010, che causò almeno 250.000 morti e quasi 1,3 milioni di senzatetto, affinché un presidente francese decida di percorrere per la prima volta il territorio della sua ex colonia dopo l'indipendenza dell'isola nel 1804. Così, dopo aver lasciato passare più di un mese dopo il terremoto, Nicolas Sarkozy effettua una rapida visita di appena quattro ore il 17 febbraio. E' l'occasione per fare apologia del settore privato francese, rendendo omaggio a Suez e Veolia che "riparavano tubi d'acqua" o EDF che "ripristinavano l'illuminazione pubblica". E per annunciare circa 326 milioni di euro di aiuto. Di questa somma non saranno mobilitati 56 milioni perché è una cancellazione contabile del Club di Parigi del debito bilaterale che l'isola ha contratto nei confronti della Francia.

La generosa dichiarazione di cancellazione del debito da parte di Sarkozy come risposta al disastro fa parte di un meccanismo di sbiancamento del debito. Inoltre, questa non è una novità in quanto questa decisione è in realtà datata luglio 2009, dopo che Haiti raggiuge i parametri dell'Iniziativa dei paesi poveri fortemente indebitati (Iniziativa HIPC rafforzata) il 30 giugno 2009. La Banca Mondiale non annulla il rimborso di 38 milioni di dollari, ma lo sospende per cinque anni e il FMI decide di dare 100 milioni di dollari "aiuto" sotto forma di ... prestito, certamente senza interessi, ma che dovrà essere rimborsato. Siamo lontani dai 21 miliardi di dollari reclamati da Aristide e dai movimenti sociali come la Piattaforma haitiana per lo Sviluppo Alternativo (PAPDA).
 
Sfruttando l'occasione, un gruppo di militanti battezzati Comitato per il rimborso immediato dei trilioni mancanti (CRIME, l'acronimo in francese) lancia nel luglio 2010 una beffa e annuncia su un falso sito del Ministero francese degli affari esteri l'intenzione della Francia di restituire agli Haitiani il 14 luglio le somme indebitamente percepite. Niente. Nonostante una lettera aperta al presidente francese Sarkozy, la Francia continua a rifiutare di restituire il debito storico ad Haiti. La Francia, tuttavia, ha una grande responsabilità nella situazione economica di Haiti e nello stato di povertà in cui si trova la sua popolazione. Ad esempio, quando concede lo status di rifugiato politico e l'immunità a Jean-Claude Duvalier, esiliato in Costa Azzurra dopo 29 anni di dittatura da padre a figlio, con una fortuna di 900 milioni di dollari rubati nelle casse dello stato haitiano, un importo superiore a quello del debito estero del paese stimato a 750 milioni di dollari nel 1986.
 

Port-au-Prince, 12 maggio 2015. Foto Jean-Claude Coutausse

Menzogna e aberrazione del "debito morale" di Hollande
 
Senza dubbio, non è un caso che sono passati più di due secoli dall'indipendenza dell'isola prima che un capo di stato francese, facesse il suo primo viaggio ufficiale ad Haiti. La visita del presidente François Hollande il 12 maggio del 2015 è stata accolta dai dimostranti che chiedono alla Francia la "compensazione" e la "restituzione" della somma versata da Haiti per la sua indipendenza. "Hollande, il denaro sì, la moralità no", poteva essere letto sugli striscioni, in riferimento al discorso pronunciato qualche giorno prima dal capo dello Stato in visita a Guadalupa il 10 maggio. 
 
Suscitando molte speranze in Haiti, aveva detto: "Quando verrò ad Haiti, pagheremo il debito che abbiamo". Ma in realtà Hollande ha voluto parlare solo di "debito morale" e non di restituzione dei miliardi che Haiti ha pagato alla Francia. Come ha detto Louis-Georges Tin, autore del libro Esclavage et réparations, comment faire face aux crimes de l’histoire (Schiavitù e Riparazioni, come affrontare i crimini della storia), come affrontare i reati della storia (Stock, 2013): 
"Il pentimento è un problema morale o religioso; la riparazione è un problema economico e politico". 
Le Nouvelliste, giornale principale dell'isola, che scrive: "... di questo debito morale, Haiti non ha mai chiesto il risarcimento. È irreparabile, siamo d'accordo. Lo lasceremo come una macchia sulla cresta del civilizzato". ma va oltre: "... la Francia ha anche un debito finanziario nei confronti di Haiti. Questo debito è un caso unico nella storia. Questa è l'unica volta che i vincitori hanno pagato un tributo ai vinti". 
 
Ed è di questo riscatto pagato durante il diciannovesimo secolo che bisogna parlare, poiché ha ostacolato l'economia haitiana, ha strangolato il suo sviluppo e ha ulteriormente ipotecato il suo futuro.
Il governo francese preferisce chiedere alla popolazione di perdonare e dimenticare le questioni che offuscano il passato piuttosto che capire finalmente che Haiti non è debitore, ma un creditore 




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://www.politis.fr/articles/2017/09/haiti-de-la-traite-a-la-dette-37581/
Publication date of original article: 19/09/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22039

 

Tags: HaitiDebitoDebito odiosoFranciaBanca MondialeCADTMFMIColonialismoIndipendenzaTratta degli schiaviJean-Bertrand AristideJean-Claude DuvalierSarkozyHollande
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.