TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 24/11/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Il peccato originale di Balfour
Date of publication at Tlaxcala: 02/11/2017
Original: Balfour’s Original Sin
Translations available: Español  Français 

Il peccato originale di Balfour

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Frammenti vocali in MO: Israele e Palestina

 

Non c’è mai stato niente di simile: un impero ha promesso una terra, che non aveva ancora conquistato, a un popolo che non vi viveva senza chiederlo agli abitanti.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_17346.jpg

Non c’è altro modo per descrivere il colonialismo temerario e incredibile della dichiarazione Balfour. I primi ministri di Israele e Gran Bretagna celebreranno l’enorme successo sionista questa settimana.  

Cento anni di colonialismo, prima inglese e poi, ispirato da esso, israeliano si è realizzato a scapito di un altro popolo. Questo è il suo infinito disastro. La dichiarazione di Balfour avrebbe potuto essere un documento giusto se avesse promesso di trattare nello stesso modo sia le persone che sognavano la terra sia le persone che vi abitavano, ma  la Gran Bretagna ha scelto  i sognatori, quasi nessuno dei quali viveva  nel paese, non i   suoi abitanti vissuti  lì  da  centinaia di anni e  che costituivano la maggioranza assoluta. Non ha concesso loro alcun diritto nazionale.

Così la Gran Bretagne ha seminato i semi della calamità i cui frutti velenosi stanno mangiando entrambi i popoli. Questa non è una causa da festeggiare piuttosto, nel 100° anniversario della dichiarazione, ci dovrebbe essere  una richiesta per riparare  un’ingiustizia mai  riconosciuta né  dalla Gran Bretagna  né  da Israele.

 
 Foreign Office
2 novembre 1917
Egregio Lord Rothschild,

È mio piacere fornirle, in nome del governo di Sua Maestà, la seguente dichiarazione di simpatia per le aspirazioni dell'ebraismo sionista che è stata presentata, e approvata, dal governo.

"Il governo di Sua Maestà vede con favore la costituzione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico, e si adopererà per facilitare il raggiungimento di questo scopo, essendo chiaro che nulla deve essere fatto che pregiudichi i diritti civili e religiosi delle comunità non ebraiche della Palestina, né i diritti e lo status politico degli ebrei nelle altre nazioni".

Le sarò grato se vorrà portare questa dichiarazione a conoscenza della federazione sionista.
Con sinceri saluti
Arthur James Balfour 
 

La discriminazione contro gli arabi d’Israele e l’occupazione dei palestinesi sono la continuazione diretta della lettera. Il colonialismo britannico ha preparato la strada per il colonialismo israeliano. Certo la Gran Bretagna ha diffuso promesse contradditorie, includendo gli arabi, negli anni della prima guerra mondiale, ma le sue promesse si sono solo realizzate per gli ebrei. Come Shlomo Avineri ha scritto nell’edizione ebraica di Haaretz, il suo obiettivo principale era ridurre al minimo l’opposizione ebraica americana alla partecipazione statunitense alla guerra.

Qualunque sia il motivo, dopo la dichiarazione Balfour, altri ebrei immigrarono in questo paese. Al  loro arrivo hanno cominciato ad agire come sovrani e non hanno ancora cambiato atteggiamento nei confronti degli abitanti non ebrei fino ad oggi. Balfour li ha lasciati fare. 

Non a caso un piccolo gruppo di ebrei sefarditi che vivono in Palestina si oppose  a Balfour  cercando  la parità con gli arabi, come ha scritto Ofer Aderet  su Haaretz. Non a caso sono stati silenziati. Balfour ha permesso alla minoranza ebraica di impadronirsi del paese, ignorando i diritti nazionali di un altro popolo che aveva vissuto in questa terra per generazioni.

Esattamente 50 anni dopo la dichiarazione Balfour, Israele ha conquistato la Cisgiordania e Gaza. Ha invaso questi territori con gli stessi metodi colonialisti e continua la sua occupazione ignorando i diritti degli abitanti.

Se Balfour fosse vivo, oggi si sentirebbe a proprio agio nel partito Habayit Hayehudi, come  evidenzia il  suo discorso al Parlamento britannico  nel 1922. Nel 100° anniversario della Dichiarazione di Balfour i nazionalisti dovrebbero inchinare la testa per ringraziare chi ha dato origine alla superiorità ebraica in questo paese: Lord Balfour. I Palestinesi e gli ebrei che cercano la giustizia dovrebbero piangere. Se non avesse formulato la sua dichiarazione come ha fatto, forse questo paese sarebbe diverso e più giusto.





Courtesy of Frammenti vocali in MO
Source: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-1.819539
Publication date of original article: 28/10/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=21975

 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.