TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 24/02/2017 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Solidarietà con Mikaël Doulson, processato il 7 novembre a Boulogne-sur-Mer per aver appoggiato i migranti di Calais
L’accusa : “Partecipazione ad una manifestazione illegale, con dissimulazione del viso”
Date of publication at Tlaxcala: 10/11/2016
Original: Solidarité avec Mikaël Doulson, jugé le 7 novembre à Boulogne-sur-Mer pour avoir soutenu les migrants de Calais
“Participation à une manifestation illégale, avec dissimulation du visage”

Translations available: Español  English  Português 

Solidarietà con Mikaël Doulson, processato il 7 novembre a Boulogne-sur-Mer per aver appoggiato i migranti di Calais
L’accusa : “Partecipazione ad una manifestazione illegale, con dissimulazione del viso”

Mikaël Doulson Alberca میکائیل دولسن آلبرکا

Translated by  Milena Rampoldi ميلينا رامبولدي میلنا رامپلدی Милена Рампольди
Edited by  Fausto Giudice Фаусто Джудиче فاوستو جيوديشي

 

Ultime notizie: Il 7 novembre il tribunale di Boulogne-sur-Mer ha riconosciuto Mikaël Doulson colpevole degli atti di cui era stato accusato (partecipazione a una manifestazione illegale e dissimulazione del viso), e lo ha condannato a pagare immediatamente una multa di 502 € + 500 € con la sospensione della condizionale (in caso di atto recidivo entro 5 anni). Quindi Mikaël ha evitato di finire in prigione. Ormai, se nella Francia dello stato di emergenza si partecipa ad una manifestazione, non sapendo che è vietata e si protegge il proprio viso dai gas lacrimogeni e altri proiettili tossici, può costare tra i 500 e 1000 €.

Riceviamo e pubblichiamo questo messaggio del nostro amico Mikaël Doulson, vittima dell’arbitrarietà imperante a Calais oramai da troppo tempo.

Mi chiamo Mikaël Doulson e sono un giornalista impiegato da un media associativo.

Il primo ottobre alle ore 17.15 sono stato interpellato dalla polizia francese di Calais dopo aver partecipato ad una manifestazione di sostegno a favore dei migranti che vivono in un campo chiamato “la Giungla” e che verrà demolito nei prossimi giorni.

Sono stato accusato di aver “partecipato ad una manifestazione illegale, dissimulando il mio viso”.

Ma in verità ero venuto a Calais solamente per animare dei workshop di percussioni coi migranti e per scrivere un articolo sulla manifestazione, della quale non sapevo che non fosse stata autorizzata. Inoltre avevo certamente coperto la mia bocca e il mio naso con una sciarpa per proteggermi dagli effetti deleteri dei gas lacrimogeni utilizzati tantissimo dalla polizia  quel giorno, come prova anche il video che segue.

Il video del mio arresto mostra molto chiaramente il mio atteggiamento del tutto pacifista, non violento e la mia intenzione festosa. Infatti non avevo affatto intenzione di turbare l’ordine pubblico o di o minacciare cose o persone (al minuto 14):

Inoltre questo video e molti altri mostrano l’uso sproporzionato della forza (manganelli, granate antisommossa, gas lacrimogeni, flash-ball) contro una popolazione già fortemente discriminata, vulnerabile e abbandonata a se stessa:

 

Numerosi casi di violenza della polizia sono stati riportati anche dall’associazione Calais Migrant Solidarity:


Ho trascorso oltre 40 ore rinchiuso in una cella di meno di 4 metri quadri in condizioni  spaventose, umilianti e disumane: insalubrità estrema (sangue ed escrementi sui muri e sul pavimento), privazione del sonno (luce accesa 24 ore su 24), divieto di bere acqua per ore, pratiche di tortura psicologica che mirano a minare la resistenza psicologica degli arrestati prima del loro trasferimento alla comparizione immediata. Sono anche stato offeso (quando ho chiesto gentilmente il permesso di bere, mi hanno risposto di no, dicendo: “No, sono io che decido quando bevi, testa di cazzo!”), cosa che ovviamente non corrisponde al Codice deontologico della polizia nazionale francese.

Vorrei tra l’altro menzionare che la Francia viene condannata regolarmente dalla Corte Europea dei Diritti Umani e da altre istanze di giurisdizione internazionale per i pessimi trattamenti riservati ai prigionieri e alle persone in stato di fermo e per condizioni di detenzione contrarie al diritto internazionale (soprattutto contrarie all'articolo 3 della Convenzione Europea dei Diritti Umani).

Dopo lo stato di fermo sono stato trasferito alla comparizione immediata, come se fossi un criminale pericoloso. Ho chiesto un rinvio del processo per avere il tempo di preparare la mia difesa insieme alla mio avvocata e per fortuna sono stato rimesso in libertà fino alla data del processo.  

Il mio processo si terrà lunedì 7 novembre 2016 alle ore 14, presso il Tribunale (TGI) di Boulogne-sur-Mer (Pas-de-Calais). Indirizzo esatto: Place de la Résistance (proprio il nome giusto!) - 62200 Boulogne-sur-Mer.

Vi invito a venire numerose/i all’udienza aperta al pubblico per sostenere la causa dei migranti e dei senza documenti.

Infatti questo processo non è solo il mio processo, ma anche il processo di tutti coloro che si battono per difendere le libertà fondamentali: libertà d’espressione, libertà di circolazione, libertà di manifestare e di riunirsi, in breve, la libertà di sperare, organizzarsi e di cercare di costruire insieme un mondo migliore.

Il 7 novembre a partire dalle ore 12 verrà organizzato un pranzo comune autogestito sulla piazza davanti al tribunale al fine di informare sull’andamento del processo. L’idea è semplice: ognun@ porta qualcosa da mangiare e da bere e si condivide tutto!

Se volete aiutarmi, vi pregherei di prendere 30 secondi per firmare questa petizione di sostegno a mio favore (si tratta dello stesso testo di questo messaggio) e di diffonderla ampiamente su Twitter e Facebook.

Per favore diffondete questo messaggio nelle vostre reti militanti, tra i vostri amici e famigliari, ai media (alternativi e non), ecc. al fine di sostenermi e richiedere al Procuratore e al Tribunale di Boulogne-sur-Mer il ritiro delle cariche nei miei confronti.

Potete anche aiutarmi a pagare una parte dei costi del mio processo (onorario dell’avvocata, costi amministrativi, eventuale multa...), effettuando

  • un bonifico sul mio conto bancario IBAN : FR76 1350 6100 0090 7173 6800 164 e BIC: AGRIFRPP835. Banca: Crédit Agricole de Nîmes. Titolare del conto: Mr MIKAEL DOULSON.
  • o una donazione online qui

Grazie mille!             

Se volete potete anche scrivermi a soutienamikael[at]riseup.net.

Continuiamo a combattere quotidianamente, senza dimenticare il bel detto di Guy Bedos:

La libertà si perde solo se non si usa.”

Grazie mille, la lotta continua,

a  mia volta vi dico: “A domani in strada, e viviamo in piedi!”

NdlT


[1] CRS, Compagnies républicaines de sécurité:  polizia anti-sommossa, creata dal ministro degli interni socialista Jules Moch per reprimere i minatori del Nord in sciopero nel 1947.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_14654.jpg

 

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://tlaxcala-int.org/article.asp?reference=19140
Publication date of original article: 19/10/2016
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=19164

 

Tags: Mikaël DoulsonRepressione poliziescaCalais Migrants SolidarityViolazioni diritti umaniDolce FranciaUEropa
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.