TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 19/10/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / 12 ottobre: ​​niente da festeggiare
Date of publication at Tlaxcala: 12/10/2017
Original: 12 de Octubre: nada que celebrar

12 ottobre: ​​niente da festeggiare

Doly Enríquez

Translated by  Alba Canelli

 

Nel 1492, i bianchi arrivarono a rubare le nostre terre. Poi (1538) ne arrivarono sempre di più e cercavano di sterminare i Paeces, Pijaos e Guambianos (1). Più tardi è venuto un uomo bianco chiamato Pedro de Añasco. Appena è venuto a rubare l'oro e la terra, ha cominciato uccidendo un figlio di una Cacica Páez (2) chiamata La Gaitana (3).

 "L'America non è stata scoperta, è stata invasa e saccheggiata... In America esistevano già civilizzazioni!"

Nel 1886 arrivò l'invasione europea della chiesa nell'educazione, evangelizzando e riducendo la popolazione indigena, imponendo le proprie abitudini straniere, con i divieti sulle lingue native, le tradizioni e le pratiche della visione del mondo andino e il nostro rapporto con la Madre Terra.
Spezzarono la nostra cultura, colpendo i territori, distruggendo l'identità indigena, smantellando il tessuto sociale e culturale ancestrale.
 
In Colombia più di 200 lingue native sono state perse con l'arrivo degli spagnoli, sterminando i saperi ancestrali dei popoli nativi.
 
Yanakuna, Nasa, Totoróez, Kokonuko, Eparara, Siapidara, Tule, Huitoto, Koreguaje, Makaguaje, Arwakos, Kogui, Embera, Wayuú fanno parte delle 109 nazioni indigene della Colombia che da più di 5 secoli sono state invase, disprezzate e violate.
 
La Legge 89 del 25 novembre 1890 - DIRITTO PROPRIO, secondo la Costituzione del 1991, dei trattati e degli accordi internazionali firmati dallo Stato colombiano ed altri, sui Diritti dei Popoli Indigeni; garantisce la sopravvivenza dei nostri diritti come Popoli originari; esistono più di 5.000 gruppi indigeni in 90 paesi.
 
Di fronte ai monopoli, alle multinazionali che invadono i nostri luoghi sacri, di fronte a tutte le violenze esercitate sulla nostra Madre Terra, continuiamo con le nostre tradizioni di visione del mondo, conoscenze ancestrali, adorazione delle nostre Dee e Dei: Madre Terra, Nonna Killa (luna), Taita Inti (sole), le stelle, l'acqua, le lagune e luoghi sacri dei nostri cerimoniali.
 
 
N.d.T.
(1) Popoli nativi colombiani
(2) Indigena Páez (singolare di Paeces), o anche Nasa (= gente), membro del gruppo etnico Paeces della Colombia
(3) Gaitana era un'eroina indigena del XVI secolo, cacica di Timaná nelle Ande colombiane, che ha guidato il suo popolo contro i conquistatori spagnoli tra il 1539 e il 1540  




Courtesy of Tlaxcala
Publication date of original article: 12/10/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=21781

 

Tags: ColombiaPopoli IndigeniAmerica LatinaAbya YalaColonialismoCulturaDirittiDiritti Umani
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.