TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 19/01/2021 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 AFRICA 
AFRICA / Raccolto di miseria: l'accaparramento della palude di Yala distrugge i mezzi di sussistenza degli agricoltori del Kenia
Date of publication at Tlaxcala: 14/03/2015
Original: Harvest of hardship: Yala Swamp land grab destroys Kenyan farmers' livelihoods
Translations available: Français  Español  Deutsch 

Raccolto di miseria: l'accaparramento della palude di Yala distrugge i mezzi di sussistenza degli agricoltori del Kenia

GRAIN

Translated by  Alba Canelli

 

Nel 2004, Dominion Farms arrivò, piena di belle promesse nel bacino della palude di Yala in Kenya. L'idea era di trasformare una fattoria statale moribonda in una piantagione di riso moderno, fornire posti di lavoro per la popolazione locale e costruire ospedali e scuole. Il proprietario statunitense dell'azienda, Calvin Burgess, si è presentato come un "uomo di Dio" in missione per portare in Africa il progresso degli Stati Uniti. La gente del posto, convinta da questa grandiosa visione, ha deciso senza esitazione e di comune accordo, di consentire alla Dominion Farms di coltivare 3700 ettari di terreno. 

Ma dieci anni dopo, le comunità non hanno raccolto che miseria.

Yala Swamp (Foto: Janak Communications)

"Quando arrivò Burgess, gli abbiamo lasciato prendere le terre che erano state precedentemente assegnate al governo per istituire una fattoria sperimentale", dice Erastus Odindo, un agricoltore locale. "Ma la Dominion Farms ha preso molta più terra del previsto. La società ha sequestrato tutte le nostre terre comunitarie senza il nostro consenso e bloccato il nostro accesso all'acqua".

Odindo ed altri agricoltori locali hanno perso quasi tutte le terre che usavano per far pascolare il loro bestiame.

Calvin Burgess

"Burgess ha deriso la nostra agricoltura e ci ha detto di abbandonare il nostro allevamento di bestiame tradizionale, perché si trattava di un sistema obsoleto", dice Odindo. "Ma ora ha recintato la nostra terra da pascolo e la utilizza per allevare le proprie mandrie. Ci perdiamo due volte perché inoltre, vende i suoi animali nel mercato locale a prezzi più bassi, e ciò ci penalizza".
 
Gli accordi firmati da Dominion Farms con le autorità locali coinvolgevano una grande risaia. Ma la società ha anche iniziato l'allevamento, la produzione di ortaggi, banane e pesce.
"L'azienda produce e vende le stesse cose dei contadini di qui," dice Odindo. "Prima la Dominion ha preso la nostra terra e la nostra acqua, ed ora ci prende i nostri mercati. E il loro modo di coltivare, non è più efficace del nostro. Tutte le loro macchine non servono che a fare rumore".
 
La Fattoria di riso della Dominion Farms si è estesa ai limiti del villaggio di Odindo. "Quando l'azienda sparge i pesticidi per via aerea, cadono direttamente sulle nostre case, avvelenando la gente e contaminando il nostro approvvigionamento di acqua", si lamenta. "I lavoratori sono regolarmente esposti ai pesticidi".
 

Il presidente keniota Mwai Kibaki stringe la mano all'Amministratore Delegato di Dominion Farm, Calvin Burgess

Le comunità locali accusano Dominion Farm di inquinare la loro terra, la loro acqua e aria e compromettere seriamente la biodiversità della regione. Dicono che per loro è difficile oggi avere accesso all'acqua potabile a causa dell'inquinamento causato da pesticidi e fertilizzanti chimici, e che è pericoloso per la salute di madri e bambini.
 
Secondo Odindo, i buoni posti di lavoro promessi dalla società si sono dimostrati un miraggio. La maggior parte dei lavoratori sono impiegati su base occasionale, con solo poche guardie assunti come personale permanente. La loro retribuzione è irregolare e talvolta in ritardo. "L'azienda non ha pagato gli stipendi negli ultimi due mesi e la gente si sta chiedendo se non è in difficoltà finanziarie", dice Odindo.
 
La Dominion Farms, tuttavia, sembra avere l'intenzione di accaparrarsi ancora più terra. Avendo preso possesso di tutte le terre gestite collettivamente dalle comunità, la società sta perseguendo una politica aggressiva di negoziare con i proprietari terrieri privati. Secondo Odindo la Dominion Farms lavora con miliardari del Kenya per garantire la terra per i grandi progetti agricoli, come una piantagione di canna da zucchero che sta iniziando a sviluppare.
 
Nel frattempo, Dominion Farms sta anche portando avanti un nuovo progetto di piantagione di riso nello stato di Taraba in Nigeria; questa piantagione sarebbe diverse volte più volte l'equivalente del progetto della palude di Yala. Odindo spera che le comunità della Nigeria possano imparere da ciò che la sua comunità ha attraversato per non essere ingannati dalle promesse di Dominion Farms.
 
Per ulteriori informazioni, si prega di contattare
Erastus Odindo: erastusodindo@yahoo.com
Chris Owalla: owallac@ciagkenya.org




Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.grain.org/fr/article/entries/5061-harvest-of-hardship-yala-swamp-land-grab-destroys-kenyan-farmers-livelihoods
Publication date of original article: 23/10/2014
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=14385

 

Tags: AfricaDominion FarmYala SwampKeniaLand grabbingaccaparramento di terreMultinazionaliUSAColonialismoPovertà
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.