TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 21/07/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ASIA & OCEANIA 
ASIA & OCEANIA / Il dramma dei Rohingya: Birmania, Mohammed come Aylan annegato durante la fuga dalla guerra
Date of publication at Tlaxcala: 06/01/2017
Translations available: Deutsch 

Il dramma dei Rohingya: Birmania, Mohammed come Aylan annegato durante la fuga dalla guerra

Paolo Salom

 

Il padre del bimbo rivela l’accaduto in un’intervista trasmessa alla Cnn: l’attacco dei birmani e poi il fiume da attraversare diretti al campo di raccolta in territorio bengalese

Si era detto: mai più. E invece ci ritroviamo ancora una volta a osservare sgomenti il corpicino di un bambino riverso nel fango della battigia, pochi stracci addosso, forse un pannolino. La sua vita si è spenta nelle acque limacciose del fiume Naf, mentre con la madre, il fratellino e lo zio cercava di sfuggire a un destino di persecuzione e sofferenza, quel destino che si è appiccicato addosso al popolo Rohingya come le mosche al miele. Mohammed Shohayet aveva 16 mesi soltanto e forse una vaga idea di che cosa fosse l’esistenza.

Come per il piccolo Aylan Kurdi, trovato su una spiaggia turca nel settembre 2015, annegato mentre cercava di sfuggire con la famiglia alla guerra civile in Siria, l’immagine sta facendo il giro del mondo, di social media in social media, suscitando emozione e anche rabbia. Perché un bambino non dovrebbe morire così. Ma quanti Mohammed hanno conosciuto questa fine nelle acque calde ma infide che separano, prima di gettarsi nel Golfo del Bengala, la Birmania dal Bangladesh? Da tempo organizzazioni umanitarie come Amnesty International e Human Rights Watch stanno cercando di sollevare il velo di omertà che cela al mondo quanto sta accadendo nello Stato birmano di Rakhine, all’estremo occidente. Persino una dozzina di premi Nobel hanno levato la loro voce — nella forma di una lettera aperta a un altro premio Nobel, Aung San Suu Kyi, ora al vertice del governo nel Paese del Sud-Est asiatico — , perché si faccia finalmente qualcosa per fermare le uccisioni indiscriminate, i bombardamenti di poveri villaggi da parte di moderni elicotteri da guerra, la caccia all’uomo che ha spinto migliaia di Rohingya a cercare rifugio oltre confine, con i rischi che le fughe organizzate così portano con sé. La risposta delle autorità birmane finora è stata monocorde: «È tutto inventato, solo propaganda». Anche Aung San Suu Kyi, un tempo paladina dei diritti umani, oggi criticata per la sua indifferenza al problema, si è limitata ad attribuire alle «esagerazioni dei media occidentali» le notizie che denunciano un «vero e proprio genocidio ai danni dei Rohingya».

 

La storia di Mohammed Shohayet — se sarà confermata da fonti indipendenti — solleva il velo su una realtà di sofferenza e disperazione. È stato il padre del bambino a rivelare quanto accaduto in un’intervista trasmessa alla Cnn. L’emittente ha precisato come, dal momento che lo Stato di Rakhine è chiuso ai giornalisti e agli operatori umanitari, «non sia stato possibile verificare l’autenticità di quanto riferito». Restano le immagini, la fotografia di un bimbo abbandonato nel fango e la parole di Zafor Allam, giovane padre rimasto solo. «Sono scappato con la mia famiglia — ha detto alla Cnn —. Il nostro villaggio è stato colpito dalle raffiche degli elicotteri. Non potevamo restare: chi è rimasto a casa è stato ucciso dai soldati birmani, bruciato. Questo è accaduto ai miei nonni». La fuga di villaggio in villaggio, attraverso la giungla. E poi quel fiume da attraversare per arrivare al campo di raccolta di Leda, a Teknaf, in territorio bengalese. Prima il papà, per verificare che tutto sia a posto. Poi gli altri: «Ma quando stavano tutti per salire sulla barca la polizia ha cominciato a sparare». Il panico ha fatto il resto, la barca non ha retto, si è rovesciata nella corrente. E chi non sapeva nuotare, è sparito nei mulinelli grigi di fango, per essere poi depositato in un’ansa del fiume, nel fango più simile alle sabbie mobili che abbondano nelle pagine di Salgari ambientate proprio in questa regione.

I Rohingya sono, oggi, una minoranza negletta della Birmania multietnica. Un milione di non cittadini: il governo li considera “immigrati clandestini” dal Bangladesh anche se gran parte di loro vive da generazioni nel Paese. Di fede musulmana, sono stati presi di mira anche dai nazionalisti buddhisti, come il monaco Virathu, considerato il leader antimusulmano più influente (e impunito) del Paese: pogrom, omicidi, persecuzioni. E il silenzio di Aung San Suu Kyi.

 





Courtesy of Corriere della Sera
Source: http://www.corriere.it/esteri/17_gennaio_05/piccolo-mohammed-annegato-la-fuga-villaggio-cae78df4-d2d8-11e6-af42-cccac9ae7941.shtml
Publication date of original article: 05/01/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=19623

 

Tags: RohingyaGenocidioBirmania/MyanmarMusulmaniBangladeshDiritti umaniAung San Suu Kyi
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.