TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 17/10/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 LAND OF PALESTINE 
LAND OF PALESTINE / Gaza: l’esperimento israeliano su esseri umani costretti in situazioni di stress e deprivazione estremi
Date of publication at Tlaxcala: 16/07/2017
Original: Gaza: Israel's experiment on humans in a situation of extreme stress and deprivation
Translations available: Español  Français 

Gaza: l’esperimento israeliano su esseri umani costretti in situazioni di stress e deprivazione estremi

Gideon Levy جدعون ليفي גדעון לוי

Translated by  Cristina Alziati

 

Sotto i nostri occhi è in corso uno dei più grandi esperimenti mai condotti al mondo su esseri umani, e il mondo tace. Il test è giunto al culmine e il mondo mostra disinteresse.

Questo esperimento non è stato autorizzato da nessuna istituzione scientifica internazionale, la cui supervisione è invece necessaria secondo la Dichiarazione di Helsinki; lo scopo è di indagare il comportamento umano in situazioni di stress e deprivazione estremi.

Il gruppo sperimentale non comprende pochi individui, non dozzine o centinaia, migliaia o decine di migliaia, centinaia di migliaia di persone: la popolazione sotto esperimento conta almeno due milioni di esseri umani.

Ad oggi, hanno sostenuto egregiamente la prova. La pentola a pressione in cui sono confinati non è ancora esplosa, sebbene sia evidente qualche turbolenza al suo interno. La striscia di Gaza è tenuta sotto osservazione per vedere quando e come, infine, esploderà. Sembra sia solo questione di tempo.

Per Israele, l’Autorità palestinese e l’Egitto si presenta così: cosa accade a due milioni di esseri umani quando si sottrae loro la corrente elettrica per quasi tutte le ore del giorno e della notte? Cosa succede in inverno, in primavera e soprattutto adesso, nella mostruosa calura dell’estate mediorientale?

Come tutti gli esperimenti simili, anche questo procede per gradi. L’acqua in cui si cucina la bestiola va scaldata e portata a bollitura in maniera graduale.

All’inizio hanno privato Gaza di corrente elettrica per un terzo delle 24 ore quotidiane, quindi per circa la metà, ora hanno abbassato il livello così da fornire elettricità ai due milioni di residenti per due ore e mezzo soltanto al giorno. Si sta a vedere cosa questo possa far loro. Si guarda come reagiscono. E quando si fornirà loro energia elettrica per una sola ora al giorno? O alla settimana? L’esperimento è ancora al primo stadio, non è possibile prevederne gli esiti.

Il test si svolge in un pezzo di terra fra i più maledetti al mondo. Lungo quaranta chilometri, largo fra i 5,7 e i 12, 5 chilometri, con una superficie totale di 365 chilometri quadrati, la striscia di Gaza è uno dei luoghi più densamente abitati sulla faccia della terra. Secondo la CIA, nel luglio 2016 vi si contava un milione e 700 mila persone; l’Autorità palestinese riferisce di due milioni di residenti nell’ottobre 2016. In ogni caso, un milione di costoro sono considerati rifugiati, o figli o nipoti di rifugiati, la metà dei quali vive tuttora in campi profughi. In confronto ad altri campi profughi presenti nel mondo arabo, quelli di Gaza sono ritenuti particolarmente miserevoli, se si eccettuano i campi palestinesi in Siria e in Libano. I rifugiati di Gaza furono espulsi da Israele, o ne fuggirono, nel 1948; e costituiscono circa un quinto dei rifugiati palestinesi del mondo intero.

Questa gente raramente ha conosciuto significativi periodi di tranquillità, sicurezza, minimo benessere economico. La situazione in cui versa attualmente è probabilmente giunta al suo peggio, al massimo della disperazione; secondo una relazione Onu, in capo a due anni e mezzo circa, verso il 2020, la striscia di Gaza non sarà più abitabile, soprattutto a causa del problema dell’acqua, che si acuisce progressivamente. I nuovi tagli alla fornitura di energia elettrica aggravano il dramma di questi esseri umani finché continua l’esperimento.

Inoltre, negli ultimi dieci anni questa striscia di terra oppressa è stata trasformata in una gabbia, la più grande al mondo.

Continua a leggere

-Bene, abbiamo già tagliato la corrente e il gas. Cos’altro?
-Le teste !
Vignetta di Carlos Latuff





Courtesy of Assopace Palestina
Source: http://www.middleeasteye.net/columns/gaza-israels-experiment-humans-situations-extreme-stress-and-deprivation-20176004
Publication date of original article: 30/06/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=20948

 

Tags: Assedio de GazaCrimini di guerra sionistiPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.