TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 23/04/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Lettera aperta al Presidente Juan Manuel Santos del Segretariato Nazionale delle FARC-EP
Date of publication at Tlaxcala: 23/11/2016
Original: Carta abierta al Señor Presidente Juan Manuel Santos, por el Secretariado Nacional de las FARC-EP
Translations available: Français  English  Português  Deutsch 

Lettera aperta al Presidente Juan Manuel Santos del Segretariato Nazionale delle FARC-EP

FARC-EP

 

La situazione é estremamente drammatica e preoccupante: più di 200 morti dall’inizio dell’anno, in una situazione di totale impunitá. Un nuovo genocidio contro leader sociali e contadini é stato messo in moto.

Signor Presidente,

A poche ore dalla firma dell’Accordo Finale tra il Governo da lei presieduto e le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia FARC-EP, il dolore e l’indignazione ci hanno obbligato a inviarle questa lettera pubblica perché lei, altrettanto pubblicamente, faccia chiarezza e affermi la sua posizione e impegno, non con le FARC ma con il popolo colombiano in generale, in relazione al “Plan Pistola” che si sta implementando contro dirigenti popolari in tutto il paese.

La situazione é estremamente drammatica e preoccupante: più di 200 morti dall’inizio dell’anno, in una situazione di totale impunitá. Un nuovo genocidio contro leader sociali e contadini é stato messo in moto.

Ecco quanto è successo questa settimana :

-Attentato contro Argemiro Lara di FENSUAGRO in Sincelejo

- Assassinato di Erley Monroy dirigente ASCAL-G a San Vicente del Caguan, Caquetá

- Attentato contro Danilo Bolaños, leader di ASTRACAN a Nariño, mentre si apprestava a partecipare ad un Cabildo per la Pace

- Assassinato di Didier Losada Barreto, dirigente contadino a San Juan del Losada, area di San Vicente del Caguán

-Attentato contro Víctor Hugo Cuéllar a San Vicente del Caguán, Caquetá

- Hanno appena assassinato Rodrigo Cabrera, fratello del leader delle vittime di Policarpa, Nariño

La situazione è così grave che nelle ultime 48 ore si sono verificati tre morti e due attentati.

Signor Presidente, é notoriamente risaputo che dietro a questi omicidi selettivi e di carattere politico ci sono gli stessi che hanno goduto di denaro, potere e privilegi, grazie alla guerra fratricida che per oltre 52 anni ha insanguinato il paese; sono gli stessi per i quali non c’è, nè ci sará nessun accordo di pace che li soddisfi, non importa quanto sia buono, perchè quello che vogliono é che la guerra continui, per poter continuare ad accumulare privilegi e potere.

L’intera Colombia ricorda che lei, in un atto di valore morale, ha riconosciuto la colpevolezza dello Stato nello sterminio di piú di cinquemila leader della Unión Patriótica. Questo é un passo importante nel processo di riparazione, peró nessuno si spiega perché, se c’è volontá di farla finita con la guerra sporca, non si prendano le decisioni che davvero disarticolerebbero il paramilitarismo.

Non é ammissibile che, con nomi quali “Los Úsuga” o “Águilas Negras”, si mantenga una cortina di fumo per nascondere le responsabilitá di personaggi inseriti nel blocco di Potere Dominante.

Signor Presidente, faccia per un momento un esercizio mentale e si ponga al posto delle organizzazioni sociali rese vittime o si ponga al nostro posto, e si domandi che atteggiamento assumerebbe lei di fronte a questo fiume di sangue che minaccia di terminare il processo di pace che stiamo portando avanti? Che farebbe lei di fronte alla recente violazione del cessate il fuoco che ha provocato la morte di due guerriglieri nel Sud di Bolivar?

Se é impegnato a favore della pace in Colombia, agisca di conseguenza, mettendo il punto finale a questo sterminio di innocenti il cui peccato sembra essere il loro pensiero critico e la loro visione di un nuovo paese, e attuando l’accordo sulle garanzie di sicurezza.

Segretariato dello Stato Maggiore Centrale delle FARC-EP





Courtesy of Delegazione di Pace delle FARC-EP
Source: http://www.farc-ep.co/comunicado/carta-abierta-al-senor-presidente-juan-manuel-santos.html
Publication date of original article: 21/11/2016
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=19347

 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.